Come sarebbe oggi la Terra se non ci fossero gli esseri umani?

Un’illustrazione di un Glyptodon estinto , un’enorme creatura simile a un armadillo che visse durante l’ultima era glaciale.(Credito immagine: Daniel Eskridge / Stocktrek Images tramite Getty Images)

L’impronta digitale dell’umanità può essere vista in tutto il pianeta oggi, dagli imponenti grattacieli che definiscono le nostre moderne metropoli alle piramidi e ad altri antichi monumenti del nostro passato. L’attività umana segna anche i nostri vasti campi aperti dell’agricoltura e le strade che collegano tutto insieme. Ma come sarebbe stato il mondo oggi se gli umani non fossero mai esistiti? Alcuni scienziati dipingono un’immagine di una natura incontaminata e di un’abbondanza di specie, da quelle familiari a quelle meno familiari:

“Penso che sarebbe un luogo molto più vegetato con una ricchezza di animali, di grandi dimensioni diffusi in tutti i continenti tranne che in Antartide, ha detto a WordsSideKick.com Trevor Worthy, paleontologo e professore associato presso la Flinders University in Australia. Un mondo senza umani moderni potrebbe anche significare che i nostri parenti umani estinti, come i Neanderthal, sarebbero ancora in giro. E anche loro, indubbiamente, avrebbero cambiato il panorama. Gli esseri umani hanno plasmato il mondo a spese di molte specie, dal dodo ( Raphus cucullatus ) alla tigre della Tasmania ( Thylacinus cynocephalus ), che abbiamo portato all’estinzione attraverso attività come la caccia e la distruzione dell’habitat. 

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il tasso di estinzione sulla Terra oggi è più di 100 volte quello che sarebbe senza l’uomo secondo le stime più prudenti e non è stato più alto dall’evento di estinzione del Cretaceo- Paleogene (K-Pg) che ha spazzato via circa l’80% delle specie animali, compresi i dinosauri non aviari, 66 milioni di anni fa, secondo quanto riportato in precedenza da Live Science. In altre parole, gli umani hanno colpito questo pianeta come un asteroide e la polvere si sta ancora depositando mentre la fauna selvatica continua a diminuire. Il mio bis, bisnonno è stato in grado di osservare stormi di migliaia di parrocchetti nei paesaggi naturali, mio ​​nonno ha visto branchi di un centinaio, mio ​​padre ne ha visti alcuni e sono fortunato se riesco a vederne due nelle foreste”, ha detto Worthy. . 

Il declino della natura guidato dall’uomo indica che la Terra sarebbe un luogo molto più selvaggio senza di noi, con alcuni giganti perduti, come i moa, che sporgono più di altri. Questo gruppo di uccelli simili a struzzi, alcuni dei quali si estendevano fino a 11,8 piedi (3,6 metri), si è evoluto in Nuova Zelanda nel corso di milioni di anni. Entro 200 anni dall’arrivo degli umani nelle terre di questi uccelli 750 anni fa, tutte e nove le specie di moa erano scomparse, insieme ad almeno altre 25 specie di vertebrati, tra cui le aquile giganti di Haast ( Hieraaetus moorei ) che cacciavano i moa, secondo Worthy. I moa giganti e le aquile di Haast sono esempi recenti di grandi animali la cui estinzione è definitivamente legata alle attività umane, come la caccia insostenibile e l’introduzione di specie invasive in nuovi habitat. Sono anche indicatori di come potrebbe essere stato altrove il nostro rapporto con i grandi animali. La sopravvivenza di grandi animali è fondamentale per speculare su una Terra senza umani, poiché queste bestie hanno un impatto così pesante sui paesaggi. Sören Faurby, docente di zoologia presso l’Università di Göteborg in Svezia, ritiene che gli esseri umani abbiano svolto un ruolo chiave nella scomparsa di molti grandi mammiferi risalenti a migliaia di anni fa:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ha condotto uno studio del 2015, pubblicato sulla rivista Diversity and Distributions, che suggeriva che, senza gli esseri umani, la Terra assomiglierebbe in gran parte al moderno Serengeti , un ecosistema africano brulicante di vita. In questo scenario, animali estinti simili a quelli che si trovano oggi nel Serengeti, inclusi elefanti , rinoceronti e leoni , vivrebbero in tutta Europa. Ad esempio, al posto dei leoni africani ( Panthera le o ), ci sarebbero ancora i leoni delle caverne ( Panthera spelaea ), una specie leggermente più grande che viveva in Europa fino a circa 12.000 anni fa. Nel frattempo, le Americhe sarebbero la patria di parenti di elefanti e orsi massicci, insieme a specie uniche, come i parenti di armadilli delle dimensioni di un’auto chiamati Glyptodon e bradipi giganti di terra, secondo Faurby. In un mondo senza umani, ci sarebbe una diversità molto più grande di grandi mammiferi e se vedi una diversità più ampia di grandi mammiferi, tendi a vedere un habitat molto più aperto“, ha detto Faurby a WordsSideKick.com. 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli elefanti e altri animali di grandi dimensioni sono piuttosto determinati quando trovano cibo e non sopportano ostacoli inutili. “Se sei abbastanza grande, allora potrebbe essere più facile per te abbattere un albero e mangiare le foglie fresche in cima“, ha detto Faurby. Ma anche, se ci sono una tonnellata di grandi mammiferi, tende ad essere meno vegetazione boschiva che emerge in primo luogo, ha aggiunto.  Grandi animali, come gli elefanti, sono conosciuti come megafauna. Durante l’ultima era glaciale del Pleistocene , (da 2,6 milioni a 11.700 anni fa), il mondo era ricco di megafauna, ma la maggior parte si estinse alla fine dell’era glaciale o nei millenni successivi. Ad esempio, circa 38 generi di grandi animali si sono estinti in Nord America alla fine dell’ultima era glaciale, secondo uno studio del 2020 sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences . Nel secolo scorso, gli scienziati hanno discusso se i cambiamenti climatici naturali o le attività umane, come la caccia eccessiva, fossero la causa principale del declino di questi grandi animali.  

