Le 22 piante comuni più tossiche per cani e gatti

Molte delle piante che di solito abbiamo in casa o nei parchi sono piante potenzialmente tossiche per cani e gatti . Per aiutare le persone che hanno animali domestici, i bambini che vivono in case con piante, per insegnare ai propri figli, e anche per riconoscere i sintomi di intossicazione e avvelenamento, pubblichiamo questo articolo tratto da ecoinventos.com sulla base delle informazioni tecniche prodotte dal veterinario, Dr. Laila Massad Ribas , e il veterinario Roberto Parada.

Oltre alle piante tossiche, nel caso dei nostri animali domestici, dobbiamo tenere conto anche della loro dieta, poiché devono avere diversi alimenti vietati perché potenzialmente pericolosi per la loro salute. Nella pratica veterinaria, i gatti ingeriscono le piante meno frequentemente dei cani. Sebbene cani e gatti abbiano l’abitudine di dipendere dalla natura per alleviare i loro disagi o problemi di salute, e per questo ingeriscano alcune piante, possono anche commettere errori, o subire reazioni allergiche o ferite varie.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I cani sono quelli che visitano più spesso il veterinario a causa dell’avvelenamento da piante tossiche . Ma sebbene sia meno frequente, succede anche con i gatti. Come indicato in questo testo, la diagnosi è spesso imprecisa perché non si sa quale pianta abbia causato l’avvelenamento. Se il tuo animale domestico mostra sintomi di avvelenamento (vedi l’elenco delle piante tossiche), portalo immediatamente da un veterinario. Non cercare di indurre il vomito perché potresti causare un peggioramento del tuo quadro clinico. Non somministrare latte ad animali intossicati o avvelenati, poiché il latte non è un antidoto a questo tipo di avvelenamento.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tutte le piante nell’elenco sono anche tossiche per l’uomo, quindi se ne hai a casa, insegna a bambini e adulti i pericoli che possono causare. È importante insegnare ai bambini a non mangiare pezzi di piante tossiche, a non toccare le piante lattiginose, a non mettersi le mani sugli occhi se toccano piante sconosciute.

Aloe vera 

- Prosegue dopo la pubblicità -


La linfa (acíbar) della pianta è tossica (lattice giallastro), si trova appena sotto la buccia delle foglie. Provoca irritazione delle mucose e della pelle. Sintomi di avvelenamento: bolle sulla pelle e sulle mucose, salivazione, vomito, diarrea, dolore addominale, polso debole, congiuntivite (a contatto con gli occhi). Non confondere il lattice di aloe con il gel di aloe .Il gel di aloe è una pianta medicinale comunemente usata in tutto il mondo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Anthurium

L’intera pianta è tossica, irrita le mucose. Sintomi di avvelenamento: salivazione, intenso prurito al viso, gonfiore del viso, vomito e paralisi della lingua.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Azalea 

Piante tossiche di rododendro per gatti. L’intera pianta è tossica, specialmente la foglia. Contengono grayanotossine , glicosidi che agiscono sull’apparato digerente, sul sistema circolatorio e sul sistema nervoso. Sintomi di avvelenamento: vomito prolungato, aritmie, convulsioni, atassia (perdita del controllo muscolare durante i movimenti volontari, come camminare o sollevare oggetti), debolezza, depressione e morte. L’avvelenamento da queste piante è raro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Bulbi di piante ornamentali (giacinto, narciso, tulipano).
I bulbi di alcune piante ornamentali contengono sostanze in grado di avvelenare gli animali e l’uomo. I casi di avvelenamento sono quasi sempre causati dalla rosicchiatura di bulbi non ancora interrati o dissotterrati per divertimento o curiosità. I pazienti sono animali giovani, o adulti annoiati o stressati. Sintomi di avvelenamento: gastroenterite (quasi sempre da lieve a moderata), dermatite da contatto.

Codiaum variegato.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sistemi interessati : gastrointestinale; pelle e occhi.La linfa della pianta è tossica, irrita le mucose e la pelle. Sintomi di avvelenamento: formazione di vesciche sulla pelle e sulla mucosa orale, salivazione, vomito, diarrea, polso debole, dolore addominale, congiuntivite (a contatto con gli occhi).

