Spada delle Crociate ritrovata sul fondale marino, la scoperta di un sub

timesofisrael.com

Un’impressionante spada lunga un metro risalente al periodo crociato è stata trovata da un subacqueo sul fondo del mare al largo della costa del Carmelo. Lo ha annunciato l’Autorità per le Antichità (IAA):

timesofisrael.com

Shlomi Katzin, un subacqueo di Atlit, ha individuato diversi resti antichi come frammenti di ceramica e ancore in pietra e metallo, nonché la lama, che probabilmente è riemersa dopo lo spostamento delle sabbie. Temendo che il manufatto potesse essere coperto di nuovo, lo ha portato in superficie e contattato l’IAA. “La spada, che è stata conservata in perfette condizioni, è un bellissimo e raro ritrovamento ed evidentemente apparteneva a un cavaliere crociato“, ha affermato l’ispettore dell’unità di prevenzione delle rapine dell’IAA, Nir Distelfeld.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

È stato trovato incrostato di organismi marini, ma a quanto pare è fatta di ferro. È emozionante incontrare un oggetto così personale, che ti riporta indietro di 900 anni nel tempo in un’era diversa, con cavalieri, armature e spade“. La Costa del Carmelo è stata testimone di momenti importanti nella storia delle Crociate:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Perseguendo l’idea di liberare i luoghi santi dal dominio musulmano e incoraggiati dalla Chiesa cattolica romana, le potenze europee avviarono diverse campagne militari in Medio Oriente tra l’XI e il XIII secolo, che portarono alla creazione di un certo numero di stati cristiani nell’area del moderno Israele, Libano e Siria:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel 1187, il sultano musulmano Saladino riuscì a sconfiggere gli stati crociati e riconquistare Gerusalemme, spingendo il re Riccardo I d’Inghilterra, celebrato come “Cuor di Leone”, ad avviare un’altra campagna militare per riconquistare il controllo cristiano sulla Terra Santa. Le azioni di Richard portarono a un’ondata di “febbre crociata” in Inghilterra, con conseguente antisemitismo senza precedenti nella nazione insulare, incluso un massacro di ebrei a York, tra gli altri omicidi. Dopo che Acri si arrese a lui, il re iniziò a scendere lungo la costa di Israele con le sue forze per riconquistare Giaffa, a circa 120 km. (75 miglia) a sud, e marciò attraverso l’area. Nel 1191, le truppe cristiane sconfissero l’esercito di Saladino nella battaglia di Arsuf. Nel corso dei secoli, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, le acque della Costa del Carmelo sono state solcate da migliaia di barche.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La costa del Carmelo contiene molte insenature naturali che hanno fornito riparo alle antiche navi in ​​caso di tempesta e insenature più grandi attorno alle quali si sono sviluppati interi insediamenti e antiche città portuali, come Dor e Atlit”, ha osservato Kobi Sharvit, direttore dell’unità di archeologia marina dell’IAA. “Queste condizioni hanno attratto navi mercantili nel corso dei secoli, lasciando dietro di sé ricchi reperti archeologici. La spada recuperata di recente è solo uno di questi ritrovamenti.” Il sito specifico in cui è stata trovata la spada era già noto all’IAA:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Precedenti ritrovamenti suggerivano che fosse utilizzato come ancoraggio naturale già 4000 anni fa, durante la tarda età del bronzo. L’identificazione di resti archeologici sul fondo del mare presenta spesso difficoltà a causa delle condizioni in continuo cambiamento. Per questo motivo, le scoperte fortuite possono fare una grande differenza. “Il rilevamento subacqueo è dinamico”, ha affermato Sharvit. “Anche la più piccola tempesta sposta la sabbia e rivela aree sul fondo del mare, seppellendone altre. È quindi di vitale importanza segnalare tali ritrovamenti e cerchiamo sempre di documentarli in situ, al fine di recuperare quanti più dati archeologici possibile”.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.