Scoperta una galassia a forma di diamante

Un team internazionale ha scoperto una galassia dalla rara forma rettangolare situata in un gruppo di 250 galassie a circa 70 milioni di anni luce dalla Terra. Il team autore della scoperta è un gruppo internazionale costituito da australiani, finlandesi, tedeschi e svizzeri. “Nell’universo che conosciamo, la maggior parte delle galassie possono avere tre diverse forme:  sferoidale, a forma di disco o grumoso e in apparenza irregolare” afferma Alister Graham, Professore Associato della Swinburne University of Technology. “E’ una di quelle cose che fanno solo sorridere, perché non dovrebbero esistere, o meglio non ci si aspetta che esistano. E’ un po ‘come la Torre Pendente di Pisa o la scoperta di alcune nuove specie esotiche, che, a prima vista, sembrano sfidare le leggi della natura”. La galassia è stata rilevata in un’immagine catturata dal telescopio giapponese “Subaru” ed è stata anche osservata dal telescopio “Keck” delle Hawaii. Le osservazioni delle Hawaii hanno mostrato una veloce rotazione, con un sottile disco laterale sull’orientamento al centro della galassia. “Una possibilità è che la galassia potrebbe essersi formata dalla collisione di due galassie a spirale”, afferma Duncan Forbes, coautore dello studio, osservando che “mentre le stelle pre-esistenti nelle galassie primordiali erano sparsie per la creazione di grandi orbite a forma di taglio a smeraldo, il gas “affondò” a metà piano, dove si formano nuove stelle e il disco che abbiamo osservato”. Gli astronomi sono stati in grado di ottenere informazioni utili da questa galassia per gli altri modelli. Il team ritiene che la galassia a taglio di smeraldo fosse difficile da trovare a causa delle sue particolari forme e dimensioni: il numero delle stelle che dispone sono 50 volte in meno della Via Lattea. “Curiosamente, se l’orientamento fosse giusto, quando le nostre galassie a forma di disco si sono scontrate con la galassia di Andromeda circa tre miliardi di anni da oggi potremmo trovarci gli abitanti di una galassia quadrata”. I dettagli sono stati pubblicati nella pubblicazione scientifica, The Astrophysical Journal.

- Prosegue dopo la pubblicità -