Il nostro cervello non è fatto per vivere in aree urbane

Sembra che siamo connessi alla natura più di quanto immaginiamo. Sicuramente chi vive a stretto contatto con essa conosce bene tutti i benefici che la natura dona. Lo dice anche uno studio che ha raccolto i dati provenienti da 36 ricerche legate ad aree del cervello e del sistema immunitario di soggetti che vivevano in ambienti urbani e altri in ambienti rurali, tenendo in considerazione anche i disturbi mentali.

I nostri antenati per milioni di anni, hanno vissuto a stretto contatto con la natura e i nostri organi di senso si sono adattati ad ambienti molto diversi da quelli in cui viviamo oggi e in base alle ricerche sembrerebbe che guardare aree urbane genera nel nostro cervello un’attivazione di alcune aree che attivano un costante stato d’allerta.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il nostro sistema neurovegetativo che riceve stimoli dai nostri organi di senso è qualcosa che non riusciamo a controllare e si è modellato in milioni di anni, influenzato anche dall’ambiente esterno. Vivendo in città ricche di rumori, palazzi quasi tutti uguali, geometrie simmetriche il nostro cervello è influenzato negativamente da questo, anche se a livello razionale può sembrare una cosa di poco conto, per il nostro cervello questi stimoli sono minacciosi per il nostro cervello.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per quanto riguarda la vista, in uno studio osservare immagini naturali sembra sviluppare produzione di onde alpha, che sono legate ad un rilassamento cerebrale, riducendo l’attività dell’amigdala, che a sua volta è associata allo stress. Inoltre stare a contatto con la natura porta ad un abbassamento dell’attività della corteccia prefrontale ventromediale, un’area legata ai pensieri ossessivi e alla ruminazione. Al contrario invece, è stato osservato che l’ambiente urbano aumenta lo stress, attivando l’amigdala che come abbiamo detto è associata anche all’ansia.

Tramite l’olfatto entrano in gioco i fitoncidi, facenti parte della famiglia dei terpeni presenti in molti alberi e piante delle zone boschive. Questi elementi chimici naturali migliorano l’attività del sistema simpatico e parasimpatico: riducendo la frequenza cardiaca, ci aiutano a respirare più lentamente, abbassano la pressione sanguigna, aumentano le difese immunitarie e attivano delle cellule dette “killer” che aiutano il nostro organismo ad essere più efficienti contro patologie come i tumori.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ascoltare musica e suoni legati alla natura aiuta a rilassarsi e stare bene, questi suoni attivano la corteccia uditiva, recuperando funzioni che permettono al nostro organismo di recuperare dopo un periodo stressante.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ciò che l’ambiente urbano crea nel nostro organismo è davvero una violenza da tutti i punti di vista, la ripetuta violazione dello spazio interpersonale è una grossa minaccia per il nostro cervello. Stare a contatto con gli ambienti naturali regola oltre a tutti gli elementi indicati prima anche la presenza di cortisolo.

La natura ci ha dotato dei recettori dei sapori per riconoscere quelli amari, acidi per poter metterci in allerta in caso di sapori non piacevoli. Il dolce in natura è legato alla frutta che è ritenuta benefica. Nella nostra società odierna in cui lo zucchero raffinato la fa da padrona la situazione si è ribaltata e tutto ciò ha portato allo sviluppo di molte patologie, soprattutto lo sviluppo di carie orale, cosa molto rara migliaia di anni fa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Anche l’arcata dentale umana ha visto un cambiamento evolutivo non indifferente, come ad esempio i canini meno appuntiti, inoltre il microbiota intestinale dell’uomo moderno che consuma prodotti industrializzati è molto differente, rispetto a quello dell’uomo preistorico.

Fonte: psicoadvisor.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.