Un esperimento suggerisce che la coscienza potrebbe essere radicata nella fisica quantistica ma la Scienza è divisa su questa interpretazione

Una teoria controversa e vecchia di decenni – che suggeriva che gli effetti quantistici nel cervello potrebbero spiegare che la coscienza potrebbe avere più peso di quanto gli scienziati gli abbiano dato credito – sembra abbia incassato una possibile rivincita:

L’ipotesi, solitamente considerata inverosimile dalla comunità scientifica, è che le leggi insolite che governano il mondo quantistico potrebbero essere alla base di ciò che ci consente di sperimentare la coscienza, riferisce New Scientist. Negli anni ’90, il fisico Roger Penrose e l’anestesista Stuart Hameroff hanno suggerito che minuscoli microtubuli, tubi cavi che formano gli “scheletri” di cellule vegetali e animali, potrebbero consentire una rottura nella struttura dello spazio-tempo che interrompe la sovrapposizione quantistica, il principio fondamentale di la meccanica quantistica che postula un sistema fisico può esistere in due stati contemporaneamente. Questa rottura delle sovrapposizioni consente quindi l’esistenza della coscienza, suggerisce la teoria nota come riduzione oggettiva orchestrata (Orch OR). Molti scienziati hanno respinto l’idea. Ma, di recente, la teoria, secondo New Scientist, sta guadagnando terreno. In un recente esperimento, ha riferito, un team guidato da Jack Tuszynski dell’Università dell’Alberta in Canada ha scoperto che i farmaci anestetici consentono ai microtubuli di riemettere la luce intrappolata in un tempo molto più breve di quanto si pensasse inizialmente. Hanno scoperto che la luce catturata all’interno di una trappola di energia è stata riemessa dopo un misterioso ritardo, un processo che propongono potrebbe essere di origine quantistica. Spiega New Scientist .

- Prosegue dopo la pubblicità -

In presenza di un anestetico, tuttavia, questo ritardo è stato notevolmente ridotto. In altre parole, il pensiero va, il processo di coscienza potrebbe essere dietro il ritardo. È troppo presto per dire se l’esperimento potrebbe effettivamente spiegare cosa ci permette di essere coscienti, e i colleghi di Tuszynski sono comprensibilmente diffidenti nei confronti di questi risultati. “È interessante“, ha detto il fisico quantistico dell’Università di Oxford Vlatko Vedral a New Scientist. L’esperto fisico quantistico dell’Università di Oxford Vlatko Vedral ha invece osservato che “questa connessione con la coscienza è davvero un passo troppo elevato.” Ci sarebbe infatti anche la possibilità che dietro lo strano ritardo possano nascondersi le leggi della fisica classica, non quantistica. Tuttavia, i risultati hanno incuriosito Tuszynski. “Non siamo al livello di interpretare questo fisiologicamente, dicendo “Sì, è qui che inizia la coscienza’, ma potrebbe”, ha detto a New Scientist. E i suoi coetanei sembrano sicuramente incuriositi, se non altro. “Anche se si potesse affermare che la divisione cellulare è in qualche modo supportata da alcuni effetti quantistici, questa sarebbe una cosa enorme per la biologia”, ha detto Vedral alla rivista.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.
Share via
error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.
Send this to a friend