Scienziati: “focolai di vaiolo delle scimmie in tutto il mondo”

I funzionari della sanità pubblica di tutto il mondo hanno espresso preoccupazione per le epidemie del cosiddetto vaiolo delle scimmie, una malattia rara correlata ad altri virus come il vaiolo ma che, nella maggior parte dei casi, non causa la morte negli esseri umani:

I casi segnalati nella prima parte del 2022 – uno è stato identificato negli Stati Uniti al momento della scrittura, 13 sospettati ma non ancora confermati in Canada, cinque confermati in Portogallo, nove confermati nel Regno Unito e sette sospettati in Spagna, secondo la BBC – sono ora oggetto di indagine dalle autorità sanitarie locali. Secondo il Dipartimento della sanità pubblica del Massachusetts , un uomo che aveva recentemente viaggiato in Canada ed era tornato nello stato avrebbe portato il caso più recente di vaiolo delle scimmie negli Stati Uniti. Anche se non è certo il momento di farsi prendere dal panico, i funzionari sanitari sono comunque preoccupati.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Il vaiolo delle scimmie di solito non si verifica a livello globale”, ha detto a USA Today Anne Rimoin, professoressa di epidemiologia presso la Fielding School of Public Health dell’UCLA. Rimoin, un esperto di vaiolo delle scimmie e altre malattie infettive correlate, ha anche affermato che un focolaio come questo è un “evento raro e insolito“. Il vaiolo è stato registrato per la prima volta negli esseri umani nel 1970 nella Repubblica Democratica del Congo, con successivi casi confermati nei paesi dell’Africa occidentale e centrale, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Ci sono stati altri casi di vaiolo delle scimmie legati ai viaggi negli Stati Uniti prima dell’ultimo caso confermato. Fortunatamente, ci sono anche alcune buone notizie:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nonostante l’aumento di popolarità del virus, secondo i ricercatori sarebbe improbabile una una ripetizione della pandemia di coronavirus. Inoltre, come precisato già all’inizio di questo post, il virus è raramente fatale. Il recupero di solito dura alcune settimane, secondo il CDC, con sintomi tra cui febbre, mal di testa, dolori muscolari e stanchezza. Abbiamo anche un vaccino che è già stato approvato per il vaiolo delle scimmie. Anche i farmaci antivirali si sono dimostrati efficaciRendere accessibili questi trattamenti, tuttavia, sarebbe probabilmente difficile. È stato dimostrato che la trasmissione tra esseri umani avviene solo attraverso grandi goccioline respiratorie, secondo il CDC.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.