La costola di Adamo 

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’intera pianta è tossica, irritante per le mucose. Avvelenamento: sintomi di salivazione, intenso prurito al viso, gonfiore del viso, vomito, paralisi della lingua.

Digitale purpurea.

Digitale viola, piante pericolose per i cani
L’intera pianta è tossica, in particolare i fiori e i frutti, e colpisce il cuore. Sintomi di avvelenamento: vomito, diarrea, bradicardia (battito cardiaco lento) e aritmie.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dracena.

Il composto tossico attivo di queste piante tossiche è la saponina e la sua ingestione provoca pupille dilatate, vomito, perdita di appetito e aumento della salivazione nei cani.

Famiglia Araceae.

Piante tropicali, ampiamente utilizzate come piante ornamentali da interno. Hanno i fiori raggruppati in spadi e protetti da una brattea chiamata spata. Principi tossici e meccanismo d’azione: Hanno cristalli di ossalato di calcio puntati all’interno di cellule chiamate idioblasti. Durante la masticazione della pianta, gli idioblasti si rompono ei cristalli scavano nella mucosa, provocando irritazioni e infiammazioni dell’intero cavo orale ed erosioni-ulcerazioni gastriche. L’intera pianta è tossica. Produce irritazione delle mucose. Sintomi di avvelenamento: irritazione orale, forte prurito, irritazione agli occhi, difficoltà a deglutire e persino a respirare, nei casi più gravi. Possono verificarsi alterazioni della funzione renale e alterazioni neurologiche.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Edera (Hedera helix).

L’intera pianta è tossica, causando irritazione delle mucose. Sintomi di avvelenamento: irritazione orale, forte prurito, irritazione agli occhi, difficoltà a deglutire e respirare nei casi più gravi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Erba gatta.
Le foglie e gli steli di questa pianta inducono cambiamenti comportamentali esclusivamente nei gatti, anche se un terzo di loro non è influenzato da questa pianta. Le sostanze induttrici sono olii essenziali e un monoterpene (nepetalactone) contenuto in foglie e steli. Queste sostanze vengono assorbite attraverso il naso. I gatti annusano ripetutamente la pianta e in breve tempo mostrano caratteristici segni di intossicazione: sfregamento contro la pianta, atassia e cadute, sguazzare persistente, tialismo, consumo di grandi quantità della pianta. L’ingestione provoca vomito e diarrea, fenomeni autolimitanti. I segni persistono per circa un’ora; dopo un intervallo di due ore, gli animali diventano nuovamente sensibili all’effetto della pianta. Non sono stati segnalati casi gravi di avvelenamento da erba gatta.

Belladonna (Solanum nigrum).

L’intera pianta è tossica, colpisce il sistema nervoso (neurotossico). Sintomi di avvelenamento: vomito, diarrea, pupille dilatate, atassia, debolezza e sonnolenza.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ortensia.

Le foglie e i loro germogli sono le parti velenose di questa pianta, è stata descritta la presenza di un glicoside cianogeno (idrangina) e saponine, oli e resine. L’avvelenamento da ortensie è raramente descritto. Sintomi di intossicazione: tipo gastrointestinale, cianosi (colore mucoso), convulsioni, dolore addominale, flaccidità muscolare, letargia, vomito e coma.

Kalanchoe

L’intera pianta è tossica, specialmente i suoi fiori. La sua tossicità colpisce il cuore. Sintomi di avvelenamento: vomito, diarrea, atassia, tremori e morte improvvisa.

Gigli

Tutte le parti della pianta sono tossiche, specialmente i fiori. L’identità della sostanza tossica in questo ortaggio è ancora sconosciuta. Il genere Lilium contiene numerose specie e varietà la cui elevata capacità tossica è stata descritta solo nei gatti, nei quali produce insufficienza renale acuta. Nei cani che hanno consumato quantità significative della pianta, sono stati osservati solo lievi problemi gastrointestinali, che non sono pericolosi per la vita. Sintomi di intossicazione: iniziano entro 3 ore dal consumo della pianta, presentando vomito, tialismo, anoressia e depressione.

