Mini foreste di piante indiane nel mondo

In qualità di ingegnere industriale, l’indiano Shubhendu Sharma ha sempre pensato a modi per rendere la produzione più efficiente. Per anni la sua specialità è stata lo sviluppo di automobili, fino al momento in cui ha incontrato il giapponese Akira Mitawaki. Da lì, la sua attenzione si è concentrata sulla piantagione di foreste e ha trovato un modo per ottimizzarlo e persino diffondere il metodo nel mondo. Nel suo discorso TED ha mostrato cosa lo ha motivato a diventare un allevatore forestale e quali sono stati i risultati. Non appena incontrò il signor Mitawaki, l’indiano si interessò presto al modo in cui i giapponesi insegnavano alle persone a piantare.

A differenza del rimboschimento tradizionale, che lascia un ampio spazio tra gli alberi, la tecnica giapponese prevede la piantumazione di specie autoctone di varie specie in un’area molto ridotta. Dopo essere stato presentato al tecnico, Sharma si è innamorato del modello e lo ha replicato. Il primo posto a ricevere la mini foresta è stata la sua stessa casa. L’indiano ha utilizzato uno spazio libero nel suo cortile, ha iniziato a piantare e in breve tempo i risultati erano già molto visibili. Ha monitorato il processo e ha spiegato che, tre anni dopo, lo sviluppo aveva superato di gran lunga i tassi tradizionali.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le mini foreste sono cresciute dieci volte più velocemente, 30 volte più dense, con una biodiversità cento volte maggiore e totalmente organiche. Di conseguenza, Sharmam spiega che l’assorbimento del suolo è notevolmente migliorato, così come la qualità dell’aria, il numero di uccelli nella regione è raddoppiato ed è persino in grado di raccogliere la frutta nel proprio giardino. Il modello è così efficiente che è possibile avere una piccola foresta con 300 alberi nello stesso spazio dove sarebbero parcheggiate solo sei auto. Le piantine sono poste molto vicine tra loro e l’unica fonte di fertilizzazione in più è la biomassa, ottenuta localmente. I costi di questo grande impianto in una piccola area sono inferiori a quelli di un iPhone, sottolinea l’indiano.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per consentire all’idea di essere replicata in altri luoghi, ha creato una società di consulenza che aiuta e dà istruzioni in modo che chiunque possa piantare la propria foresta. Inoltre, rende disponibili le informazioni online e intende creare un’applicazione e un GPS che consentano il monitoraggio dei progetti e la disponibilità di istruzioni in tempo reale a chiunque nel mondo.  Come piantare una mini foresta? La prima cura è con l’analisi del suolo e con l’identificazione di quali specie verranno utilizzate nella piantumazione, ricordando che è sempre necessario optare per piante autoctone e per la maggior diversità possibile. Per il suolo, l’ideale è utilizzare solo fertilizzanti organici o la biomassa di qualche input naturale per la fertilizzazione. Fatto ciò, puoi iniziare a lavorare con le piantine, che dovrebbero essere alte al massimo 80 centimetri. L’ideale è avere una foresta molto fitta, quindi verranno piantate da tre a cinque piantine per metro quadrato.

Idealmente, l’area utilizzata per la semina dovrebbe avere almeno cento metri quadrati. In otto mesi il raccolto sarà così denso che i raggi del sole non raggiungeranno più il suolo. Da quel momento in poi, la piccola foresta è autosufficiente. Le gocce di pioggia rimangono nel terreno più a lungo e le foglie che cadono vengono utilizzate come fertilizzante naturale. Anche così, avrà ancora bisogno di annaffiare per i primi due anni, fino a quando il suo ecosistema non sarà completamente stabilito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: ciclovivo.com.br

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.