Press "Enter" to skip to content

Cammello gigante preistorico trovato in Canada spiega il segreto delle gobbe


Un gruppo di ricerca guidato dal Canadian Museum of Nature ha individuato la prima prova dell’esistenza di un cammello gigante estinto in Canada nell’Alto Artico. La scoperta si basa su 30 frammenti fossili di un osso della gamba trovati sull’isola di Ellesmere, Nunavut e rappresenta il record più a nord per i primi cammelli, i cui antenati sono noti per aver avuto origine in Nord America circa 45 milioni di anni fa. I fossili sono stati raccolti in tre stagioni estive di ricerca sul campo (2006, 2008 e 2010) e la loro datazione si aggira dai 3-1 milione e mezzo di anni, risalenti alla metà del Pliocene. Altri reperti fossili nel sito suggerirebbero che questo cammello viveva in un ambiente di tipo foresta boreale, durante una fase di riscaldamento globale del pianeta. La ricerca del Dr. Natalia Rybczynski e dei co-autori tra cui il dottor John Gosse della Dalhousie University, Halifax e il dottor Mike Buckley presso l’Università di Manchester in Inghilterra è descritta nell’edizione di marzo 2013 della rivista online Nature Communications. “Si tratta di una scoperta importante perché fornisce la prima prova di cammelli che vivevano nella regione artica alta”, spiega Rybczynski, un paleontologo dei vertebrati del Canadian Museum of Nature, che ha guidato numerosi spedizioni sul campo artico del Canada. “Si amplia la gamma precedente di cammelli in Nord America verso nord di circa 1.200 km, e suggerisce che il lignaggio che ha dato origine ai cammelli moderni potrebbe essersi stato originariamente a vivere in un ambiente dell foresta artica.” Le ossa di cammelli sono stati raccolte da un ripido pendio nel sito Leaf Bed Fyles, un deposito di sabbia vicino a Strathcona fiordo sull’isola di Ellesmere. I fossili di foglie, legno e altro materiale vegetale sono stati trovati in questo sito, ma il cammello è il primo mammifero recuperato. In una vicina località ricca di fossili a Strathcona Fiordo, conosciuta come il sito Beaver Pond, ha già dato alla luce fossili di mammiferi dello stesso periodo di tempo, compreso un tasso, un cervo, un castoro e un cavallo tridattilo.
fossili di cammello gigante preistorico scoperti a nord del CanadaDeterminare che le ossa trovate appartenessero ad un cammello è stata una sfida. “La prima volta che ho preso un pezzo, ho pensato che potesse essere di legno. E’ solo quando siamo tornati al campo che sono stato in grado di accertare che non era solo un osso, ma anche di un mammifero fossile più grande di qualsiasi cosa abbiamo visto così lontano dai depositi”, spiega Rybczynski, in relazione il momento in cui lei e il suo team avevano scoperto qualcosa di insolito. Alcune importanti caratteristiche fisiche suggerite dai frammenti fossili raccontano che queste facessero parte di una grande tibia, il principale della gamba delle ossa nei mammiferi, e che appartenevano al gruppo degli artiodattili conosciuti come arteriodactyls, che comprende mucche, maiali e cammelli. File digitali di ciascuno dei 30 frammenti ossei sono state prodotte utilizzando uno scanner laser 3D, consentendo i pezzi da assemblare e allineandoli. La dimensione dell’osso della gamba ricostituita suggerisce che era da un mammifero molto grande. Al momento in America del Nord, i più grandi arteriodactyls erano cammelli. Piena conferma che le ossa appartenevano a un cammello sono state ottenute grazie ad uns nuova tecnica chiamata “fingerprinting collagene” introdotta dal Dr. Mike Buckley presso l’Università di Manchester, in Inghilterra. Profili prodotti da questa tecnica possono essere utilizzati per distinguere i vari gruppi di mammiferi. Piccole quantità di collagene, la proteina dominante che si trova nelle ossa, sono state estratte dai fossili. Utilizzando marcatori chimici per i peptidi che compongono il collagene, è stato sviluppato un profilo collagene delle ossa fossili. Questo profilo è stato confrontato con quelli di 37 specie di mammiferi moderni, così come quella di un cammello fossile trovato nel Yukon, che è anche nel museo canadese di collezioni Natura. Il profilo di collagene per il cammello Alto Artico più strettamente corrispondeva a quello dei moderni cammelli, dromedari (cammelli con una gobba), così come il cammello gigante, che si pensa possa essere il Paracamelus, l’antenato dei cammelli moderni. Le informazioni del collagene, combinate con i dati anatomici, permettono a Rybczynski e ai suoi colleghi a concludere che le ossa appartengono a Ellesmere un cammello, ed è probabile che si tratti del lignaggio stesso del Paracamelus.
Paracamelus“Ora abbiamo un nuovo record fossili per capire meglio l’evoluzione del cammello, dal momento che la nostra ricerca dimostra che il lignaggio del Paracamelus che ha abitato nel Nord America del Nord per milioni di anni e la spiegazione più semplice di questo modello è che Paracamelus abbia avuto origine li”, spiega Rybczynski. “Quindi, forse, alcune specializzazioni viste nei cammelli moderni, come i piedi piatti larghi, gli occhi grandi e le gobbe di grasso potrebbero essere adattamenti derivanti dal vivere in un ambiente polare.” L’articolo scientifico riporta inoltre per la prima volta un’epoca precisa sia stata definita al Leaf Bed Fyles e il sito Beaver Pond – almeno 3400 mila anni fa. Questo è stato determinato dal Dr. John Gosse alla Dalhousie University utilizzando una tecnica sofisticata che prevede l’aggiornamento delle sabbie trovate associate con l’osso. La data è importante perché corrisponde a un periodo di tempo in cui la Terra era di 2 º C à 3 ° C più caldo di oggi, e l’Artico è stata del 14 º C à 22 ° C più calda. Le ossa del cammello Alto Artico sono ospitate nel Museo canadese della ricerca della natura con le collezioni a Gatineau, Quebec a nome del Governo del Nunavut.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Notizia su:
http://www.sciencedaily.com/releases/2013/03/130305131032.htm

- Prosegue dopo la pubblicità -

e su:
http://news.nationalpost.com/2013/03/05/giant-ancient-camel-remains-discovered-in-canadian-arctic/

- Prosegue dopo la pubblicità -

http://www.thestar.com/news/world/2013/03/05/camel_fossils_discovered_in_canadas_arctic_shed_light_on_animals_evolution.html

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.