Le mucche alimentate con canapa producono latte con aggiunta di THC

Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Nature Food ha studiato le conseguenze dell’alimentazione della canapa delle mucche da latte. Nonostante il fatto che la canapa contenga livelli trascurabili di THC psicoattivo, i ricercatori hanno rilevato cambiamenti significativi nel comportamento degli animali e livelli misurabili di THC nel loro latte.

L’obiettivo principale della ricerca era scoprire se l’alimentazione di canapa per il bestiame fosse sicura sia per l’animale che per i prodotti animali che ne derivano per il consumo umano. Negli ultimi anni, la coltivazione della canapa è aumentata poiché il mercato dell’olio di CBD è cresciuto rapidamente, ma agli agricoltori spesso rimangono enormi volumi di biomassa di canapa una volta estratti i composti cannabinoidi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per esplorare questa domanda, un team di ricercatori ha condotto diversi esperimenti di alimentazione con vacche da latte in lattazione. La razione alimentare giornaliera degli animali è stata integrata con biomassa di canapa a bassissima concentrazione di cannabinoidi (concentrazioni di THC delta-9 dello 0,12%, al di sotto della soglia consentita dello 0,2% stabilita per la canapa commerciale). Dal punto di vista comportamentale, gli animali hanno mostrato una serie di notevoli cambiamenti dopo essere stati nutriti con la canapa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Contemporaneamente, sono stati evidenziati cambiamenti nel comportamento e nell’aspetto degli animali, come pronunciato gioco della lingua, aumento dello sbadiglio, salivazione, formazione di secrezioni nasali, prolasso e arrossamento della membrana nittitante e aspetto assonnato. Alcuni animali del gruppo nutrito con il maggior volume di canapa hanno mostrato un’andatura più cauta e occasionalmente instabile, una posizione insolitamente lunga e una postura anomala.” Bettina Wagner

I ricercatori hanno anche riferito che livelli misurabili di cannabinoidi potevano essere rilevati nel latte delle mucche dopo che erano state nutrite con canapa. Questi cannabinoidi, in particolare il THC delta-9, potrebbero essere rilevati a livelli che i ricercatori suggeriscono essere rilevanti per la salute umana.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Non è chiaro se bere il latte di queste mucche alimentate con canapa possa causare effetti psicoattivi negli esseri umani, ma i ricercatori chiariscono che i livelli di cannabinoidi che rilevano potrebbero essere un problema per i bambini o le donne che allattano .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli esperimenti hanno anche rivelato che le concentrazioni di THC nel latte si dissipavano rapidamente quando la canapa veniva rimossa dal mangime degli animali. Questa scoperta solleva la possibilità che la canapa venga aggiunta alla dieta di alcuni animali come un modo per ridurre il loro stress .

Michael Kleinhenz della Kansas State University ha svolto diversi studi recenti sull’alimentazione del bestiame con canapa industriale. Afferma che fintanto che c’è un periodo di stasi che rimuove i cannabinoidi dal sistema dell’animale, potrebbero esserci vantaggi significativi nell’aggiungere la canapa al mangime per il bestiame.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Parlando al New York Times, Kleinhenz ha affermato che quando una mucca passa più tempo a “oziare” può aumentare di peso. Quindi, se si possono stabilire risultati di alimentazione sicuri e privi di cannabinoidi, far sballare un po’ gli animali potrebbe essere meglio sia per le mucche che per gli allevatori.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.