Come coltivare il rafano più di 9 motivi per farlo

Se vuoi diversificare il tuo giardino con una pianta forte e benefica, non cercare oltre. Il rafano è il tuo nuovo migliore amico, e forse quello nel tuo giardino.

Il rafano non è strano per noi. Molti lo avranno visto nei negozi di alimentari di quartiere. Ma molti non sono consapevoli dei suoi numerosi benefici per la salute, la cucina e l’orto. Coltivare il rafano è un modo ideale per aggiungere sapore e spezie al tuo giardino e alla tua vita.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Cos’è il rafano?
Prima di approfondire il motivo per cui dovresti coltivare il rafano, dobbiamo capire di cosa si tratta in realtà. È una verdura? Erbe o spezie? Per cominciare, fa parte della famiglia delle Brassicaceae . È una pianta perenne generalmente coltivata per le sue radici, che aggiungono sapore a cibi e salse. La radice è tecnicamente una verdura, ma è spesso classificata come un’erba a causa dei suoi usi culinari. Anche le sue foglie sono molto utili, soprattutto se stai cercando sapori meno piccanti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ci sono due varietà di rafano tra cui scegliere, il comune e il bohémien. La differenza sta nell’aspetto delle foglie. Le foglie di rafano boemo sono più sottili e lisce, mentre il rafano comune ha foglie grandi e rugose. Si dice che il boemo sia migliore in termini di resistenza alle malattie e il comune in termini di gusto, ma i due tipi sono molto simili.

Perché dovresti coltivare il rafano nel tuo giardino.
Facile da coltivare . Cresce bene in pieno sole e prospera nella maggior parte dei climi, ma fa meglio nelle regioni con temperature che vanno dai 7 ai 24ºC. Può sopravvivere a inverni rigidi, anche in alcune delle zone più fredde. Non ha bisogno di troppe cure ed è improbabile che tu abbia problemi. È molto più probabile che tu abbia problemi se cresce troppo bene che in caso contrario. Se questo piccolo ortaggio non fosse così utile, si direbbe che è un’erbaccia per la velocità con cui si diffonde.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nonostante la sua reputazione di “invasore”, non è difficile da contenere. Il modo migliore per contenere il rafano è piantarlo in vasi o aiuole rialzate. Una volta piantato, possono essere necessari fino a 4 mesi per la raccolta, ma è meglio aspettare una o due stagioni prima della raccolta. Anche le sue foglie crescono rapidamente e possono essere utili quanto le radici in cucina.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Una radice per la vita . Uno dei migliori motivi per coltivare il tuo rafano è che hai solo bisogno di una radice per una scorta a vita. Le radici di un vivaio o anche di un supermercato rispettabile saranno sufficienti. Poiché cresce così velocemente e produce così tanto, non dovrai preoccuparti di rimanere senza radici o foglie. Continuerà a diffondersi stagione dopo stagione senza il tuo intervento, lasciandoti più rafano del necessario.

Meglio di quello acquistato in negozio . Come qualsiasi verdura o erba coltivata in casa, i rafano da giardino hanno un sapore molto migliore di quelli acquistati in negozio. La pienezza dei suoi sapori pungenti si sprigiona nel momento in cui tagli o macini le radici o le foglie fresche. È anche più economico di quello acquistato in negozio, più nutriente e molto meglio per l’ambiente.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Malattie e parassiti . Il rafano non è solo relativamente facile da curare, ma ci sono pochissime malattie e parassiti di cui preoccuparsi. I problemi che possono apparire normalmente sono generalmente facili da sradicare.

Un parassita che induce mal di testa familiare a molti giardinieri, gli afidi tendono a nutrirsi di foglie di rafano. Tuttavia, non sono troppo difficili da rimuovere. A seconda delle dimensioni dell’infestazione, puoi rimuoverli facilmente. Se ti armi con un flacone spray d’acqua pieno di sapone naturale, puoi anche rimuoverli dalle foglie.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Essendo un ortaggio a radice, il rafano è suscettibile alla putrefazione e alle malattie fungine nel terreno. Tuttavia, questo è di solito un problema solo quando si annaffia in modo errato, poiché di solito il terreno costantemente umido è la causa. Assicurati che il terreno intorno al tuo rafano non sia mai impregnato d’acqua e non dovresti avere problemi.

Buono per il giardino . Il rafano è una buona pianta da compagnia (quando la sua diffusione è controllata), poiché il suo aroma pungente respinge molti parassiti. Gli oli naturali nelle radici riducono anche i casi di malattie fungine trasmesse dal suolo. Di solito si sposa bene con patate e vari alberi da frutto, come meli, peri e ciliegi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per ulteriori benefici antimicotici, puoi anche tritare la radice di rafano e mescolarla con acqua per formare uno spray antimicotico. Usa questo spray per combattere varie malattie, come il marciume bruno .

Anche se va bene per una parte del tuo giardino, attenzione: le radici pungenti possono causare problemi con alcune verdure. Il rafano influisce sul sapore delle verdure coltivate vicino a loro, in particolare verdure a foglia e fagioli.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Buon per te . Il rafano ha anche vari benefici per la salute. Questo ortaggio è ricco di vitamine e sostanze nutritive, come calcio e vitamina C. L’isotiocianato di allile ha proprietà antibatteriche e antimicotiche per piante e esseri umani. Questo aiuta a combattere le malattie batteriche e alcuni ritengono che aiuti a curare le infezioni del tratto urinario. Queste proprietà, insieme al profumo pungente delle radici, sono note per alleviare i sintomi di raffreddore e influenza. Può anche aiutare a ridurre l’accumulo di muco e migliorare la circolazione generale.

