Scoperta nell’oceano una “dead zone”: non c’è ossigeno e gli animali stanno morendo. Possibile conseguenza dei cambiamenti climatici secondo gli scienziati

Gli esperti sono preoccupati per il futuro degli ecosistemi oceanici di fronte ai cambiamenti climatici dopo la scoperta di una zona ipossica particolarmente ampia situata nell’Oceano Pacifico:

Una zona ipossica, più evocativamente denominata “zona morta“, è un fenomeno in cui i livelli di ossigeno in una macchia d’acqua precipitano, rendendola inabitabile. Le creature marine in grado di fuggire dalla zona tenteranno di farlo, ma quelle che non lo faranno moriranno insieme a tutta la vita marina meno mobile. In questo momento, la zona ipossica individuata nei fondali a largo dello Stato dell’Oregon, è larga circa 100 metri, ma gli esperti hanno detto al Washington Post che si aspettano che questo fenomeno possa crescere, poiché la stagione della zona ipossica – di per sé una nuova orribile tendenza climatica – peggiora sempre più nelle ultime estati. “È uno dei cavalieri del cambiamento climatico nel mare”, ha detto a WaPo il ricercatore della Oregon State University Francis Chan. “E questo perché l’acqua che otteniamo ha meno ossigeno disciolto rispetto a prima”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In un’intervista separata con il canale affiliato della ABC KATU questo fine settimana, Chan ha spiegato che è preoccupato che questi orrori sottomarini stiano diventando sempre più comuni. “Siamo stati in grado di vedere nel mezzo di una zona a basso contenuto di ossigeno, abbiamo potuto vedere stelle marine e cetrioli di mare, granchi, che in realtà soffocavano ed erano semplicemente disseminati sul fondo del mare”, ha detto a KATU . “Sempre di più, le prove indicano davvero fortemente che il cambiamento climatico è un fattore”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

È semplice questione chimica quella che prevede l‘acqua più calda può dissolvere meno ossigeno, presentando una prospettiva terribile per l’oceano mentre le temperature continuano ad aumentare. Chan ha aggiunto che gli esperti non sono del tutto sicuri di quali saranno gli impatti a lungo termine delle varie zone morte dell’Oceano Pacifico sulla sua salute ecologica generale. Ma dato che il peggioramento del cambiamento climatico ha fatto sì che gli oceani del mondo stiano perdendo una parte significativa del loro ossigeno negli ultimi decenni, possiamo probabilmente aspettarci di vedere zone morte più grandi e più frequentemente, mentre l’ambiente globale continua a ridursi in maniera preoccupante.

 

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.