Vulcano scatena incendio sull’Isola di Pasqua: danni irreparabili agli antichi moai – VIDEO

Un incendio sull’isola di Pasqua ha causato danni “irreparabili” danneggiando circa 80 moai, le iconiche statue di pietra che si trovano in tutto il territorio dell’isola cilena nell’Oceano Pacifico. Lo hanno affermato le autorità. L’incendio, che ha distrutto circa 100 ettari del Parco Nazionale di Rapa Nui, è già stato estinto è stato scatenato dal vulcano Rano Raraku, raggiungendo la cava dove l’antica civiltà indigena Rapa Nui fece i suoi moai. Sul posto, ci sono circa 416 di queste sculture in varie fasi di fabbricazione.

“È stato possibile estinguere (…) l’incendio nella cava del vulcano Rano Raraku, causando tuttavia danni irreparabili al patrimonio culturale dell’umanità“, ha affermato venerdì il presidente Gabriel Boric. A causa della geografia, le macchine dei vigili del fuoco non hanno potuto accedere al luogo, che lunedì scorso ha iniziato a bruciare, ha spiegato il sindaco dell’Isola di Pasqua, Pedro Edmunds, in una conferenza stampa a Santiago, dove era dovuto alle attività ufficiali. Le fiamme, il fumo e l’acqua hanno causato che circa un centinaio di moai che le case di cava sono stati colpiti dall’incendio, ha aggiunto il sindaco.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Uno di loro era completamente carbonizzato e “il suo danno è irreparabile”, ha detto Edmunds. “Rimarrà lì, così com’è, fino a quando non valuteremo il danno e ci rivolgeremo all’umanità per vedere quale soluzione applicare“. Le autorità sospettano, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che l’incendio abbia avuto un’origine intenzionale. “Questo incendio è stato prodotto dai produttori di bestiame per le praterie. Tutto lo indica“, ha affermato il ministro dell’Agricoltura, Esteban Valenzuela. Edmunds ha avvertito della mancanza di guardie forestali, a causa di una riduzione dei budget in quella che ha descritto come una situazione di “abbandono dell’isola” da parte del governo centrale , e ha attribuito a questo il rapido avanzamento delle fiamme.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Situata a circa 3.500 km a ovest del continente americano e nel mezzo dell’Oceano Pacifico, l’Isola di Pasqua è abitata da circa 8.000 persone. L’incendio è avvenuto due mesi dopo la riapertura al turismo dell’isola dopo due anni e mezzo di chiusura a causa della pandemia di coronavirus. Prima della pandemia, l’Isola di Pasqua, il cui principale sostentamento è il turismo, riceveva circa 160.000 visitatori all’anno, attraverso due voli giornalieri. Ma, con l’arrivo del covid-19 in Cile, l’attività turistica è stata completamente sospesa. I video diffusi sul web:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.