La “porta dell’inferno” romana che ha ucciso le sue vittime con una nuvola letale di anidride carbonica

È possibile attraversare le porte dell’inferno e continuare a vivere? I romani la pensavano così e organizzarono sacrifici elaborati in quello che credevano fossero gli ingressi agli inferi sparsi per l’antico Mediterraneo. I sacrifici – i tori sani portarono giù alle porte dell’inferno – morirono rapidamente senza l’intervento umano, ma i sacerdoti castrati che li accompagnarono tornarono illesi. Ora, un nuovo studio su un sito antico suggerisce che questi “miracoli” possono avere una semplice spiegazione geologica.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Riscoperta solo 7 anni fa, la porta dell’inferno nell’antica città di Hierapolis, nella moderna Turchia, è una porta di pietra che conduce a una piccola caverna simile a una grotta. Il cancello era stato costruito su una parete di un’arena rettangolare all’aperto, sormontata da un tempio e circondata da sedili in pietra rialzata per i visitatori. La città stessa si trova in una delle aree geologicamente più attive della regione; 2200 anni fa, si riteneva che le sue sorgenti termali avessero grandi poteri curativi. Ma una profonda fessura che corre sotto Hierapolis emette costantemente anidride carbonica vulcanica, che si riversa come una nebbia visibile. Il cancello – noto anche come Plutonio, per Plutone, il dio degli inferi – è costruito direttamente sopra di esso. Nel 2011, gli archeologi hanno dimostrato che il cancello è ancora mortale: gli uccelli che volano troppo vicino soffocano e muoiono .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ora, un gruppo di ricerca guidato dal biologo del vulcano Hardy Pfanz presso l’Università di Duisburg-Essen in Germania ha studiato il potenziale di uccisione del santuario in modo più dettagliato. Pfanz e i suoi colleghi hanno misurato la concentrazione di CO 2 nell’arena nel tempo. Durante il giorno, il calore del sole dissipa il gas. Ma di notte il gas, leggermente più pesante dell’aria, si gonfia e forma un “lago” di CO 2 sul pavimento riparato dell’arena. E ‘particolarmente mortale all’alba , quando la CO 2 concentrazione di 40 centimetri al di sopra del piano dell’arena raggiunge il 35%, abbastanza per asfissiare e uccidere gli animali o anche persone in pochi minuti, Pfanz dice. Ma le concentrazioni diminuiscono rapidamente con l’altezza.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Una ricostruzione in 3D del plutonio a Hierapolis. The Gate to Hell si trova nel muro sotto i sedili in pietra.

Probabilmente i sacerdoti eunuchi fecero i loro sacrifici solo nelle ore del mattino o della sera, quando la concentrazione del gas era più alta, dice Pfanz. Gli animali sacrificali non erano abbastanza alti da mantenere le loro teste completamente libere dal lago di CO 2 , e quando le vertigini diventavano vertiginose, le loro teste sarebbero scese ancora più in basso, esponendole a concentrazioni più elevate di CO 2 e portando alla morte per asfissia. I preti, tuttavia, erano abbastanza alti da tenere la testa al di sopra dei gas pericolosi, e potrebbero persino essersi alzati su pietre da aggiungere alla loro altezza. “Loro … sapevano che il respiro mortale di [il mitico hellhound] Kerberos raggiunse solo una certa altezza massima”, dice Pfanz.

Strabo, un antico storico greco che visitò il Plutonio a Hierapolis circa 2000 anni fa, registrò che i preti potevano persino mettere le loro teste dentro la porta dell’inferno e non subire effetti negativi. Strabo pensava che questa immunità potesse essere dovuta alla loro castrazione . Pfanz crede di essere a conoscenza dell’ambiente chimico locale. Per esempio, pensa che i preti avrebbero dovuto evitare di avvicinarsi troppo al cancello se non a mezzogiorno, quando il santuario era relativamente sicuro. L’archeologo Francesco D’Andria dell’Università del Salento di Lecce, che ha guidato la squadra che ha scoperto il plutonio a Hierapolis nel 2011, non è così sicuro. La sua squadra ha trovato molte antiche lampade ad olio immediatamente attorno al cancello dell’inferno, suggerendo che i sacerdoti si sarebbero avventurati vicino di notte, nonostante la pericolosa CO2 livelli.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le nuove scoperte sono “tremendamente eccitanti”, dice Gil Renberg, un classicista che studia le credenze religiose greche e romane all’Università di Nebrask a Lincoln“Questa informazione scientifica dimostra la veridicità delle fonti antiche e aiuta a spiegare non solo il motivo per cui le persone potrebbero entrare, ma anche il motivo per cui gli animali sarebbero morti”.

È probabile che almeno alcuni degli altri plutonio funzionino allo stesso modo. Renberg pensa che i metodi di indagine chimica usati da Pfanz e dal suo team potrebbero aiutare a fornire un’idea più precisa della posizione esatta del cancello dell’inferno in un sito chiamato Akaraka, anche nella moderna Turchia.

- Prosegue dopo la pubblicità -