Amuleto contro il malocchio, un’usanza antichissima: trovato manufatto con iscrizione ebraica proto-alfabetica

timesofisrael.com

Gli Associates of Biblical Research (ABR) hanno annunciato la scoperta di una maledizione stereotipata incisa su un amuleto di piombo ripiegato. Tecnicamente indicata come defixio, la tavoletta della maledizione è stata scoperta per la prima volta nel dicembre 2019 quando l’archeologo Scott Stripling, direttore dell’Istituto di studi archeologici presso il Seminario biblico di Katy, in Texas, ha guidato un team ABR per setacciare a umido il materiale scartato dagli scavi di Adam Zertal (1982–1989) sul monte Ebal. Zertal scavò un altare nel sito, che risaliva al XIII secolo aC, l’epoca di Giosuè come descritto nella Bibbia. “In quel tempo Giosuè costruì un altare al Signore, Dio d’Israele, sul monte Ebal” (Giosuè 8:30). Scoprì anche ceramiche datate all’età del ferro I e alla tarda età del bronzo. L’amuleto ha fatto notizia a gennaio, quando il ricercatore, Zvi Koenigsberg, che ha assistito Zertal negli scavi presso l’altare, ha annunciato la sua scoperta e ha affermato che l’amuleto “conteneva qualcosa all’interno“:

timesofisrael.com

L’amuleto di piombo misura circa 2 centimetri per 2 centimetri (leggermente più grande di 3/4″ per 3/4″) ed era piegato a metà, nascondendo l’iscrizione. Per evitare di distruggerlo nel tentativo di aprirlo, l’amuleto è stato analizzato da un laboratorio di Praga, che ha eseguito sofisticate fotografie e la costruzione di un modello tridimensionale per recuperare il testo nascosto. Gli scienziati hanno utilizzato scansioni tomografiche avanzate simili alle scansioni TC utilizzate nella diagnostica medica. Le scansioni hanno rivelato un’antica iscrizione ebraica proto-alfabetica composta da 40 lettere che sono secoli più antiche di qualsiasi iscrizione ebraica conosciuta dell’antico Israele. Stripling ha detto durante una conferenza stampa di giovedì sera che è noto che questi tipi di amuleti sono esistiti nel periodo ellenistico e romano, ma le ceramiche scavate da Zertal, come accennato, risalgono all’età del ferro I e alla tarda età del bronzo. In quanto tale, l’amuleto probabilmente deriva da uno di questi periodi precedenti. La ricerca sulla amuleto contro il malocchio è stata condotta in collaborazione con Gershon Galil, professore di Studi Biblici e Storia Antica all’Università di Haifa; Pieter Gert Van der Veen della Johannes Gutenberg-Universität Mainz; Daniel Vavrik, capo del laboratorio di micro CT presso l’Università Ceca di Praga; e una manciata di altri professionisti archeologici internazionali. Stripling e il team stanno ora finendo un articolo sulla scoperta, che presenteranno per la revisione tra pari quest’anno. Galil ha detto in un comunicato di aver riconosciuto la struttura letteraria stereotipata dell’iscrizione:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dalla simmetria, potrei dire che è stata scritta come un parallelismo chiastico”. Leggere le lettere nascoste si è rivelato tedioso, secondo Van der Veen e Galil, “ma ogni giorno abbiamo recuperato nuove lettere e parole scritte in una scrittura molto antica“. La scritta sull’amuleto è antecedente a qualsiasi incisione ebraica trovata fino ad oggi di almeno 200 anni, secondo il team. Stripling ha detto che se la scoperta è datata con precisione, allora significherebbe che gli ebrei sono entrati in Israele prima della maggior parte delle stime attuali, ipotizzando che l’amuleto potrebbe essere stato collocato nel sito durante la cerimonia del patto originale quando Giosuè condusse gli ebrei attraverso il Giordano e in la terra d’Israele. Poiché contiene il nome del Dio ebraico, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, offre quella che Stripling chiamava “prova inconfutabile” del legame ebraico con la terra come raccontato nella Bibbia.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.