L’ammonite gigante: ecco quanto era grande e quando è vissuta

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questa esposta in un museo e fotografata con un bimbo davanti per dimostrarne le dimensioni, è un esemplare fossilizzato di  Lytoceras taharoaense. La gigantesca ammonite fossile ha un diametro di 1,42 metri e un peso di circa 1.200 chilogrammi. Fu scoperta nel febbraio del 1977 da Jean Gyles di Wellington a Taharoa, 10 chilometri a sud del porto di Kāwhia, sulla costa di Waikato, in un piccolo sbocco sul ciglio della strada. Lo scavo ha richiesto diversi tentativi, con il blocco finale recuperato nell’aprile del 1978. È giunta fino al tardo Giurassico (circa 140 milioni di anni fa).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le ammoniti (sottoclasse Ammonoidea) sono un gruppo di Molluschi cefalopodi estinti, comparsi nel Devoniano Inferiore (circa 400 milioni di anni fa) ed estintisi intorno al limite CretaceoSuperiore-Paleocene (65,5 ± 0,3 Ma) senza lasciare discendenti noti. Si tratta di animali di ambiente marino, caratterizzati da una conchiglia esterna composta prevalentemente di carbonato di calcio, sotto forma di aragonite, e in parte di una sostanza organica di natura proteica (conchiolina)[1]. La conchiglia era suddivisa internamente da setti in diverse camere, di cui il mollusco occupava solo l’ultima (camera d’abitazione). Le altre, che componevano il fragmocono (parte concamerata della conchiglia), erano utilizzate come “camere d’aria” (analogamente all’attuale Nautilus), riempite di gas e liquido camerale per controllare il galleggiamento dell’organismo. La pressione dei fluidi camerali era controllata da una sottile struttura organica tubolare riccamente vascolarizzata, in parte mineralizzata (il sifone), che attraversava tutti i setti e permetteva lo scambio di fluidi dal sangue e dai tessuti molli dell’animale alle camere tramite un processo di osmosi. L’ammonite poteva così variare la propria profondità (entro i limiti di resistenza meccanica della conchiglia) in maniera simile ai nautiloidi tuttora viventi. Verosimilmente le ammoniti, come tutti i cefalopodi conosciuti, erano organismi carnivori, e secondo gli studi disponibili svilupparono probabilmente un grande numero di adattamenti diversi, dalla predazione attiva di animali marini, alla microfagia (predazione di microorganismi), alla necrofagia(consumo di carne di organismi morti), e persino al cannibalismo (predazione di altre ammoniti, anche conspecifiche).

- Prosegue dopo la pubblicità -

La conchiglia delle ammoniti ha in generale la forma di una spirale avvolta su un piano (sebbene alcune specie, dette eteromorfe, abbiano un avvolgimento più complesso e tridimensionale) ed è proprio questa caratteristica ad aver determinato il loro nome. L’aspetto di questi animali, infatti, ricorda vagamente quello di un corno arrotolato, come quello di un montone (il dio egizio Amonera comunemente raffigurato come un uomo con corna di montone). Il celebre studioso romano Plinio il Vecchio (autore del trattato Naturalis Historia) definì i fossili di questi animali ammonis cornua, “corni di Ammone”. Spesso il nome delle specie di Ammoniti termina in ceras, vocabolo greco (κέρας) il cui significato è, appunto, “corno” (p.es. Pleuroceras che etimologicamente significa corno con le coste). Le ammoniti sono considerate i fossili per eccellenza, tanto da essere spesso utilizzati come simbolo grafico della paleontologia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per la loro straordinaria diffusione nei sedimenti marini di tutto il mondo e la loro rapida evoluzione, con variazioni nette nella morfologia e nell’ornamentazione della conchiglia, le ammoniti sono fossili guida di eccezionale valore. Sono utilizzati in stratigrafia per la datazione delle rocce sedimentarie, soprattutto dal Paleozoico Superiore a tutto il Mesozoico. Questo fossile fa parte della Collezione Paleontologica Nazionale GNS Science ed è esposto al Museo della Nuova Zelanda Te Papa Tongarewa. A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

Fonti: https://teara.govt.nz/en/photograph/9853/giant-ammonite

https://it.wikipedia.org/wiki/Ammonoidea

- Prosegue dopo la pubblicità -