Mughetto 

Questa pianta, detta anche mughetto, contiene saponine con effetti gastrointestinali e glicosidi cardiotossici. Tuttavia, entrambi i tipi di tossine sono scarsamente assorbiti dal tratto intestinale, quindi la pianta non rappresenta un rischio tossicologico significativo. Sintomi di intossicazione: nausea, vomito, diarrea, coliche e tenesmo, seguiti ore dopo da segni cardiovascolari (ipotensione, bradicardia, blocchi atrioventricolari di I-III grado, asistolia). Altri segni sono depressione, affaticamento, confusione, iperkaliemia, iperidrosi, tremori. I sintomi compaiono 5-24 ore dopo l’ingestione e la morte può verificarsi tra 10 ore e 4 giorni.

Mamoneira (Ricinus communis).
L’intera pianta è tossica, specialmente i semi. La sua tossicità provoca la morte cellulare bloccando la sintesi proteica. Sintomi di avvelenamento: vomito, diarrea, membrane mucose (cianosi) viola, atassia, convulsioni e debolezza. Segni di avvelenamento compaiono solo 3 giorni dopo l’ingestione.

Marijuana (Cannabis sativa).

Il prodotto noto come marijuana corrisponde ad una miscela di steli, foglie e fiori recisi, essiccati e macinati di Cannabis sativa , la cui resina è ricca di sostanze psicoattive (cannabinoidi); Il delta-9-tetraidrocannabinolo (THC) è considerato il cannabinoide principale e più potente. Cani e gatti rifiutano naturalmente l’uso di marijuana. Il trattamento di questa intossicazione è esclusivamente sintomatico.

Le immagini di intossicazione si verificano generalmente quando la pianta viene mescolata al cibo offerto loro (burro, brownies), oppure sono costretti a consumare sigarette di marijuana o ad inalare il fumo (sebbene la presentazione di intossicazione in questo caso non sia comune). Studi stranieri indicano che il 95-97% dei casi di avvelenamento si verifica nei cani.

Sintomi di intossicazione: i cannabinoidi sono altamente lipofili e i loro metaboliti si fissano rapidamente negli organi ricchi di lipidi, come il cervello. Si ritiene che il THC agisca su un recettore cerebrale selettivo per i cannabinoidi, che provoca gli effetti sul sistema nervoso centrale causati da questo tossico. Nei cani, questi compaiono solitamente tra 30 e 90 minuti dopo l’ingestione e possono durare fino a 72 ore. Solo circa un terzo dei pazienti presenta sintomi gastrointestinali (vomito, diarrea, tialismo); Nella maggior parte dei casi sono presenti occhi vitrei, midriasi, grave atassia, depressione o alternanza di depressione ed eccitazione, disorientamento, sonnolenza, bradicardia, tremore, ipotermia.

Filodendro spp.
Sintomi di avvelenamento: irritazione orale, forte prurito, irritazione agli occhi, difficoltà a deglutire e respirare anche nei casi più gravi. Possono verificarsi alterazioni della funzione renale e alterazioni neurologiche.

Glicine

I semi e i baccelli che li contengono costituiscono le parti tossiche della pianta, il cui veleno sarebbe un glicoside insufficientemente caratterizzato. I sintomi dell’avvelenamento sono gastrointestinali (nausea, vomito, diarrea, coliche), generalmente di media intensità, e il trattamento è sintomatico.

Spatiphyllum

Giglio della pace piante velenose per cani
Nome comune: giglio della pace, giglio della pace.
Principi attivi: ossalato di calcio.
Parti vegetali tossiche: fiori, steli e foglie.
Grado di tossicità: Moderato (2) Ossalato di calcio (3).
Apparati interessati: Digestivo (bocca, esofago).
L’intera pianta è tossica, irritante per le mucose. Sintomi di avvelenamento: irritazione orale, forte prurito, irritazione agli occhi, difficoltà a deglutire e respirare anche nei casi più gravi. Possono verificarsi alterazioni della funzione renale e alterazioni neurologiche.

Zantedeschia

Nome comune : calla, cartuccia.
Principi attivi : ossalato di calcio.
Parti vegetali tossiche : L’intera pianta, in particolare i fiori.
Grado di tossicità : Alto (1) Ossalato di calcio (3).
Apparati interessati : Digestivo (bocca, esofago).
L’intera pianta è tossica, irritante per le mucose. Sintomi di avvelenamento: salivazione, intenso prurito al viso, gonfiore del viso, vomito, paralisi della lingua.

Fonte: ecoinventos.com

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.