Press "Enter" to skip to content

Vita sulle nuvole di Venere: l’insolita ipotesi dei ricercatori

La vita potrebbe esistere solo un pianeta rimosso dalla Terra, secondo una nuova ricerca. Un articolo pubblicato la scorsa settimana  nella rivista peer-reviewed “Astrobiology” dà uno sguardo alla seconda roccia del SoleVenere – così come la sua atmosfera per espandere su una teoria vecchia di decenni: le nuvole del pianeta potrebbero supportare la vita microbica .

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Una volta collegate, le nostre linee di ragionamento suggeriscono che le particelle nelle nubi inferiori di Venere possano contenere un sufficiente bilancio di massa per ospitare microrganismi, acqua e soluti e biomassa potenzialmente sufficiente da essere rilevata con metodi ottici”, hanno scritto gli autori. Temperature moderate e pressioni, così come il trucco chimico – composti di zolfo, anidride carbonica e acqua nelle nuvole aiutano a stabilire un ambiente necessario per sostenere la vita.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori dicono anche che le cosiddette “macchie scure” nelle nuvole venusiane, che “sono costituite da acido solforico e particelle che assorbono la luce“, sono simili alle fioriture di alghe e altri batteri presenti nei laghi e negli oceani della TerraNewsweek riferisce.   Gli scienziati sono stati in missione per trovare prove di vita extraterrestre per decenni – e Venere potrebbe essere il posto perfetto per iniziare. Il potenziale per le nuvole di Venere di contenere la vita fu esaminato per la prima volta alla fine degli anni ’60 attraverso una serie di sonde spaziali, ma l’autore principale Sanjay Limaye dell’università del WisconsinMadison Space Science and Engineering Center afferma che le zone scure del pianeta non sono state accuratamente esplorate. Gli strumenti che hanno testato l’atmosfera di Venere in passato erano “incapaci di distinguere tra materiali di natura organica o inorganica”, riporta Newsweek.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Limaye ha detto che i ricercatori stanno ora prendendo in considerazione un metodo di sperimentazione cloud chiamato Venus Atmospheric Maneuverable Platform (VAMP), un aereo simile a un dirigibile che può librarsi sulle nuvole del pianeta fino a un anno raccogliendo campioni. Per sapere davvero, dobbiamo andare là e provare le nuvole“, ha dichiarato a Newsweek Rakesh Mogul, professore di chimica biologica presso il Politecnico di California, a Pomona. “Venere potrebbe essere un nuovo entusiasmante capitolo sull’esplorazione astrobiologica.”

 

- Prosegue dopo la pubblicità -
error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.