Come coltivare le angurie nel tuo giardino passo dopo passo

Guida alla coltivazione dell’anguria nel tuo giardino, suolo, clima, semina, manutenzione, raccolta e ottenimento dei semi.

Anguria.
Una pianta molto grande ma rachitica che si insinua lungo il terreno, un altro gigante come tutte le cucurbitacee. L’anguria è classificata come un ortaggio da frutto ed è una cucurbita. Con fogliame verde scuro intenso e luminoso. Con grandi foglie palmate e lunghi steli dall’aspetto peloso, sviluppa viticci aggressivi e invade più spazio possibile.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il suo frutto è sicuramente il più bello, rinfrescante e sorprendente di tutti gli ortaggi, poiché tagliato a metà, ci offre il verde scuro della sua buccia e il bianco, per passare al rosso vivo della sua polpa, punteggiata di perle nere e lucenti, che sono i suoi semi. Un frutto fresco, succoso, dolce e gustoso che in bocca diventa acqua pura. È uno dei frutti più grandi ad eccezione di alcune varietà di zucche.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Terra.
Il suo terreno ideale sarà sabbioso e molto sciolto, moderatamente ricco di humus e basterà un leggero apporto di compost e letame. Il supporto è il tavolo, che in questo caso deve essere molto capiente, con una superficie di 2 x 2 metri e con un buon bicchiere per l’irrigazione.

Clima.
Il suo tipico clima estivo ci offre rinfrescanti sieste estive. Ortaggi di stagione calda e clima prettamente estivo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Irrigazione.
La irrigheremo intensamente e continuamente, all’inizio è bene raffreddare la pianta con un irrigatore, e una volta fiorita sarà meglio irrigare allagando il suo bicchiere d’irrigazione, l’acqua aiuterà la formazione dei suoi frutti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Piantagione.
La messa a dimora avviene sul suo supporto definitivo e direttamente in una buca, nella quale vengono posti 3 o 4 semi, ad una profondità di 3 o 4 cm, e quando i semi germogliano e sono piantine, ne rimangono uno o due al massimo. La sua cornice di impianto, come ho già detto, è di 2 x 2 metri; 200×200 cm.

Manutenzione.
Il tuo lavoro di manutenzione sarà principalmente per mantenere gli incidenti a terra. Per quanto riguarda la pianta, si possono tagliare dei gambi sopra il frutto, circa cinque centimetri sopra di esso, e in questo modo ingrassiamo i cocomeri.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Raccolto.
La sua raccolta, come il melone, è difficile da sapere con certezza quando sono al punto di maturazione ideale; alcuni lo scoprono picchiettandoli o schiaffeggiandoli, altri schiacciando con il pollice l’estremità che ha il gambo o la coda, altri ancora annusandolo; e ci sono persone che non sbagliano uno e poi ci sono altri come me che falliscono molto, quindi ognuno cercherà la vita come può. Vengono presi per gradi fino a quando il primo si divide, e da questo momento è meglio prendere tutti quelli che sembrano maturi.

Semi.
Raccoglieremo il seme da un frutto che è cresciuto molto vicino alla radice e ha maturato molto, e anche se si è screpolato non importa; poi verranno estratti, lavati, asciugati bene all’ombra e tenuti ermeticamente chiusi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Conservazione.
La loro conservazione è effimera quindi dovranno essere mangiati presto.

Compostaggio.
Se teniamo conto delle dimensioni della pianta, il suo compostaggio non è molto buono, perché è fragile e si deteriora, ma ciò che resta viene schiacciato e va al mucchio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: ecoinventos.com

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.