Più resistente dell’acciaio ma leggero come la plastica: nuovo materiale creato da ingegneri del MIT

Un team di ingegneri chimici del MIT ha creato un nuovo materiale che, sostengono i ricercatori, avrebbe la capacità di essere più resistente dell’acciaio, ma comunque leggero come la plastica:

Se la scienza reggerà, potrebbe essere un enorme progresso nelle scienze dei materiali, che potrebbe potenzialmente conferire a oggetti come parti di automobili o telefoni cellulari una pelle straordinariamente resistente. Il team arriva persino a dire che può essere facilmente prodotto in serie. “Di solito non pensiamo alla plastica come a qualcosa che potresti usare per sostenere un edificio, ma con questo materiale puoi abilitare nuove cose”, ha affermato Michael Strano, professore di ingegneria chimica al MIT e autore senior di uno studio sulla ricerca pubblicata sulla rivista Nature questa settimana, in una dichiarazione.” Ha proprietà molto insolite e ne siamo molto entusiasti”, ha aggiunto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il progetto è basato su polimeri bidimensionali capaci di essere organizzati in fogli:

- Prosegue dopo la pubblicità -

La maggior parte se non tutti gli altri polimeri sono solo in grado di formare catene unidimensionali che vengono poi formate in oggetti tridimensionali. Finora, gli scienziati presumevano che fosse impossibile formare fogli di polimeri bidimensionali. Ma con un po’ di duro lavoro, Strano e il suo team sono stati in grado di fare proprio questo utilizzando un processo speciale che coinvolge la melamina composta. Il risultato è un materiale estremamente resistente e sottile denominato 2DPA-1 che è da quattro a sei volte più resistente alla deformazione del vetro antiproiettile. È anche due volte più difficile da rompere dell’acciaio, nonostante abbia solo un sesto della densità:

“Invece di creare una molecola simile a uno spaghetti, possiamo creare un piano molecolare simile a un foglio, dove otteniamo le molecole che si uniscono tra loro in due dimensioni”, ha detto Strano nella dichiarazione. “Questo meccanismo si verifica spontaneamente in soluzione e, dopo aver sintetizzato il materiale, possiamo facilmente rivestire film sottili che sono straordinariamente resistenti”. Il nuovo materiale inoltre non consente la penetrazione di gas, rendendolo un’opzione molto migliore per “proteggere il metallo nelle automobili e in altri veicoli o nelle strutture in acciaio“, ha affermato Strano. Il team spera ora di inventare altri materiali apportando modifiche alla struttura molecolare dei loro fogli polimerici.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.