Mantieni, mantieni, mantieni . Potresti ritrovarti con più rafano del necessario, ma non dovrebbe essere un problema. Il rafano si conserva incredibilmente bene. Si può anche congelare. Il rafano in scatola può essere conservato per 4 mesi in frigorifero. Frozen si conserva per 6 mesi. Sfortunatamente, potrebbe perdere parte del suo sapore, ma non sarà meno pungente della varietà acquistata in negozio.

Un ottimo condimento per i vostri pasti cucinati in casa . La sua versatilità crea molte opzioni per i pasti e, essendo un sapore insolito, sorprenderà sicuramente i tuoi ospiti. Aggiungi la scorza ai tuoi panini, mescolala con creme, salse e condimenti. Puoi anche raccogliere alcune radici e creare il tuo finto wasabi fatto in casa. Poiché il vero wasabi è difficile da coltivare e da trovare, la maggior parte del wasabi che si trova insieme al sushi è fatto di rafano. Mescolare del rafano fresco con un po’ di senape, tingerlo con colorante alimentare verde e nessuno si accorgerà della differenza.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come coltivare il rafano.
Ora che sei convinto di piantare questo ortaggio nel tuo giardino, mettiamoci al lavoro. Piantare il rafano è facile e non ti darà molto di cui preoccuparti.

Cresce bene sia da radici intere piantate e talee di radice, sia da seme. Inizia a piantare radici, semi o talee nel tardo autunno o all’inizio della primavera. Distanziali di circa 60 cm l’uno dall’altro; presto si diffonderanno ulteriormente. Piantali in posizione verticale o con un angolo di 45 gradi con un paio di pollici di terreno che ricoprono la radice.

Sebbene preferisca il pieno sole, il rafano può tollerare un po’ di ombra. Piantalo lontano da altre verdure importanti in un punto remoto in modo che se si diffonde, puoi controllarlo facilmente.

Puoi anche piantarlo in un vaso . Segui i suggerimenti sopra, ma assicurati che il vaso sia abbastanza profondo da facilitare le sue lunghe radici. Assicurati anche che ci siano molti fori di drenaggio. Se c’è qualcosa che il rafano non tollera, è il terreno umido.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Cura.
La cura del rafano è incredibilmente semplice. Hai bisogno di due cose: terreno sano e quantità moderate di acqua.

Che sia in vaso o in piena terra, il terreno deve essere ben drenante e arricchito con materiali organici. Proliferandosi e crescendo in modo prolifico, il rafano non ha bisogno di fertilizzanti su base regolare.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Cura del rafano
La cosa più importante è l’irrigazione . Se lasciate asciugare a lungo, le radici diventano legnose. Tuttavia, se sono troppo annaffiate, le radici inizieranno a marcire. È sempre meglio non annaffiare troppo. Una volta stabilito, nella maggior parte delle regioni sopravviverà solo con l’acqua piovana. Nelle stagioni più secche, potrebbe aver bisogno di una o due annaffiature aggiuntive, ma non è una pianta che richiede molta acqua.

Raccolto.
Puoi raccoglierne le radici e le foglie una volta che il rafano si è stabilizzato nel tuo giardino. Quando sei pronto, allenta il terreno attorno alla radice, assicurandoti di raccogliere eventuali pezzi rotti. Puoi sempre ripiantarli e continuare a coltivare il rafano. Conserva la radice raccolta in sacchetti nel frigorifero o nel congelatore, oppure preparala e conservala per un uso successivo.

Come raccogliere il rafano
Stoccaggio, preparazione e conservazione.
Strofina e asciuga le radici di rafano prima di insaccarle e metterle in frigorifero. Grattugiare e utilizzare il rafano solo quando necessario per mantenerlo il più fresco possibile. Per fare la salsa al rafano, mondate e tagliate a pezzi le radici e schiacciatele. Mettere la salsa in un barattolo e conservarla in frigorifero. Facile come coltivarlo. Puoi anche conservare il rafano grattugiato nel succo di limone o nell’aceto, ma tieni presente che l’aceto interferisce con il sapore. Tieni presente che il preparato altera i composti chimici delle radici, quindi i forti vapori possono farti piangere (più delle cipolle).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Cuocere con il rafano.
Ora che hai le tue radici, il condimento o la conserva, puoi iniziare ad aggiungere il rafano ai tuoi pasti.

Il rafano è un’ottima aggiunta alle salse. Basta mescolarlo con altre salse di base come l’erba cipollina e il gioco è fatto. Unitelo a poco burro fuso per dare un tocco piccante alla carne.

È un ottimo compagno per la maionese. Anche le insalate accolgono con favore un po’ di rafano. Grattugiatene un po’ e assicuratevi di avere a portata di mano succo di limone e olio di semi di girasole. Mescolalo con un po’ di senape di Digione, un po’ di prezzemolo e scalogno tritato e otterrai un meraviglioso condimento per l’insalata. Aggiungi anche alcune foglie di rafano per un tocco in più. Questo ortaggio versatile farà sicuramente emergere lo chef creativo che è in te.

Fonte: ecoinventos.com

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.