La sonda Voyager 2 della NASA invia le sue prime scoperte dallo spazio interstellare a 42 anni di distanza dalla Terra, fornendo “preziosi indizi sulla struttura del Sistema Solare”

Astronomia Scienza

La sonda spaziale s’ Voyager 2 ha rimandato le sue prime scoperte dallo spazio interstellare, circa 42 anni dopo che è partito dalla Terra. Il suo viaggio lo portò oltre la bolla protettiva del Sole – soprannominata “eliosfera” – e nel vasto cosmo nel novembre dello scorso anno.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nonostante il lancio 16 giorni prima del suo veicolo spaziale gemello, Voyager 1, ci sono voluti sei anni in più per raggiungere il mezzo interstellare mentre seguiva una traiettoria più lenta.
I dati raccolti da entrambe le sonde forniscono agli scienziati “preziosi indizi” sulla struttura del sistema solare.

- Prosegue dopo la pubblicità -

CHE COS’È L’ELIOSFERA?
L’eliosfera è una regione di bolle simile allo spazio che circonda il sole.
All’interno di questa bolla, le particelle cariche (o plasma) che emanano dal sole e formano il vento solare sono dominanti. Fuori dall’eliosfera, tuttavia, il vento solare lascia il posto al plasma interstellare che permea la Via Lattea. I livelli di radiazione differiscono all’interno e all’esterno dell’eliosfera, ad esempio i raggi cosmici galattici sono meno abbondanti all’interno.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il confine ai margini dell’eliosfera – dove il vento solare e il plasma interstellare sono bilanciati – è chiamato eliopausa. Voyager 1 ha attraversato l’eliopausa il 25 agosto 2012; Voyager 2 si è unito il 5 novembre 2018.Nonostante raggiunga lo spazio interstellare, tuttavia, entrambe le imbarcazioni sono ancora tecnicamente nel Sistema Solare, con estensione al cloud Oort.

Questa è una sfera di trilioni di corpi ghiacciati che circondano il Sole che sono soggetti all’influenza gravitazionale della nostra stella. Ricercatori di varie istituzioni statunitensi hanno confermato che il viaggio di Voyager 2 lo aveva portato nello “spazio tra le stelle” notando un “salto definitivo” nella densità del plasma – particelle cariche e gas – che si trovava intorno alla sonda.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo cambiamento è stato rilevato dagli strumenti di Voyager 2 ed è la prova che la sonda si sta facendo strada “dal plasma caldo, a bassa densità caratteristica del vento solare al freddo, ad alta densità dello spazio interstellare“, hanno detto. L’aumento osservato è simile al salto di densità del plasma sperimentato da Voyager 1 quando in precedenza è passato nello spazio interstellare, i ricercatori hanno aggiunto.

Tra le tante cose, gli astronomi stanno cercando in particolare di comprendere meglio come i venti solari – il flusso di particelle cariche che fuoriescono dal Sole – interagiscono con i venti interstellari, che sono formati da particelle provenienti da altre stelle.

Stiamo cercando di capire la natura del confine in cui questi due venti si scontrano“, ha detto il fisico del California Institute of Technology Edward Stone. Gli astronomi ritengono che i viaggi delle sonde – con i loro diversi obiettivi e traiettorie di missione – stanno fornendo “preziosi indizi” sulla struttura dell’eliosfera, una vasta bolla creata dal Sole che abbraccia la maggior parte del Sistema Solare.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In precedenza gli scienziati erano a conoscenza dello strato interno, ma la presenza dello strato esterno è diventata evidente solo dopo che Voyager 2 era passato nello spazio interstellare. Le prove raccolte da entrambe le sonde mostrano che il mezzo interstellare – insieme all’eliopausa e ai campi magnetici interstellari – “formano un sistema dinamico interconnesso complesso“, hanno riferito i ricercatori.

I Voyager furono inizialmente inviati a studiare i pianeti esterni del Sistema Solare – Giove, Saturno, Urano e Nettuno – ma poi continuarono ad andare avanti. Anche se sono usciti dalla “bolla” del Sole, gli astronomi sostengono che i Voyager sono ancora entrambi all’interno del Sistema Solare. Questo perché il sistema si estende fino al bordo esterno della nuvola di Oort – un guscio di oggetti costituito da ghiaccio d’acqua, ammoniaca e metano – che circonda il Sole.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il dott. Stone ha affermato che le fonti di energia al plutonio degli artigiani alla fine smetteranno di fornire elettricità, a quel punto i loro strumenti e i loro trasmettitori moriranno. “Tra circa cinque anni potremmo non avere abbastanza strumenti scientifici per alimentarlo più“, ha aggiunto. Probabilmente entrambi i Voyager “sopravviveranno alla Terra”, ritiene il dott. Kurth.m”Sono nelle loro orbite attorno alla galassia per cinque miliardi di anni o più”, ha detto. “E la probabilità che si imbattano in qualcosa è quasi zero.”

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.