Il Perù chiede un risarcimento per la disastrosa fuoriuscita di petrolio causata dal vulcano Tonga

L’eruzione vulcanica ha causato la fuoriuscita , descritto come il peggior disastro ecologico che ha colpito il paese nella storia recente, nelle raffinerie gestite dal gigante petrolifero spagnolo Repsol . Il Perù ha chiesto un risarcimento al gigante petrolifero spagnolo Repsol dopo che le ondemale di un’eruzione vulcanica vicino a Tonga hanno causato una fuoriuscita di petrolio descritto come il peggior disastro ecologico che ha colpito il paese sudamericano nella storia recente.

La gente pagaia al largo della spiaggia di Santa Maria a Lima , in Perù, domenica, quando onde insolitamente grandi hanno colpito la costa del paese. Due annegano in Perù quando le onde anormalmente grandi del vulcano Tonga colpiscono la costa. Per saperne di più. Il primo ministro peruviano, Mirtha Vásquez, ha detto ai giornalisti mercoledì che la raffineria di Pampilla, gestita da Repsol, “apparentemente” non aveva un piano di emergenza per una fuoriuscita di petrolio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La Farnesina ha invitato l’azienda a “risarcire immediatamente” i danni causa fuoriuscita di sabato che aveva arrecato “gravi danni a associati di famiglie di pescatori” e aveva “messo in pericolo la flora e la fauna” in due aree naturali protette. Le autorità hanno transennato tre spiagge lunedì dopo che 6.000 barili di petrolio sono stati sversati durante lo scarico di una petroliera nella raffineria di La Pampilla al largo della costa vicino a Lima, appena a nord della capitale Lima.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le immagini sui social media e sulla TV hanno mostrato spiagge annerite e morte di uccelli marini morti inzuppati di olio, tra cui il raro pinguino di Humboldt, in un’area considerata un hotspot di biodiversità marina . I funzionari della raffineria, gestita Repsol, inizialmente hanno descritto la fuoriuscita come “limitata” e hanno affermato che stava lavorando con le autorità per pulire le spiagge.

Tuttavia, c’è stata indignazione pubblica per quella che è stata percepita come la risposta tardiva dell’azienda. Tine Van Den Wall Bake, un portavoce di Repsol, ha negato che dovrebbe assumersi la responsabilità dell’incidente. “Non siamo stati noi a causare questo disastro ecologico e non possiamo dire chi sia il responsabile“, ha detto mercoledì alla radio nazionale .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le squadre di pulizia lavorano per rimuovere l’olio da una spiaggia nella provincia peruviana di Callao. Il 19 gennaio 2022 le squadre di pulizia lavorano per rimuovere il petrolio da una spiaggia nella provincia peruviana di Callao a seguito di una fuoriuscita avvenuta durante il processo di sbarco della petroliera italiana “Mare Doricum” presso la raffineria di La Pampilla causata dalle onde anomale registrate dopo l’eruzione vulcanica di Tonga. – Le autorità peruviane hanno chiuso tre spiagge lunedì dopo la fuoriuscita di 6.000 barili di petrolio e hanno chiesto un risarcimento mercoledì al colosso energetico spagnolo Repsol per la fuoriuscita di petrolio. I gruppi ambientalisti hanno criticato la risposta dell’azienda, così come quella delle autorità peruviane. L’olio si stava diffondendo lungo la costa del Pacifico del Perù colpendo uccelli marini, gabbiani, sterne, leoni marini, lontre e delfini, ha detto Oceana Perù in un tweet .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli impatti ambientali e sociali della fuoriuscita di petrolio Repsol a breve e lungo termine sono devastanti e la risposta dell’azienda è stata debole“, ha affermato Christel Scheske, specialista in conservazione della Società peruviana per la legge ambientale. “La fuoriuscita di petrolio ha colpito una parte altamente ricca di biodiversità della costa peruviana, comprese due aree protette che sono importanti non solo per l’incredibile biodiversità marina del Perù, ma anche per oltre 1.000 pescatori artigianali nella regione che dipendono da loro“, ha affermato. “I metalli pesanti del petrolio greggio rimarranno nell’ecosistema per molti anni, rendendo pesci, molluschi e altre specie marine pericolose per il consumo umano e influenzando l’intera catena alimentare marina“, ha aggiunto Scheske.

Un pescatore artigianale di una comunità colpita da una fuoriuscita di petrolio sulle spiagge della provincia peruviana di Callao causata durante lo scarico della petroliera battente bandiera italiana “Mare Doricum”, detiene un volatile oliato morto in una protesta il 19 gennaio 2022 a di fronte alla Raffineria di Pampilla, responsabile dell’incidente dovuto alle onde anomale registrate dopo l’eruzione vulcanica di Tonga. La raffineria potrebbe incorrere in una multa fino a 34,5 milioni di dollari, ha affermato lunedì il ministero dell’ambiente del Perù mentre i pubblici ministeri hanno aperto un’indagine sulla società per contaminazione ambientale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In un tweet, l’ufficio del procuratore generale ha affermato che la fuoriuscita “è il peggior disastro ecologico a Lima degli ultimi tempi e ha causato gravi danni a loro famiglie di pescatori. Repsol deve risarcire immediatamente questo danno” . L’organismo di regolazione energetica e mineraria Osinergmin ha disposto la sospensione delle attività presso la raffineria in attesa di un’indagine sulle cause della fuoriuscita.

Fonte: theguardian.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.