Morte improvvisa per il Re dei Bitcoin: una password per 150 milioni di dollari

Un tesoro da 150 milioni di dollari dietro una password. Un tesoro che dopo la morte a soli 30 anni del genio informatico canadese Gerald Cotten, rischia di restare seppellito nei meandri del web senza la password che il giovane nerd, fondatore di  QuadrigaCX si è portato nella tomba. 26.500 Bitcoin, 11mila Bitcoin Cash, 11mila Bitcoin SV, 35mila Bitcoin Gold, 200mila Litecoin e 430mila Ethereum sono il tesoro di criptovalute oggetto dell’impero fondato da Cotten.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La vedova, disperata, ha persino dovuto esibire il certificato di morte del marito, deceduto a causa del Morbo di Chron durante un viaggio in India. In tanti, soprattutto coloro che hanno investito nella piattaforma Exchange Aroottawa, non le credono. Sospettano che menta sia sulla scomparsa di Gerald, sia sul fatto che il compianto non avesse lasciato da qualche parte, oltre che nel suo cervello, la password dei sistemi di protezione e crittografia del suo mondo di dollari virtuali ma comunque garantiti dai contanti investiti da coloro che adesso rischiano di restare al verde.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La moglie di Cotten, nonostante il lutto, ha ingaggiato un esperto dopo aver giurato pubblicamente  di non avere la benché minima di idea di dove Cotten custodisse le password. Il problema deriva dal fatto che i bitcoin non sono ereditabili dal momento che non esiste una norma che regoli il loro passaggio a potenziali eredi, se non conoscendo appunto le chiavi di accesso al portafoglio digitale della persona defunta. Ma finora l’esperto Chris McBryan non è riuscito a trovare la password. Chissà come andrà a finire: la storia resterà un racconto giallo con finale aperto oppure finiranno tutti al verde?

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).