L’intensa esplosione di energia che ha colpito la Terra sembra provenire da stelle che si scontrano e collassano, affermano gli scienziati

Un’intensa esplosione di energia che è stata rilevata sulla Terra sembra provenire da due stelle in collisione e collasso , secondo gli scienziati. I ricercatori che esaminano le osservazioni d’archivio dei raggi gamma affermano di aver trovato segnali “oscillanti” in due lampi di energia.

Sono stati trovati in vecchi dati presi da un esperimento fuori uso in orbita attorno alla Terra. Gli scienziati affermano che le esplosioni hanno il tipo di caratteristiche che ci si aspetterebbe da due stelle di neutroni che si fondono, poiché si uniscono per formare una stella di neutroni massiccia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le stelle di neutroni sono i nuclei densi che rimangono quando le stelle massicce giungono alla fine della loro vita. Quando si scontrano, a volte possono formare enormi stelle di neutroni, che di solito poi collasseranno in un buco nero.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli scienziati ritengono dalle simulazioni che quegli ipermassicci sarebbero visibili dai tipi specifici di lampi di raggi gamma che escono dalle loro collisioni. E così i ricercatori guidati dalla scienziata dell’Università del Maryland Cecilia Chirenti hanno esaminato 700 osservazioni di raggi gamma per quelle specifiche impronte digitali.

Hanno trovato con successo due di questi candidati. Chiamati GRB 910711 e GRB 931101B, hanno il tipo di frequenze che gli scienziati hanno previsto si sarebbero viste nella fusione delle stelle di neutroni. Entrambi gli esempi sono stati trovati utilizzando BATSE, o Burst and Transient Source Experiment. È stato lanciato per studiare i lampi di raggi gamma, sebbene catturati molto altro ancora, dall’orbita attorno alla Terra.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Lo ha fatto fino al 2000, quando la Nasa lo ha portato sulla Terra e lo ha distrutto, ponendo fine alla sua ricerca durata nove anni. Ma gli scienziati sono ancora in grado di esaminare i suoi dati nella speranza di trovarne di nuovi. Mentre gli scienziati esaminavano i dati di altre apparecchiature di rilevamento dei raggi gamma, non erano sorpresi che fosse BATSE il responsabile dei rilevamenti riusciti, a causa del suo design.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli scienziati sperano che questo sia l’inizio di un nuovo modo di studiare la fusione delle stelle di neutroni. Inoltre, potrebbero fornire un modo fruttuoso per farlo senza richiedere un rilevamento dell’onda gravitazionale, che è raro e può limitare la quantità che si può trovare su tali collisioni. I risultati sono riportati in un nuovo articolo, “Oscillazioni quasi periodiche di kilohertz in brevi lampi di raggi gamma”, pubblicato su Nature .

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.