Egitto: archeologi scoprono cinque pozzi di epoca faraonica nel Sinai. Risalgono ad oltre 2.500 anni fa

arkeonews.net

Gli archeologi egizi che lavorano nel sito di Tell El Kedwa (o Tell Qedwa), nel Sinai settentrionale, hanno confermato la presenza di antichi pozzi d’acqua all’esterno di una fortezza faraonica:

thenationalnews.com

La spedizione guidata dal professor Ramadan Helmy, Direttore delle Antichità del Nord Sinai si svolge nell’ambito del Sinai Development Project 2021-2022.20-2021. Il sito è identificato con un punto dell’antica strada militare che collegava la Valle del Nilo con la Palestina, conosciuta come Le Vie di Horus. Secondo il Dr. Mustafa Waziri, Segretario Generale del Consiglio Supremo delle Antichità, questa è “la prima volta che vengono scoperti pozzi d’acqua nella regione dall’era faraonica”, il ritrovamento concorda con l’inizio del XIII sec. aC prove dal Tempio di Karnak. Il ministro fa riferimento a un gruppo di rilievi commissionati dal faraone Seti I (XIX dinastia) su un muro della Grande Sala ipostila del Tempio, raffiguranti l’antica strada militare verso la Palestina conosciuta come le Vie di Horus. Lì, molti dei punti fortificati del percorso sono dotati di pozzi d’acqua. Il Dr. Waziri ha sottolineato che sono stati scoperti cinque pozzi, situati fuori le mura della fortezza di Tell El Kedwa, in un’area caratterizzata da sabbia gialla. Le prove mostrano anche che la struttura fu deliberatamente distrutta per non essere utilizzata dal nemico durante l’invasione persiana dell’Egitto (525 a.C.):

- Prosegue dopo la pubblicità -
archaeology.wiki

Il dottor Ayman Ashmawi, capo del dipartimento delle antichità egizie presso il Consiglio supremo delle antichità, ha spiegato che l’unico pozzo sopravvissuto è stato costruito in modo insolito, poiché è stato scavato nella sabbia gialla e anelli di ceramica sono stati posti uno sopra l’altro, per coprire le sue pareti interne. Ogni anello ha un diametro di circa un metro e ha tre aperture laterali che aiutano a muoversi nel pozzo. La missione è scesa a una profondità di poco più di tre metri, scavando l’interno del pozzo e documentando 13 anelli e molti vasi risalenti alla XXVI dinastia (periodo Saite, 664-525 aC):

- Prosegue dopo la pubblicità -
archaeology.wiki

In merito ai risultati degli scavi all’interno della fortezza, la dott.ssa Nadia Khader, capo del Dipartimento Centrale delle Antichità del Basso Egitto, ha riferito del ritrovamento di un’area di deposito, lunga circa 12 m e larga 4 m, nella quale vennero alla luce navi collocate una sopra l’altro. Nel sito, gli archeologi hanno anche rinvenuto resti di fornaci della metà del periodo Saite, che facevano parte di un’officina per la fusione del minerale di rame. Nell’area sono state rinvenute parti circolari di componenti in lega di rame, nonché parti in ceramica di soffietti utilizzati nei processi di fusione. Da parte sua, il Dr. Hisham Hussein, Direttore Generale delle Antichità del Sinai, ha sottolineato che Tell El Kedwa è uno dei siti più importanti dell’architettura militare egiziana della 26a dinastia (periodo Saite) nel Sinai settentrionale:

https://arkeonews.net

Le Vie di Horus, lunghe 220 km, sono il nome di una delle più antiche rotte che attraversano il Sinai verso la Palestina. L’iscrizione di Seti I a Karnak (Sala ipostila, parete nord esterna) è la fonte principale di questa strada, che partiva dall’antico Egitto Tjaru (l’attuale sito di Tell Hebua I) e proseguiva fino all’odierna Gaza, con una serie di fortezze e pozzi d’acqua costruiti lungo di essa. Gli sforzi degli archeologi per identificare i toponimi citati nei rilievi di Karnak con siti nel Sinai e in Palestina sono in corso da un secolo e sono ancora in corso, poiché nuovi siti vengono scoperti lungo l’antica strada. Va notato che Tell El Kedwa è stato identificato con il luogo menzionato nei rilievi come la Dimora del Leone, sebbene l’identificazione non è stato accettato da tutti gli studiosi. I ritrovamenti di quest’anno, tuttavia, provenienti da un periodo molto successivo a quello di Seti I, testimoniano l’utilizzo del sito nel turbolento periodo precedente l’invasione persiana.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: https://www.archaeology.wiki/blog/2022/03/02/the-pharaohs-water-wells-along-the-ways-of-horus/

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.