Un nuovo medicinale “cavallo di Troia” che inganna le cellule tumorali eliminandole completamente. Nuova scoperta che rivoluzionerà la chemioterapia

Salute

Un nuovo medicinale ‘cavallo di Troia’ che inganna le cellule tumorali e le ha fatte “sparire completamente” in alcuni casi di cancro alle ossa, al pancreas e colon durante una sperimentazione.
Il medicinale si lega al grasso, che i tumori usano come combustibile per crescere, il grasso viene assorbito dalle cellule maligne con la terapia anti-cancro, una volta all’interno di un tumore, il farmaco si attiva e distrugge le cellule cancerose.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quindi si tratta di un”cavallo di Troia” che inganna e uccide le cellule tumorali.
I ricercatori hanno testato l’approccio utilizzando il paclitaxel chemio. Questo ha completamente eliminato il cancro dell’osso, del pancreas e del colon nei topi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La ricerca è stata condotta dalla Northwestern University e guidata dal dott. Nathan Gianneschi, professore nel dipartimento di chimica.

- Prosegue dopo la pubblicità -

È come un cavallo di Troia“, ha detto il professor Gianneschi. “Sembra un buon piccolo acido grasso, quindi i recettori del tumore lo vedono e lo invitano.
Allora il farmaco inizia a metabolizzarsi e uccide le cellule tumorali.”

Dalle statistiche sembrerebbe che una persona su due nata dopo il 1960 nel Regno Unito svilupperà il cancro a un certo punto della sua vita.
Solo negli Stati Uniti, più di 1,7 milioni di persone sono state diagnosticate con un cancro l’anno scorso, mentre oltre 609.000 sono deceduti, secondo il National Cancer Institute.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La chemio è un trattamento diretto per molte forme di cancro. La sua efficacia dipende dal tipo di tumore, dalla sua avanzata e dalla salute generale del paziente.
La chemioterapia si rivolge a cellule in rapida crescita, comprese quelle che sono in buona salute. Danni a cellule sane possono portare però a effetti collaterali come perdita di capelli, vomito e infezioni.

Le cellule tumorali possono capire come resistere alla chemioterapia classica? Ci sono diversi motivi per cui questo può accadere. Le cellule che non vengono uccise possono mutare e cambiare in risposta, riparare il DNA danneggiato dal farmaco o sviluppare un meccanismo che lo rende inutile. Pertanto, il successo dei farmaci si basa spesso sul fallimento dei meccanismi di riparazione della cellula tumorale.
Le cellule tumorali possono produrre centinaia di copie di un particolare gene, noto come amplificazione del gene, innescando una sovrapproduzione di una proteina che interrompe l’efficacia del trattamento.
Le cellule tumorali sono talvolta in grado di spingere il farmaco fuori da sé, usando una molecola chiamata p-glicoproteina. Poichè la chemioterapia è la prima linea di trattamento, è una preoccupazione importante quando non funziona.

Il capo dell’esecutivo del Professor Workman, The Institute for Cancer Research, ha dichiarato: “La capacità del cancro di adattarsi, evolversi e diventare resistente ai farmaci è la causa della grande maggioranza delle morti causate dalla malattia e la più grande sfida che affrontiamo nel superarlo“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori hanno progettato un lipide che si lega ai farmaci ad entrambe le estremità della catena degli acidi grassi, per vedere se la chemio può essere somministrata con maggiore successo.
Il complesso farmaco grasso si nasconde all’interno della proteina albumina umana (HSA), che si trova nel sangue e trasporta molecole di grasso in tutto il corpo.

È come se l’acido grasso avesse una mano su entrambi i lati“, ha detto il professor Gianneschi. ‘Uno può afferrare il farmaco e uno può afferrare proteine.
I recettori delle cellule riconoscono l’HSA e ne permettono i grassi e le proteine ​​all’interno.

L’idea è di mascherare i medicinali come grassi in modo che entrino nelle cellule e il corpo sia felice di trasportarli in giro“, ha affermato il professor Gianneschi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I risultati – pubblicati sul Journal of the American Chemical Society – hanno mostrato che questo approccio consentiva una dose di paclitaxel 20 volte superiore a quella che viene tipicamente indicata. Nonostante questa dose più alta, il trattamento è stato 17 volte più sicuro di altri farmaci a base di paclitaxel, affermano i ricercatori.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I farmaci a piccole molecole comunemente utilizzati entrano nei tumori e in altre cellule“, ha affermato il professor Gianneschi.

Sono tossici per i tumori ma anche per gli umani. Quindi, in generale, questi farmaci hanno effetti collaterali orribili.Il nostro obiettivo è aumentare la quantità di tumore rispetto ad altre cellule e tessuti.Questo ci permette di dosare a quantità molto più elevate senza effetti collaterali, che uccide i tumori più velocemente.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).