La più grande pepita d’oro nascosta in un albero “vale circa un milione di dollari”

Una delle più grandi pepite d’oro mai scoperte in Alaska sarà messa in vendita a Dallas a dicembre. Si prevede che arrivi fino a milione di dollari:

https://metro.co.uk

Il minatore d’oro Barry Clay ha scoperto per la prima volta l’Alaska Centennial Gold Nugget in Alaska, negli Stati Uniti, nel 1998. Le sue dimensioni sono incredibili come un softball e pesa 294,10 once troy, o più di 20 libbre, secondo il Daily Mail. Nel 1998, Barry Clay stava spostando terra con il suo bulldozer lungo le rive della miniera di Swift Creek quando si imbatté in una gigantesca pepita d’oro. Clay seppellì la pepita d’oro vicino a un albero mentre valutava cosa farne prima di portarla in città e venderla a un mittente. Come ha osservato il sito web Geology Page, nel 2020, Clay “alla fine decise di portare la pepita in città per ulteriori studi, [dove] è stato stabilito che aveva scoperto la pepita più grande mai trovata in Alaska e la seconda pepita più grande mai trovata nell’emisfero occidentale dietro la pepita di Cortez trovata in Messico“. Il venditore ha acquistato la pepita da Clay più di due decenni fa. L’Heritage Auctions di Dallas metterà all’asta la storica pepita l’8 dicembre. Un portavoce di Heritage ha dichiarato:

- Prosegue dopo la pubblicità -
http://swiftcreekmine.com

“L’Alaska Centennial Gold Nugget è la più grande pepita d’oro mai trovata nello stato dell’Alaska. “È stato scoperto nel 1998 lungo Swift Creek vicino alla città di Ruby, in Alaska, da Barry Clay, che ha portato alla luce questa scoperta seminale e ha immediatamente fatto la storia. “L’Alaska Centennial Nugget è stato venduto a un collezionista privato, dove è rimasto nella sua collezione fino ad ora. Questa offerta rappresenta un’opportunità irripetibile”. Craig Kissick, direttore della natura e della scienza di Heritage Auctions, ha affermato che l’offerta per il Centennial Nugget partirà da 675.000 dollari e si aspetta che venga venduto da 800.000 dollari a 1,2 milioni dollari. “La maggior parte dell’oro estratto è raffinato”, ha aggiunto Kissick. “Una pepita d’oro da un’oncia è ancora più rara di un diamante da cinque carati.Anche due cristalli d’oro nativi rinvenuti nella giungla venezuelana negli anni ’80 sono in vendita e dovrebbero guadagnare rispettivamente $ 300.000 e $ 600.000. Nel frattempo, un unico “geyser d’oro congelato” scoperto nella miniera di Eagle’s Nest in California è stato valutato quasi 200.000 dollari, mentre una foglia d’oro cristallizzata che si presume provenga dal Messico è stata stimata in 150.000 dollari.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.