4.000 anni fa in Iraq c’erano le città: la nuova scoperta degli archeologi nel deserto conferma che la Mesopotamia è la “culla della civiltà” – video

cloudfront.net

Un antico insediamento urbano che si ritiene risalga all’epoca prebabilonese è stato scoperto in un deserto nel sud dell’Iraq. Secondo il sito di notizie mediorientale Al-Monitor, un gruppo di archeologi russi e colleghi iracheni ha effettuato la scoperta il 24 giugno nell’area di Tell Duhaila nel governatorato di Dhi Qar, a circa 30 km dall’antica città di Ur. Il ritrovamento si unisce a un elenco di oltre 1.200 siti archeologici della regione, alcuni ancora da scavare, in quella che un tempo faceva parte del delta della Mesopotamia, spesso definita “la culla della civiltà”:

the-past.com

“Secondo le prime speculazioni, la città potrebbe essere la capitale di uno Stato fondato in seguito al crollo politico alla fine dell’antica era babilonese [verso la metà del II millennio a.C.], che provocò la sistematica distruzione della vita urbana della civiltà sumera”, ha detto ad Al-Monitor il capo dello scavo russo, Alexei Jankowski-Diakonoff . Il team ha iniziato le sue ricerche nell’area nel 2019. I manufatti scoperti nel sito includono una punta di freccia ossidata, tracce di stufe e statue di cammelli in argilla risalenti alla prima età del ferro. Parlando dell’importanza del sito, Jankowski-Diakonoff afferma che “rivela il primo sviluppo dell’agricoltura che utilizza il limo in Mesopotamia” aggiungendo che “contiene resti del materiale del periodo che ha preceduto l’emergere della civiltà sumera“. Foto:

- Prosegue dopo la pubblicità -
the-past.com

Jankowski-Diakonoff afferma che ulteriori indagini sul sito potrebbero potenzialmente rivelare oggetti con scrittura cuneiforme in un “contesto archeologico indisturbato“, il che sarebbe “estremamente importante“. Da ottobre, squadre di università e musei internazionali, tra cui 10 missioni italiane, americane, francesi, britanniche e russe, hanno programmato di esplorare la vasta area di Dhi Qar. Amer Abdel Razak, il direttore delle antichità di Dhi Qar, ha detto ad Al-Monitor che il sito era stato scoperto e registrato presso il Dipartimento delle antichità di Dhi Qar come “un sito archeologico estremamente significativo” prima dell’arrivo della squadra russa in Iraq. Tuttavia, senza finanziamenti e sostegno da parte del governo iracheno, spesso spetta agli archeologi stranieri scavare la terra. Quello effettuato nel 2021 non rappresenta un caso isolato. Come ricorda un servizio diffuso su YouTube nel 2019 dalla tv araba Al Jazeera, infatti, i resti vecchi di circa 3.500 anni di una città appartenuta al regno dell’antica popolazione dei Mittani furono rinvenuti a nord del paese:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il capo della Commissione Cultura, Turismo e Antichità del parlamento iracheno, Sumaya al-Ghallab, afferma che il Paese deve garantire “i fondi e la protezione necessari per le squadre di scavo” e creare “una strategia per un processo di scavo e ricerca che copra il intera mappa archeologica in Iraq”.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.