I mozziconi di sigaretta sono la principale fonte di spazzatura nell’oceano

L’inquinamento oceanico è un problema molto serio, e sembra essere molto presente nelle notizie al momento. Spesso, quando sentiamo il termine “inquinamento oceanico“, ci vengono in mente cannucce, bottiglie e altri rifiuti di plastica – ma c’è un altro tipo di spreco che è molto peggiore e finora ha ricevuto molta meno attenzione di quanto meriti. I riflettori sono ora sui filtri delle sigarette. All’inizio, possono sembrare piccoli e relativamente innocui, ma possono causare danni irreversibili agli oceani e alla fauna selvatica in generale, in particolare nei numeri in cui sono attualmente trovati. NBC News ha pubblicato un rapporto che cita i dati raccolti dalla ONG Ocean Conservancy, che ha organizzato le pulizie in spiaggia dal 1986. Secondo i dati raccolti da Ocean Conservancy , dagli anni ’80 sono stati raccolti circa 60 milioni di filtri per sigarette.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo supera enormemente il numero di buste di plastica, buste di cibo, bottiglie di bevande o cannucce ripulite dai nostri oceani. Alcuni amanti della spiaggia dispongono dei loro filtri direttamente sulla spiaggia. In altri casi, i mozziconi sono trasportati dalla pioggia nei fiumi, poi in altri corpi idrici e infine nel mare, dove vengono riportati alle spiagge dalle onde. Non è insolito per le persone prendere libertà con la natura al punto di trattare ovunque come un portacenere.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tuttavia, per pigrizia o disprezzo, la maggior parte dei fumatori non si rende conto di quanto possa essere esteso e dannoso il loro comportamento, non solo per l’ambiente e per gli ecosistemi, ma anche per se stessi come consumatori. La maggior parte dei filtri per sigarette consiste almeno in parte di acetato di cellulosa – che è di per sé un prodotto naturale.  Di conseguenza, molte persone sono convinte che i filtri per sigarette siano biodegradabili, come aveva suggerito in precedenza uno studio pubblicato dal BMJ .

- Prosegue dopo la pubblicità -

La verità, tuttavia, è che una plastica che non è biodegradabile si forma spesso quando viene lavorato l’acetato di cellulosa, quindi in realtà i tempi di decadimento dei filtri delle sigarette sono molto più lunghi di quanto dovrebbe.  Fino a quando i filtri iniziano a decadere, rilasciano anche tutti gli inquinanti che assorbono dal fumo, incluse sostanze come la nicotina, l’arsenico e il piombo. Questi, così come la plastica in decomposizione, vengono poi consumati da varie creature marine e, se ciò non è abbastanza orribile, finiscono per finire nel nostro stesso cibo. Sebbene l’industria delle sigarette stia cercando soluzioni più ecologiche per la produzione di filtri per sigarette e lo faccia da un po ‘di tempo, i fumatori sono sollecitati – sia per la natura che per la salute pubblica – a considerare se è davvero così grande sforzo per smaltire i mozziconi di sigaretta in modo responsabile.

Leggi l’articolo originale su Business Insider Deutschland . Questo post è originariamente apparso su Business Insider Deutschland ed è stato tradotto dal tedesco. Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -
error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.