Sciame di api uccide 63 pinguini in via di estinzione secondo i ricercatori del Sudafrica – video

Nel 2021, delle api del genere Cape Honey (ape del capo, Apis mellifera capensis) hanno ucciso 63 pinguini sudafricani ad alto rischio di estinzione durante un attacco alla colonia di pinguini a Simon’s Town, in Sudafrica:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Mentre gli ambientalisti affermano che è improbabile che lo strano incidente possa provocare l’estinzione della specie, Reuters riferisce che l’improvvisa e drammatica perdita di dozzine di adulti sani mette gli uccelli in una posizione terribile. Avviso equo: il video report di Reuters – cui link riportiamo qui sotto – contiene alcune immagini grafiche dei pinguini. Gli uccelli morti sono stati trovati per la prima volta – con più punture di api che punteggiavano la loro pelle – venerdì mattina, riporta la CNN. Successivamente, i ricercatori hanno anche trovato api morte sulla riva. In assenza di altre lesioni o cause di morte emerse durante le analisi post mortem, gli scienziati erano fiduciosi che l’attacco delle api fosse responsabile delle morti di massa. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Questo è un evento molto raro. Non ci aspettiamo che succeda spesso, è un colpo di fortuna”, ha detto ad Agence France-Presse il veterinario della South African Foundation for the Conservation of Coastal Birds (SANCCOB) David Roberts. La perdita di così tanti uccelli rappresenta una perdita drammatica che renderà molto più difficile mantenere in vita la specie, ha detto a Reuters Katta Ludynia, responsabile della ricerca presso SANCCOB  Ciò è particolarmente vero dal momento che erano adulti sani che avrebbero potuto aiutare la popolazione di uccelli in via di estinzione a riprendersi. “Il motivo per cui è così tragico è che il pinguino africano è altamente in pericolo e abbiamo così pochi uccelli rimasti in natura”, ha aggiunto Ludynia. “Una popolazione sana potrebbe affrontare un incidente strano come questo. Ma poiché ci sono già così pochi uccelli rimasti in libertà, stiamo fondamentalmente cercando di salvarli tutti. E perdere quel numero di uccelli è ovviamente orribile”.
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.