Inventata una pompa di calore in grado di rilasciare energia solare mesi dopo che è stata immagazzinata. Ecco come funziona

Uno degli aspetti critici dei pannelli solari standard è legato al problema della conservazione dell’energia solare catturata nel tempo. A questo risponde un nuovo dispositivo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Stando a quanto riportato dall’azienda creatrice di Airthium, la rivoluzionaria pompa di calore è capace di immagazzinare l’energia catturata per mesi per poi reintrodurla nel sistema. Come compensare il calo della produzione di turbine eoliche e pannelli solari fotovoltaici? Questa è stata la domanda più importante dell’ultima fiera Vivatech. Infatti, questi due modi di produrre energia dipendono dalla presenza del vento per l’uno e della luce del sole per l’altro. Per questo motivo, attualmente non possono produrre energia in continuo, il che è un problema per le aziende, ad esempio. La giovane azienda ha così  cercato di sviluppare una tecnologia che supporti la produzione di elettricità rinnovabile, immagazzinarla in un determinato momento e rilasciarla diversi mesi dopo, attraverso lo sviluppo di una rivoluzionaria pompa di calore:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Guillaume Maurin, ingegnere di Airthium, ha spiegato che l’obiettivo principale dell’azienda è riuscire a produrre energia pulita durante tutto l’anno, senza dipendere dalle condizioni meteorologiche. Ad esempio, che l’energia solare non può essere prodotta di notte. L’interesse di questa pompa di calore di nuova generazione è, quindi, quello di poter restituire l’energia generata in poche ore, ma anche nell’arco di diversi mesi. In questo senso la pompa non immagazzinerà energia sotto forma di elettricità, ma sotto forma di calore.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come funziona?

In pratica, la pompa di calore è un enorme thermos che accumulerà calore quando la produzione dei pannelli solari è massima, cioè dalle 12:00 alle 16:00. Il picco di consumo di energia elettrica si verifica tra le 6 e le 11 di notte, quando il sole non splende più, soprattutto in inverno. Si tratta, poi, di cedere al “termo” il calore recuperato dalle 12:00 alle 16:00 in modo che possa essere restituito nelle ore di maggior consumo dall’innovativa pompa. La pompa di calore Airthium risolverebbe così il problema dell’energia solare in inverno. L’eccedenza di produzione ottenuta in estate potrebbe quindi essere conservata per essere reintegrata durante l’inverno. E per raggiungere questo obiettivo, userebbero una soluzione di ammoniaca liquida che immagazzinerebbe chimicamente questo calore.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Alcune domande

La pompa di calore sviluppata da Airthium funzionerebbe bruciando ammoniaca liquida. Guillaume Maurin spiega inoltre che l’energia rimasta dall’estate verrà utilizzata per produrre un combustibile sintetico. Verrà bruciato in inverno per il riscaldamento, senza produrre CO 2 . Tuttavia, devono ancora risolvere il problema dello stoccaggio dell’ammoniaca liquida. In effetti, questa sostanza chimica può rilasciare particelle inquinanti fini se non bruciata correttamente. Per risolvere questo grave problema, sono attualmente al lavoro su una nuova tecnologia di bruciatori senza fiamma che agisce sulla temperatura di combustione in modo da non produrre gas inquinanti. Sarebbe, quindi, ” un motore per decarbonizzare il pianeta “, secondo lo slogan dell’azienda.

A seconda della temperatura impostata, l’efficienza può raggiungere l’86%, rispetto a circa il 60% delle migliori pompe di calore ad alta temperatura di oggi. A seconda della temperatura impostata, l’efficienza può raggiungere l’86%, rispetto a circa il 60% delle migliori pompe di calore ad alta temperatura di oggi.

Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Maggiori informazioni: www.airthium.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.