Trapianti, ecco il gene che provoca il rigetto. Così ridurremo i casi di incompatibilità

La scoperta di un gene che causa il cosiddetto “rigetto” negli organismi dei soggetti umani ai quali è stato effettuato un trapianto d’organi potrebbe aiutare medici a ridurre i casi di incompatibilità:

- Prosegue dopo la pubblicità -

La scoperta del gene rappresenta il risultato di una ricerca condotta su 2700 trapianti di rene curata dalla Columbia University di New York e dall’Università di Torino, unitamente alla Città della Salute di Torino. Lo studio è stato pubblicato dal New England Journal of Medicine.  Il gene in questione è il seguente:

- Prosegue dopo la pubblicità -

si tratta della proteina LIMS1. Se l’organismo del donatore ne è provvisto e se mentre il ricevente ne è invece sprovvisto, può riconoscerla come estranea e attuare una risposta immunitaria di rigetto dell’intero trapianto. «L’esito di questo studio ha implicazioni importanti – spiega la professoressa Silvia Deaglio, del gruppo di ricerca della Genetica dei Trapianti di Torino -: queste informazioni genetiche possono essere utilizzate per trovare le combinazioni più compatibili quando si selezionano i riceventi da trapiantare. Già oggi – prosegue la ricercatrice – si eseguono i test sulle caratteristiche genetiche dei tessuti per scegliere quali dei pazienti in lista di attesa presenti le caratteristiche più simili a quelle del donatore. Introducendo anche l’analisi sulla presenza del gene LIMS1 si potranno migliorare gli abbinamenti tra donatore e ricevente e, di conseguenza, l’esito dei trapianti». (Fonte).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).