Astronauta americano torna sulla Terra con navicella russa – VIDEO NASA

Il 30 marzo 2022, l’astronauta della NASA Mark Vande Hei ha fatto il lungo viaggio di ritorno dalla Stazione Spaziale Internazionale alla Terra a bordo di un veicolo interessante:

- Prosegue dopo la pubblicità -

una capsula russa Soyuz, insieme a due cosmonauti russi. Per anni, dopo che la fine del programma Space Shuttle ha segnato un periodo in cui la NASA avrebbe regolarmente incaricato l’agenzia spaziale russa Roscmosmos di far volare i suoi astronauti da e verso la ISS, sarebbe stato un accordo abbastanza standard. Ma poiché l’invasione russa dell’Ucraina ha messo a dura prova le relazioni tra i due paesi, molti si sono chiesti come sarebbe la dinamica di questo viaggio. Fortunatamente, sembra che le cose siano andate bene. “Probabilmente, sarà l’ultima volta che americani e russi voleranno insieme nello spazio per molto tempo, ma Roscosmos è stata professionale e di classe con il ritorno di Mark”, ha scritto su Twitter Chris Berger, editore di NASASpaceFlight, dopo l’atterraggio di successo in Kazakistan questa mattina. L’astronauta della NASA Mark Vande Hei  ha concluso il suo tempo record sulla Stazione Spaziale Internazionale con un atterraggio assistito da paracadute nella steppa del Kazakistan, a sud-est della remota città di Dzhezkazgan, alle 7:28 EDT (17:28 ora del Kazakistan). Vande Hei, insieme ad Anton Shkaplerov e Pyotr Dubrov, ha iniziato il viaggio di ritorno sulla Terra nelle prime ore del mattino sulla navicella spaziale Soyuz MS-19. Vande Hei era arrivato sulla Stazione Spaziale Internazionale  il 9 aprile 2021, trascorrendo 355 giorni in orbita terrestre bassa, battendo di 15 giorni il precedente record detenuto dall’astronauta della NASA in pensione Scott Kelly. “La missione di Mark non è solo da record, ma apre anche la strada a futuri esploratori umani sulla Luna, su Marte e oltre”, ha affermato l’amministratore della NASA Bill Nelson. “I nostri astronauti fanno sacrifici incredibili in nome della scienza, dell’esplorazione e dello sviluppo tecnologico all’avanguardia, non ultimo il tempo lontano dai propri cari. La NASA e la nazione sono orgogliosi di accogliere Mark a casa e grati per i suoi incredibili contributi durante il suo soggiorno di un anno sulla Stazione Spaziale Internazionale”. Durante i suoi 355 giorni a bordo della stazione, Vande Hei ha sperimentato:

- Prosegue dopo la pubblicità -
  • Circa 5.680 orbite della Terra
  • Circa 150.619.530 miglia statutarie percorse (equivalenti a circa 312 viaggi di andata e ritorno sulla Luna e ritorno)
  • Quindici veicoli spaziali o moduli hanno visitato la Stazione Spaziale Internazionale, tra cui tre navi da carico Russian Progress, due navi cargo Northrop Grumman Cygnus, tre Soyuz russe, due Dragon dell’equipaggio SpaceX, tre Dragon cargo SpaceX e i due nuovi moduli russi (il Nauka Multipurpose Laboratory Module). e il modulo del nodo Prichal).

La spedizione 67 è iniziata formalmente a bordo della stazione dopo lo sgancio, con il comandante della nuova stazione Tom Marshburn, gli astronauti della NASA  Raja Chari Kayla Barron , l’astronauta dell’ESA (Agenzia spaziale europea)  Matthias Maurer e i cosmonauti di Roscosmos Oleg Artemyev, Denis Matveev e Sergey Korsakov. L’equipaggio della Soyuz MS-19 ora si dividerà, secondo le normali pratiche di ritorno dell’equipaggio, con Vande Hei che tornerà a casa sua a Houston, mentre i cosmonauti torneranno alla loro base di addestramento a Star City, in Russia. Lungo quasi 9 ore, un video pubblicato in diretta su YouTube documenta ne dettagli il ritorno sulla Terra dell’astronauta americano:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.