Scoperto gigantesco dinosauro predatore “il più grande Megaraptor mai registrato era all’apice della catena alimentare”

cdn.net

I paleontologi argentini hanno annunciato la scoperta di resti fossili appartenuti ad un dinosauro predatore apicale che misurava tre piani dal naso alla coda e sviscerava la sua preda con artigli affilati e ricurvi:

wikimedia.org

Il gigante di sei tonnellate, descritto dai paleontologi come il più grande megaraptor portato alla luce fino ad oggi, si è nutrito di dinosauri più piccoli che ha fatto a brandelli con i suoi artigli prima di scavare nei loro intestini, ha detto all’AFP il paleontologo Mauro Aranciaga. Sarebbe stato il “predatore all’apice alla catena alimentare” del suo tempo, ha detto Aranciaga, ben meritevole del suo agghiacciante nome scientifico Maip macrothorax. La prima parte, ‘ Maip‘ , deriva da una figura mitologica “malvagia” degli indigeni Aonikenk della Patagonia. Il personaggio era associato a “l’ombra della morte” che “uccide con il vento freddo” sulle Ande, secondo uno studio che riporta il ritrovamento sulla rivista Nature Scientific Reports. La seconda parte, il macrotorace si riferisce all’enorme distesa della cavità toracica della creatura, larga circa 1,2 metri (3,9 piedi):

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il mostro appena identificato misurava dai 9 a 10 metri (33 piedi) di lunghezza, più grande di qualsiasi tipo di megaraptor scoperto in precedenza, un gruppo di giganti carnivori che un tempo vagavano per quello che oggi è il Sud America, secondo il team di Aranciaga. Visse circa 70 milioni di anni fa verso la fine del Cretaceo in quella che allora era una foresta tropicale, molto differente rispetto alla catena montuosa delle Ande e dei ghiacciai che oggi definiscono la Patagonia. Il rettile assassino aveva due artigli affilati e ricurvi per zampa anteriore, ciascuno lungo circa 40 centimetri (15,7 pollici). Aranciaga, oggi 29enne, ha avuto la fortuna di trovare il primo pezzo di Maip nella sua prima spedizione professionale tre anni fa nella provincia argentina di Santa Cruz. Ciò ha portato a mesi di meticoloso scavo, pulizia e classificazione di un grande deposito di ossa:

independent.co.uk

vertebre e frammenti di costole, fianchi, coda e braccio. “Quando ho sollevato la vertebra e ho visto che aveva le caratteristiche di un megaraptor, è stata davvero una grande emozione”, ha ricordato Aranciaga. “In qualche modo ho realizzato il mio sogno d’infanzia… trovare un nuovo fossile che si è rivelato essere un megaraptor: il gruppo in cui sono specializzato“, ha detto all’AFP. Maip è stato uno degli ultimi megaraptor ad abitare la Terra prima che i dinosauri si estinguessero circa 66 milioni di anni fa, secondo Fernando Novas del Laboratorio di Anatomia Comparata del Museo Argentino di Scienze Naturali. È anche il megaraptor più meridionale mai trovato, ha aggiunto Aranciaga, un dottorando presso il Consiglio nazionale per la ricerca scientifica e tecnica (Conicet) dell’Argentina. A tal proposito, riportiamo qui sotto i link ad alcuni video diffusi sul web:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.