Il più potente terremoto registrato su Marte, le rivelazioni di InSight Mars (NASA)

Il lander InSight Mars della NASA ha rilevato il più grande terremoto mai osservato su un altro pianeta: un temblor di magnitudo 5 stimato che si è verificato il 4 maggio 2022, il 1.222esimo giorno marziano, o sol, della missione. Ciò si aggiunge al catalogo di oltre 1.313 terremoti rilevati da InSight dall’atterraggio su Marte nel novembre 2018. Il più grande terremoto registrato in precedenza è stato di magnitudo 4,2 stimato , rilevato il 25 agosto 2021:

Questo spettrogramma mostra il più grande terremoto mai rilevato su un altro pianeta. Di magnitudo 5, questo terremoto è stato scoperto dal lander InSight della NASA il 4 maggio 2022, il 1.222esimo giorno marziano, o sol, della missione. Crediti: NASA/JPL-Caltech/ETH Zurigo

InSight è stato inviato su Marte con un sismometro ad alta sensibilità, fornito dal Centre National d’Études Spatiales (CNES) francese, per studiare l’interno profondo del pianeta. Quando le onde sismiche attraversano o riflettono il materiale nella crosta, nel mantello e nel nucleo di Marte , cambiano nei modi che i sismologi possono studiare per determinare la profondità e la composizione di questi strati. Ciò che gli scienziati apprendono sulla struttura di Marte può aiutarli a comprendere meglio la formazione di tutti i mondi rocciosi, compresa la Terra e la sua LunaUn terremoto di magnitudo 5 è un terremoto di medie dimensioni rispetto a quelli avvertiti sulla Terra, ma è vicino al limite superiore di ciò che gli scienziati speravano di vedere su Marte durante la missione di InSight:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Questo sismogramma mostra il più grande terremoto mai rilevato su un altro pianeta. Di magnitudo 5, questo terremoto è stato scoperto dal lander InSight della NASA il 4 maggio 2022, il giorno marziano di 1.222, o sol, della missione. Crediti: NASA/JPL-Caltech

Il team scientifico dovrà studiare ulteriormente questo nuovo terremoto prima di poter fornire dettagli come la sua posizione, la natura della sua fonte e cosa potrebbe dirci sull’interno di Marte. “Da quando abbiamo impostato il nostro sismometro nel dicembre 2018, stavamo aspettando ‘quello più grande’”, ha affermato Bruce Banerdt, investigatore principale di InSight presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California, che guida la missione. “Questo terremoto fornirà sicuramente una vista sul pianeta come nessun altro. Gli scienziati analizzeranno questi dati per imparare nuove cose su Marte negli anni a venire”.Il grande terremoto arriva mentre InSight sta affrontando nuove sfide con i suoi pannelli solari, che alimentano la missione. Quando la posizione di InSight su Marte entra in inverno, c’è più polvere nell’aria, riducendo la luce solare disponibile:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Questa immagine mostra lo scudo antivento e termico a cupola di InSight, che copre il suo sismometro, chiamato Esperimento sismico per la struttura interna, o SEIS. Crediti: NASA/JPL-Caltech – nasa.gov

Il 7 maggio 2022, l’energia disponibile del lander è scesa appena al di sotto del limite che attiva la modalità provvisoria, in cui il veicolo spaziale sospende tutte le funzioni tranne quelle più essenziali. Questa reazione è progettata per proteggere il lander e può verificarsi di nuovo quando la potenza disponibile diminuisce lentamente. Dopo che il lander ha completato la sua missione principale alla fine del 2020, raggiungendo i suoi obiettivi scientifici originali, la NASA ha esteso la missione fino a dicembre 2022. JPL gestisce InSight per la direzione della missione scientifica della NASA. InSight fa parte del Discovery Program della NASA, gestito dal Marshall Space Flight Center dell’agenzia a Huntsville, in Alabama. Lockheed Martin Space a Denver ha costruito la navicella spaziale InSight, compreso il suo palco da crociera e il lander, e supporta le operazioni della navicella spaziale per la missione.

Numerosi partner europei, tra cui il CNES e il Centro aerospaziale tedesco (DLR), stanno supportando la missione InSight. Il CNES ha fornito lo strumento Seismic Experiment for Interior Structure ( SEIS ) alla NASA, con il ricercatore principale presso l’IPGP (Institut de Physique du Globe de Paris). Contributi significativi per SEIS provenivano da IPGP; il Max Planck Institute for Solar System Research (MPS) in Germania; il Politecnico Federale Svizzero (ETH di Zurigo) in Svizzera; Imperial College London e Oxford University nel Regno Unito; e JPL. DLR ha fornito il pacchetto Heat Flow and Physical Properties ( HP 3), con importanti contributi del Centro di ricerca spaziale (CBK) dell’Accademia polacca delle scienze e di Astronika in Polonia. Il Centro de Astrobiologia (CAB) spagnolo ha fornito i sensori di temperatura e vento.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.