Scoperto il gigantesco teschio di un predatore marino estinto: il pliosauro – video

Il cranio fossile lungo circa due metri, più alto della maggior parte delle persone, è ancora praticamente intatto e completo, il che rende questa scoperta unica. Secondo il paleontologo locale Steve Etches, un esemplare di queste dimensioni non era mai stato trovato prima d’ora. Gli scienziati sperano di saperne di più sul pliosauro grazie a questo teschio fossile:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il cranio straordinariamente ben conservato di un gigantesco pliosauro, un vero e proprio mostro marino preistorico, è stato scoperto su una spiaggia nella contea di Dorset – nel sud dell’Inghilterra – e potrebbe rivelare segreti su queste maestose creature. I pliosauri dominavano gli oceani in un’epoca in cui i dinosauri vagavano per la terra. Il fossile rinvenuto ha circa 150 milioni di anni, quasi 3 milioni di anni più giovane di qualsiasi altro ritrovamento di pliosauro. I ricercatori stanno analizzando il campione per determinare se potrebbe trattarsi di una specie nuova per la scienza. Individuato originariamente nella primavera del 2022, il fossile, insieme al complicato scavo e alle indagini scientifiche in corso, sono ora descritti in dettaglio nel prossimo documentario della BBC “Attenborough and the Jurassic Sea Monster”, presentato dal leggendario naturalista Sir David Attenborough, che andrà in onda il 14 febbraio. Le dimensioni enormi del rettile marino carnivoro erano tali che il cranio, scavato in una scogliera lungo la “Jurassic Coast” del Dorset, è lungo quasi 2 metri (6,6 piedi). Nella sua forma fossilizzata, l’esemplare pesa più di mezza tonnellata. Secondo l’Enciclopedia Britannica , le specie di pliosauri avrebbero potuto crescere fino a 15 metri (50 piedi):

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il fossile è stato sepolto in profondità nella scogliera, a circa 11 metri (36 piedi) dal suolo e 15 metri (49 piedi) più in basso, ha detto alla CNN in una videochiamata il paleontologo locale Steve Etches, che ha contribuito a scoprirlo. Estrarlo si è rivelato un compito pericoloso, irto di pericoli poiché un equipaggio ha gareggiato contro il tempo durante una finestra di bel tempo prima che i temporali estivi si avvicinassero e la scogliera venisse erosa, portando con sé forse il raro e significativo fossile. Etches venne a conoscenza per la prima volta dell’esistenza del fossile quando il suo amico Philip Jacobs lo chiamò dopo essersi imbattuto nel muso del pliosauro sulla spiaggia. Fin dall’inizio, erano “piuttosto eccitati, perché le sue mascelle si chiudevano insieme, il che indica che (il fossile) è completo“, ha detto Etches. Dopo aver utilizzato i droni per mappare la scogliera e identificare la posizione precisa del resto del pliosauro, Etches e il suo team hanno intrapreso un’operazione di tre settimane, scavando la scogliera mentre erano sospesi a mezz’aria. “È un miracolo che l’abbiamo fatto uscire”, ha detto, “perché avevamo un ultimo giorno per farlo uscire, cosa che abbiamo fatto alle 21:30” Gli incisioni hanno assunto il compito di restaurare scrupolosamente il cranio. C’è stato un momento che ha trovato “molto deludente” poiché il fango e le ossa si erano incrinati, ma “nei giorni e nelle settimane successivi, si è trattato di…, come un puzzle, rimettere tutto a posto. C’è voluto molto tempo, ma siamo riusciti a recuperare ogni pezzetto di osso. “

È stato uno “scherzo della natura” che questo fossile sia riuscito a restare in così buone condizioni, ha aggiunto Etches. “È morto nell’ambiente giusto, c’era molta sedimentazione… quindi quando è morto ed è caduto sul fondo del mare, è stato sepolto abbastanza rapidamente.” Il fossile quasi intatto mette in luce le caratteristiche che hanno reso il pliosauro un predatore davvero temibile, cacciando prede come l’ittiosauro simile a un delfino. Il predatore all’apice, con enormi denti affilati come rasoi, utilizzava una varietà di sensi, comprese le fosse sensoriali ancora visibili sul suo cranio che potrebbero avergli permesso di rilevare i cambiamenti nella pressione dell’acqua, secondo il documentario. Il pliosauro aveva un morso due volte più potente di quello di un coccodrillo d’acqua salata, che oggi ha le mascelle più potenti del mondo, secondo Emily Rayfield, professoressa di paleobiologia all’Università di Bristol, nel Regno Unito, apparsa nel documentario. Il predatore marino preistorico sarebbe stato in grado di fendere un’auto, ha detto. Andre Rowe, ricercatore post-dottorato in paleobiologia presso l’Università di Bristol, ha aggiunto che “l’animale sarebbe stato così massiccio che penso che sarebbe stato in grado di predare efficacemente qualsiasi cosa avesse avuto la sfortuna di trovarsi nel suo spazio”. Il link al video diffuso dalla Bbc:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: https://edition.cnn.com/2023/12/11/world/skull-pliosaur-fossil-documentary-intl-scli-scn/index.html

- Prosegue dopo la pubblicità -

#rettilemarino #paleontologia #gigante #record #pliosauro #fossile

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.