Risolto il mistero della scomparsa della “Venezia cinese”, la civiltà avanzata 4000 anni fa distrutta dai cambiamenti climatici

Circa 5.300 anni fa, un’antica civiltà emerse nell’est della Cina, costruendo una città brillante che forse non era mai stata vista prima in tutta l’Asia, e forse nemmeno nel mondo intero. Le tracce superstiti della cultura Liangzhu, che sorsero lungo le rive del delta del fiume Yangtze nell’est della Cina, sono una testimonianza di ciò di cui questa singolare società neolitica era capace negli ultimi tratti dell’età della pietra:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le rovine archeologiche della città di Liangzhu mostrano numerosi segni di progressi sociali, culturali e tecnologici per il periodo, in particolare nell’agricoltura e nell’acquacoltura. Le sofisticate caratteristiche architettoniche, tra cui l’ingegnosa ingegneria idraulica che ha permesso canali, dighe e bacini idrici, hanno portato ad allusioni al fatto che Liangzhu fosse una “Venezia d’Oriente” neolitica. Tuttavia, nessuna di queste meraviglie sarebbe durata. Dopo un singolo millennio innovativo, la cultura di Liangzhu è misteriosamente crollata circa 4.300 anni fa e l’antica città è stata bruscamente abbandonata. Esattamente perché non è mai stato completamente compreso, anche se molti hanno suggerito che una qualche forma di inondazione catastrofica abbia portato all’improvviso declino. “Sulle rovine conservate è stato trovato un sottile strato di argilla, che indica una possibile connessione tra la fine della civiltà avanzata e le inondazioni del fiume Yangtze o le inondazioni del Mar Cinese Orientale“, spiega il geologo Christoph Spötl dell’Università di Innsbruck In Austria. “Tuttavia, dallo strato di fango stesso non erano possibili conclusioni chiare sulla causa“. Ora abbiamo un’immagine più chiara del diluvio che ha annegato questo luogo sbalorditivo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

In un nuovo studio , Spötl e un team internazionale di ricercatori sono andati molto più in profondità degli antichi depositi di fango, esaminando formazioni minerali (o speleotemi) come le stalagmiti di due grotte sottomarine della regione, che conservano le firme chimiche delle condizioni climatiche molto tempo fa. Guidati dal primo autore Haiwei Zhang dell’Università cinese di Xi’an Jiaotong, la loro analisi dei campioni di stalagmiti mostra che il crollo della città di Liangzhu ha coinciso con un periodo di precipitazioni estremamente elevate che probabilmente è durato decenni oltre 4.300 anni fa, probabilmente a causa della maggiore frequenza di El Niño- condizioni di oscillazione del sud. “Questo è sorprendentemente preciso alla luce della dimensione temporale”, afferma Spötl.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Le massicce piogge monsoniche probabilmente hanno portato a inondazioni così gravi dello Yangtze e dei suoi rami che persino le sofisticate dighe e canali non potevano più resistere a queste masse d’acqua, distruggendo la città di Liangzhu e costringendo le persone a fuggire”. Secondo i ricercatori, i precedenti casi di cambiamento climatico nella regione del delta del fiume Yangtze potrebbero aver avuto un impatto anche su altre culture neolitiche che abitavano l’area prima che la società Liangzhu sorgesse in un periodo di condizioni ambientali aride e relativamente stabili. Ma la storia e il tempo hanno fatto sì che questa prospera città non potesse durare per sempre. “Gli studi archeologici mostrano la presenza di complessi idraulici su larga scala come grandi dighe di terra vicino alla città di Liangzhu, che sono state costruite tra [5.300 e 4.700 anni prima del presente]“, scrivono i ricercatori nel loro studio. “Ciò suggerisce che la società di Liangzhu gestiva efficacemente le risorse idriche utilizzando infrastrutture idrauliche per la mitigazione delle inondazioni e/o l’irrigazione per sopravvivere in un clima secco”. Con il tempo, tuttavia, quel clima secco sembra essere diventato progressivamente più secco, culminando in una possibile “megasiccità” circa 4.400 anni fa, a quel punto sembra che la costruzione di dighe sia cessata, poiché le dighe esistenti sarebbero state sufficienti in condizioni aride. E poi sono arrivate le piogge, cadendo in due distinti periodi di scoppio tra circa 4.400-4.300 anni fa:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“I nostri record speleotemi, insieme alle prove geochimiche di depositi alluvionali sopra lo strato di cultura di Liangzhu, suggeriscono che massicce precipitazioni nell’intero tratto medio-basso della valle del fiume Yangtze potrebbero aver indotto inondazioni fluviali e/o inondazioni marine trasportate dal fiume Yangtze. pennacchio e quindi ha impedito l’abitazione umana e la coltivazione del riso”, spiegano gli autori .”Le enormi inondazioni e inondazioni dovute allo scarso drenaggio nella terra bassa potrebbero aver costretto il popolo Liangzhu ad abbandonare la capitale e le abitazioni nella pianura di Taihu, portando infine al crollo dell’intera civiltà Liangzhu”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per centinaia di anni dopo, le condizioni umide rimasero, durante le quali altre antiche culture sorsero temporaneamente per succedere ai Liangzhu – almeno, fino a quando un’altra mega siccità probabilmente portò alla “scomparsa finale” delle società umane neolitiche nella regione. Più o meno nello stesso periodo, la società cinese stava per iniziare un nuovo capitolo di trasformazione, con la fondazione della dinastia Xia nel 2070 a.C., considerata la prima dinastia della Cina, guidata da Yu il Grande. “Mentre molti documenti indicano che il leader Yu ha costruito la dinastia Xia perché ha gestito con successo le inondazioni dei fiumi, alcuni studi suggeriscono che il controllo delle inondazioni da parte di Yu può essere attribuito al cambiamento climatico” , spiegano i ricercatori , osservando che anche i loro dati speleotemi confermano l’idea. “Questa osservazione fornisce nuove solide prove che l’ascesa della dinastia Xia si è verificata nel contesto di un’importante transizione climatica da umido a secco, in linea con i documenti storici cinesi e gli studi precedenti”.

I risultati sono riportati in Science Advances. Fonti:

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://www.scmp.com/magazines/post-magazine/long-reads/article/3080219/liangzhu-5000-year-old-chinese-civilisation-time

https://en.wikipedia.org/wiki/Liangzhu_culture

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://whc.unesco.org/en/list/1592/

https://www.newscientist.com/article/mg24532740-700-the-stunning-east-asian-city-that-dates-to-the-dawn-of-civilisation/

https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S034181620400181X

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://www.science.org/doi/10.1126/sciadv.abi9275

 

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.