NASA conferma: “acqua su Europa, satellite di Giove. Forse c’è la vita laggiù” – video

Europa, una luna di Giove pensò di ospitare un caldo oceano di acqua salata che scivolava sotto una spessa crosta ghiacciata, è stato a lungo considerato uno dei migliori punti del Sistema Solare per cercare esseri alieni.  Ora, citando i dati raccolti dalla sonda Galileo della NASA più di due decenni fa, gli scienziati riferiscono che giganteschi getti d’acqua stanno sgorgando a più di 100 miglia dalla superficie di quella luna. Lo studio, pubblicato lunedì sulla rivista Nature Astronomy, aggiunge alla crescente evidenza che Europa sta spargendo il suo contenuto nello spazio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se l’esistenza dei pennacchi è confermata e sono collegati all’oceano di Europa, potrebbero fornire un modo allettante e diretto per campionare la luna in cerca di segni di vita. Piuttosto che atterrare in superficie e perforare fino a 15 miglia attraverso il ghiaccio – un’impresa che non è mai stata raggiunta nemmeno sulla Terra – un veicolo spaziale potrebbe semplicemente volare attraverso l’atmosfera e testarne il contenuto. I ricercatori stanno già lavorando alle missioni per fare proprio questo. L’Europa Clipper della NASA e Jupiter Icy Moons Explorer (JUICE) dell’Agenzia spaziale europea sono previsti per il lancio nella prima metà del 2020, entrambi dotati di telecamere ad alta risoluzione e una serie di altri strumenti sensibili.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“L’idea che Europa possa possedere i pennacchi sembra diventare sempre più reale, e questa è un’ottima notizia per le esplorazioni future”, ha detto Xianzhe Jia , fisico spaziale all’Università del Michigan e autore principale del nuovo documento sul fenomeno.  I risultati delle missioni Clipper e Juice, ha proseguito, “potrebbero avere enormi implicazioni” – spingendo noi terrestri a capire se siamo soli o no nel nostro sistema solare. Gli scienziati hanno sospettato dal 2012 che Europa potesse ospitare i pennacchi, dopo che il Telescopio Spaziale Hubble aveva osservato il vapore acqueo schizzare sopra il gelido polo sud della luna.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un’altra serie di osservazioni, scattate nel 2014 e nel 2016, ha trovato un jet ricorrente sparare da un “punto caldo” insolitamente caldo vicino all’equatore lunare. Il più alto dei pennacchi era così potente che si estendeva per 120 miglia (193 km) sopra la superficie della luna; Old Faithful, il famoso geyser di Yellowstone, raggiunge soltanto i 184 piedi (56 metri). L’interpretazione di quelle immagini è stata discussa; le immagini spingevano i limiti della sensibilità di Hubble, e a volte il telescopio spaziale non era in grado di individuare completamente le piume. Il dibattito in corso ha richiesto osservazioni in loco, ha detto Jia. Ma nessun veicolo spaziale si è avvicinato all’Europa da quando Galileo, che si è precipitato a 250 miglia a 400 km di distanza dal “punto caldo” della luna nel dicembre 1997. Quella missione ha avuto una grave lacuna: l’antenna più potente della navicella non è stata dispiegata dopo il lancio , limitando la quantità di dati che la navicella poteva inviare sulla Terra.  Tuttavia, Jia – che era una studentessa universitaria durante il sorvolo – pensava che se esistesse un pennacchio, Galileo avrebbe potuto percepire le sue firme con il suo magnetometro e gli strumenti a onde al plasma.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Margaret Kivelson, un fisico spaziale dell’Università della California a Los Angeles, che è stato il principale investigatore per il magnetometro di Galileo, ha confermato la sua intuizione. “In un particolare passaggio, la sonda spaziale è arrivata molto, molto vicino alla superficie di Europa, ed è stato su quel passo che abbiamo visto le firme che non abbiamo mai veramente capito”, ha detto in una conferenza stampa lunedì. Galileo scoprì che il campo magnetico di Europa si intensificava e spostava l’orientamento proprio quando la navicella spaziale si avvicinava alla luna. Quindi, i dati provenienti dallo strumento ad onde al plasma hanno mostrato emissioni insolite che potrebbero essere associate ad un’alta densità di particelle cariche. I risultati non avevano senso al momento – ma sono proprio quello che gli scienziati si aspetterebbero di trovare vicino a un getto di acqua salata. Ma l’ambiente attorno alla luna è complesso – deformato dai forti campi magnetici di Giove e dall’atmosfera di Europa.  Quindi Jia, Kivelson e i loro colleghi hanno eseguito i dati attraverso un sofisticato programma di modellazione che ha confrontato le osservazioni con quello che gli scienziati potrebbero aspettarsi di vedere da un pennacchio delle dimensioni riportate da Hubble. I risultati erano in “accordo soddisfacente“, ha detto Jia. Video:

Kivelson, che non aveva considerato un tale pennacchio quando ha raccolto i dati due decenni fa, si è meravigliato della nuova scoperta. “È incredibile quanto sia difficile anticipare qualcosa che non è mai successo prima”, ha detto. La fonte del pennacchio non è ancora chiara. La teoria prevalente è che l’acqua proviene direttamente dall’oceano sottosuolo dell’Europa e viene spinta verso l’alto dall’attività idrotermale molto simile a quella che alimenta i geyser sulla Terra. Ma l’acqua potrebbe avere origine altrove, secondo Jia. Alcuni hanno suggerito che potrebbe esserci un lago sottosuolo che si nasconde tra gli strati delle spesse coltre di ghiaccio di Europa. Anche il comportamento dei pennacchi è imprevedibile. Poiché inizialmente furono visti quando Europa era più lontana da Giove, i ricercatori pensarono che potevano essere guidati dallo stress mareale – l’attrito generato dalla forza gravitazionale di Giove che mantiene liquido interno Europa. Ma le osservazioni di follow-up di Hubble non hanno potuto confermare questa idea. Jia spera che questo articolo ispiri i colleghi ricercatori a continuare a guardare i pennacchi di Europa. Forse qualcun altro troverà ulteriori indizi estraendo dati vecchi di anni. O, forse, quando il potente James Webb Space Telescope finalmente verrà lanciato (è stato respinto più volte), otterrà un’immagine più chiara di ciò che sta accadendo sulla luna aliena.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La missione Clipper – ora nella fase di progettazione preliminare – è proiettata per arrivare a Giove intorno al 2030. Lì eseguirà 45 voli sull’Europa, arrivando fino a 16 miglia sopra la superficie lunare. Se trova un pennacchio, gli strumenti di Clipper saranno in grado di misurare la sua composizione chimica, ha detto Elizabeth Turtle , uno scienziato planetario presso il Johns Hopkins Applied Physics Laboratory e uno dei principali ricercatori coinvolti nella missione. L’astronave cercherà molecole associate all’attività biologica. “Ma è molto lungo passare dalla possibilità di misurare la composizione specifica per poter dire” C’è vita “”, ha ammonito alla conferenza stampa lunedì.  Questo articolo è stato originariamente pubblicato da The Washington Post .  A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).