Uno studio del 2021 pubblicato sulla rivista Nature ha concluso che il cambiamento climatico alla fine ha spazzato via i mammut lanosi ( Mammuthus primigenius ) e altri megafauna dell’Artico sopravvissuti alla fine del Pleistocene, poiché il clima caldo lo ha reso troppo umido per la vegetazione che mangiavano per sopravvivere.  Gli umani, tuttavia, cacciavano i mammut. Gli scienziati che pensano che gli umani siano stati probabilmente il fattore chiave della loro estinzione, come Faurby, sostengono che i mammut sono sopravvissuti ai cambiamenti climatici prima che arrivassero gli umani e probabilmente avrebbero potuto sopravvivere fino ai giorni nostri se non fosse stato per l’ulteriore pressione esercitata dagli umani su di loro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Christopher Doughty, professore associato ed ecologista dell’ecosistema presso la Northern Arizona University, modella il modo in cui i grandi animali del passato e del presente spostano semi e sostanze nutritive attraverso il cibo e la defecazione. Il suo lavoro suggerisce che il trasporto di elementi come fosforo , calcio e magnesio , che sono fondamentali per la vita, è diminuito di oltre il 90% a causa dell’estinzione dei grandi animali.  Doughty ipotizza che senza gli esseri umani, gli elementi sarebbero distribuiti in modo più uniforme nel paesaggio. Ciò significherebbe un terreno più fertile, che renderebbe gli ecosistemi più produttivi. “Se gli elementi sono più irregolari negli ecosistemi, la produttività sarà più irregolare”, ha detto Doughty.  Secondo Doughty, gli esseri umani tendono ad aggregare gli elementi attraverso pratiche come l’agricoltura e la creazione di aree recintate, quindi queste aree diventano meno fertili nel tempo rispetto ai sistemi selvatici. Una maggiore fertilità significa che le piante possono allocare le loro risorse verso più frutti e fiori, in modo che il mondo possa sembrare più vivace e nutrire più animali.

