Scienziati confermano: il bacio della mamma fa passare la “bua” al bimbo. La risonanza svela più di una semplice locuzione

Una madre e suo figlio sono rannicchiati insieme all’interno del tubo di uno scanner per risonanza magnetica. Lo scanner emette colpi e bip, trema e stride. Il bambino sta finalmente dormendo, premuto saldamente contro il petto di sua madre, e quindi è ancora sufficiente perché la risonanza magnetica possa osservare cosa accade dentro la sua testa. Una singola immagine RM, come questa, richiede diversi minuti per essere catturata:

Gli scienziati hanno riconfigurato uno scanner a risonanza magnetica per catturare una donna e il suo bambino. Rebecca Saxe e Atsushi Takahashi / Department of Brain and Cognitive Sciences, MIT / Athinoula A. Martinos Imaging Center presso il McGovern Institute for Brain Research, MIT

Lo spostamento di appena un millimetro lascia una sfocatura sullo schermo. La madre e il bambino devono mantenere la loro posa, come per un dagherrotipo. Mentre giacciono lì, lo scanner costruisce un’immagine di cosa c’è dentro i loro crani. Spesso le immagini RM sono fatte per i medici, per trovare un tumore o un vaso sanguigno ostruito. Gli scienziati realizzano anche le immagini, per studiare la funzione e lo sviluppo del cervello. Nel laboratorio della ricercatrice del MIT Rebecca Sax, la risonanza magnetica è stata utilizzata per osservare il comportamento del flusso sanguigno attraverso il cervello dei bambini, facendo una scoperta semplice quanto emozionante:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

osservati, i due cervelli – sia della mamma che del piccolo – manifestavano un rapporto simbiotico, causando la rapida serenità del piccolo. “Un bacio e passa la paura“, dunque, si conferma più di una locuzione. “Leggiamo loro storie e osserviamo come cambia la loro attività cerebrale in reazione alla trama. In questo modo, stiamo indagando su come i bambini pensano ai pensieri degli altri. Questa particolare immagine RM, tuttavia, non è stata realizzata per scopi diagnostici, e nemmeno per scopi scientifici. Nessuno, per quanto ne so, aveva mai realizzato un’immagine RM di una madre e di un figlio. Abbiamo fatto questo perché volevamo vederlo. Per alcune persone, questa immagine è stata un inquietante promemoria della fragilità degli esseri umani. Altri sono stati attratti dal modo in cui le due figure, con i loro vestiti, capelli e volti invisibili, sono diventate universali e potrebbero essere qualsiasi madre e bambino umano, in qualsiasi momento o luogo della storia. Altri ancora erano semplicemente affascinati da quanto il cervello del bambino fosse diverso da quello di sua madre; è più piccolo, più liscio e più scuro, letteralmente, perché c’è meno materia bianca” – ha osservato la ricercatrice che ha aggiunto:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Ecco una rappresentazione di uno dei problemi più difficili nelle neuroscienze: in che modo i cambiamenti in quel piccolo organo specifico compiranno il dispiegarsi di un’intera mente umana? Quanto a me, ho visto un’immagine molto vecchia resa nuova. La madre e il bambino sono un potente simbolo di amore e innocenza, bellezza e fertilità. Sebbene questi valori materni, e le donne che li incarnano, possano essere venerati, di solito sono visti in opposizione ad altri valori: ricerca e intelletto, progresso e potere. Ma io sono un neuroscienziato e ho lavorato per creare questa immagine; e ci sono anche la madre, raggomitolata nel tubo con mio figlio neonato” – ha concluso la ricercatrice, già autrice e coautrice di svariati studi sull’argomento:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Le regioni cerebrali nella “matrice del dolore” possono essere attivate osservando o leggendo di altri che soffrono di dolore fisico. In ricerche precedenti, abbiamo scoperto che la lettura di storie sulla sofferenza emotiva altrui, al contrario, recluta un diverso gruppo di regioni cerebrali per lo più associate al pensiero delle menti altrui. Nel presente studio, abbiamo esaminato i circuiti neurali responsabili della regolazione deliberata delle risposte empatiche al dolore e alla sofferenza degli altri” – si leggeva infatti nel testo di un precedente studio scientifico sul “Controllo empatico attraverso l’interazione coordinata dell’amigdala, della teoria della mente e delle estese regioni cerebrali della matrice del dolorepubblicato nel 2015.

- Prosegue dopo la pubblicità -

#cervello

Fonti:

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://mcgovern.mit.edu/wp-content/uploads/2019/01/brainscan_issue23.pdf

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25913703/

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://www.smithsonianmag.com/science-nature/why–captured-MRI-mother-child-180957207/

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.