Una statua di 4.500 anni praticamente intatta, la scoperta archeologica sulla Striscia di Gaza dimostra che la Palestina ha una lunga Storia

REUTERS

Il contadino palestinese Nidal Abu Eid stava arando la sua terra a Khan Yonis, nella Striscia di Gaza, quando si è imbattuto nell’antica statua di pietra, ha riferito la CNN:

BBC

“L’abbiamo trovato per caso”, ha riferito il palestinese a BBC News. “Era fangoso e l’abbiamo lavato con acqua.” All’inizio, l’agricoltore aveva sperato di venderlo per fare un po’ di soldi, ha detto a The New Arab, per la CNN. Ma un archeologo mi ha detto che era di grande valore archeologico“, ha detto. Svelando il manufatto in una conferenza stampa svoltasi nel mese di maggio del 2022, Jamal Abu Rida del Ministero del Turismo e delle Antichità gestito da Hamas, ha affermato che la statua ha “resistente contro il tempo” ed era stata attentamente esaminata da esperti. Gli esperti ritengono che la scoperta archeologica possa rappresentare anche un simbolo di identità storica del popolo palestinese ed un messaggio inevitabilmente politico:

- Prosegue dopo la pubblicità -
BBC

“Tali scoperte dimostrano che la Palestina ha civiltà e storia, e nessuno può negare o falsificare questa storia”, ha detto. “Questo è il popolo palestinese e la sua antica civiltà cananea”. Non tutti i reperti archeologici a Gaza sono stati così apprezzati o sono andati così bene. Hamas – un’organizzazione militante islamista – è stata precedentemente accusata di aver distrutto i resti di una grande città cananea fortificata, Tell al-Sakan, per far posto ad alloggi e basi militari a sud della popolosa Gaza City. Un antico bronzo a misura d’uomo del dio greco Apollo è stato scoperto da un pescatore nel 2013, ma in seguito, il reperto è scomparso misteriosamente:

- Prosegue dopo la pubblicità -
BBC
BBC

Tuttavia, quest’anno Hamas ha riaperto i resti di una chiesa bizantina del V secolo dopo che i donatori stranieri hanno contribuito a pagare un progetto di restauro durato anni. I lavori si sono fermati anche in un cantiere edile nel nord di Gaza quando sono state trovate 31 tombe di epoca romana. Sebbene tali siti antichi possano potenzialmente essere un’attrazione per i visitatori stranieri, non godono praticamente di alcuna industria del turismo a causa dell’instabilità del paese: Israele ed Egitto limitano fortemente il flusso di persone dentro e fuori l’impoverita enclave costiera, che ospita circa 2,3 milioni di palestinesi, adducendo problemi di sicurezza. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Twitter:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.