Anche il clima potrebbe essere diverso, e mentre è difficile dire come gli esseri umani e la megafauna possano aver influenzato i cambiamenti climatici migliaia di anni fa con prove oscurate dal tempo, è molto più facile giudicare il nostro impatto sul clima terrestre oggi. Attraverso il riscaldamento globale , causato da attività come la combustione di combustibili fossili, gli esseri umani hanno aumentato la temperatura globale media di circa 1,8 gradi Fahrenheit (1 grado Celsius) dall’inizio del XX secolo. La Terra, quindi, sarebbe stata almeno molto più fresca senza di noi.  Uno studio del 2016 pubblicato su Nature ha concluso che il riscaldamento causato dall’uomo ritarderà un’imminente era glaciale di almeno 100.000 anni. Tuttavia, non sarebbe dovuto per altri 50.000 anni, anche senza il ritardo umano, quindi è improbabile che la Terra sarebbe nel mezzo di un’altra era glaciale oggi se non ci fossimo noi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli umani moderni ( Homo sapiens ) come siamo oggi non sono sempre stati gli unici ominidi del blocco, e rimuoverci dall’equazione potrebbe aver aperto la porta ai nostri cugini di Neanderthal . Gli scienziati non sono sicuri del motivo per cui i Neanderthal si siano estinti circa 40.000 anni fa, ma poiché si sono incrociati con H. sapiens , parti del loro DNA vivono in alcuni di noi. Probabilmente c’erano più ragioni per la morte dei Neanderthal, ma siamo i principali sospettati. Chris Stringer, professore e leader di ricerca sulle origini umane presso il Museo di storia naturale di Londra, pensa che la competizione per le risorse sia stata un fattore nella scomparsa dei Neanderthal. “Se non fossimo stati in giro, se non fossimo venuti in Europa 45.000 o 50.000 anni fa, penso che probabilmente sarebbero ancora qui”, ha detto a WordsSideKick.com.

Secondo Stringer, i Neanderthal conducevano vite complesse in Europa, simili agli umani moderni, ma avevano difficoltà a far fronte ai cambiamenti climatici ed erano relativamente pochi di numero, con una bassa diversità genetica. Questa è una cattiva notizia per qualsiasi specie, poiché è un segno di consanguineità e cattiva salute. I Neanderthal erano probabilmente “già nei guai, e quando anche gli umani moderni sono arrivati ​​​​lì, penso che potrebbe essere stato ciò che li ha spinti oltre il limite”, ha detto Stringer.  Ma non erano solo i Neanderthal che gli umani potrebbero aver trattenuto. Gli scienziati stanno ancora imparando su almeno un altro lignaggio umano vissuto più o meno nello stesso periodo degli umani moderni e dei Neanderthal: i Denisova. Questo lignaggio sembra essere più vicino ai Neanderthal rispetto agli umani moderni nei geni e nell’aspetto, ma è distinguibile dai Neanderthal per i suoi molari molto grandi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli esseri umani probabilmente si sono incrociati con i Denisova in quanto vi sono prove del DNA di Denisova negli esseri umani attuali che vivono in luoghi come la Nuova Guinea in Oceania – una scoperta che indica che i Denisova erano nel sud-est asiatico interagendo con gli antenati degli umani moderni che in seguito si stabilirono più a est, secondo a uno studio del 2012 pubblicato sulla rivista Science. I Denisova hanno anche collaborato con i Neanderthal in Siberia, dove sono stati trovati i resti fossili di un ibrido Denisovan-Neanderthal, secondo quanto riportato in precedenza da Live Science .

Queste interazioni di Denisova, insieme alle prove fossili, suggeriscono che avevano una gamma geografica più ampia rispetto ai Neanderthal, comprendendo una maggiore varietà di ambienti, e quindi, probabilmente, erano più ampiamente adattati rispetto ai Neanderthal. Le prove del DNA suggeriscono anche che i Denisova probabilmente avevano una maggiore diversità genetica rispetto ai Neanderthal, secondo Stringer. “Potevano essere una scommessa ancora migliore per la sopravvivenza rispetto ai Neanderthal.” 

- Prosegue dopo la pubblicità -

I Neanderthal e i Denisova sono importanti, perché se uno o entrambi questi lignaggi fossero sopravvissuti, avrebbero potuto tracciare un percorso simile a quello che H. sapiens alla fine ha forgiato, passando dalla raccolta di cacciatori quando l’ultima era glaciale si è conclusa allo sviluppo dell’agricoltura. “Non c’è motivo per cui i Neanderthal o i Denisova non avrebbero potuto farlo alla fine, dato abbastanza tempo”, ha detto Stringer. Potrebbero aver superato eventuali carenze intellettuali, che non è chiaro abbiano avuto, attraverso l’ evoluzione, ha aggiunto. Quindi forse il mondo non sarebbe poi così diverso, dopotutto.  “E allo stesso modo, potrebbero commettere gli stessi errori che abbiamo fatto da allora”, ha detto Stringer. “Quindi, il riscaldamento globale potrebbe essere ancora qui, ma con i Neanderthal oi Denisova che lo guidano, non noi. Chi lo sa?”

Pubblicato originariamente su Live Science.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.