Press "Enter" to skip to content

Salento, l’alga che illumina di blu elettrico il mare di notte. Uno spettacolo senza precedenti:

Nel 2017 nel nostro paese e nello specifico in Puglia nel Salento ci sono stati degli avvistamenti di alcune alghe di color rosso, che hanno allarmato non poco i bagnanti e residenti della zona, ma durante la notte si trasformavano in uno spettacolo fantastico: l’acqua marina e gli scogli intorno compresa la sabbia si sono colorati di blu elettrico, uno spettacolo meraviglioso. Abbiamo ricordato questo evento condividendo gli scatti dal profilo facebook Quintino Mita, che ha colto questo momento indimenticabile.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La bioluminescenza è la luce prodotta da una reazione chimica all’interno di un organismo vivente. La bioluminescenza è un tipo di chemiluminescenza, che è semplicemente il termine per una reazione chimica in cui viene prodotta la luce. (La bioluminescenza è la chemiluminescenza che si svolge all’interno di un organismo vivente.)

- Prosegue dopo la pubblicità -

La bioluminescenza è una “luce fredda”, significa che meno del 20% della luce genera radiazione termica o calore.La maggior parte degli organi bioluminescenti si trova nell’oceano o comunque nel mare. Queste specie bioluminescenti marine contengono pesci, batteri e gelatine. Alcuni organi bioluminescenti, tra cui lucciole e funghi, si trovano sulla terra. Non ci sono agenti bioluminescenti originari di habitat di acqua dolce.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La reazione chimica che provoca la bioluminescenza richiede due sostanze chimiche uniche: la luciferina e la luciferasi o la fotoproteina. La luciferina è il composto che effettivamente produce luce. In una reazione chimica, la luciferina è chiamata substrato. Il colore bioluminescente (giallo nelle lucciole, verdastro nei pesci lanterna) è il risultato della disposizione delle molecole di luciferina.

Alcuni organismi bioluminescenti non sintetizzano la luciferina. Invece, lo assorbono attraverso altri organismi, sia come cibo o in una relazione simbiotica. Alcune specie di pesci di mezza nave, ad esempio, ottengono la luciferina attraverso i “gamberetti” che consumano. Molti animali marini, come i calamari, ospitano batteri bioluminescenti nei loro organi di luce. I batteri e i calamari hanno una relazione simbiotica.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La luciferasi è un enzima. Un enzima è un prodotto chimico (chiamato catalizzatore) che interagisce con un substrato per influenzare la velocità di una reazione chimica. L’interazione della luciferasi con la luciferina ossidata (aggiunta di ossigeno) crea un sottoprodotto, chiamato ossiluciferina. Ancora più importante, la reazione chimica crea luce.I dinoflagellati bioluminescenti producono luce usando una reazione luciferina-luciferasi. La luciferasi trovata nei dinoflagellati è correlata alla clorofilla chimica verde presente nelle piante.

Gli ecosistemi dinoflagellati bioluminescenti sono rari, per lo più si formano in lagune di acqua calda con aperture strette verso il mare aperto. I dinoflagellati bioluminescenti si riuniscono in queste lagune o baie e la stretta apertura impedisce loro di fuggire. L’intera laguna può essere illuminata di notte. I biologi hanno identificato un nuovo ecosistema dinoflagellate bioluminescente nella Riserva naturale di Humacao, Puerto Rico, nel 2010. La maggior parte delle reazioni bioluminescenti coinvolge la luciferina e la luciferasi. Alcune reazioni, tuttavia, non coinvolgono un enzima (luciferasi). Queste reazioni coinvolgono una sostanza chimica chiamata fotoproteina. Le fotoproteine ​​si combinano con luciferine e ossigeno, ma hanno bisogno di un altro agente, spesso uno ione dell’elemento calcio, per produrre luce.

Le fotoproteine ​​sono state identificate solo di recente e biologi e chimici stanno ancora studiando le loro insolite proprietà chimiche. Le fotoproteine ​​sono state studiate per la prima volta in gelatine di cristallo bioluminescente trovate al largo della costa occidentale del Nord America. La fotoproteina nelle gelatine di cristallo è chiamata “proteina fluorescente verde” o GFP. L’aspetto della luce bioluminescente varia notevolmente, a seconda dell’habitat e dell’organismo in cui si trova.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La maggior parte della bioluminescenza marina, ad esempio, è espressa nella parte blu-verde dello spettro di luce visibile. Questi colori sono più facilmente visibili nell’oceano profondo. Inoltre, la maggior parte degli organismi marini è sensibile solo ai colori blu-verde. Non sono fisicamente in grado di elaborare i colori giallo, rosso o viola. La maggior parte degli organismi terrestri presenta anche bioluminescenza blu-verde. Tuttavia, molti brillano nello spettro giallo, tra cui le lucciole e l’unica lumaca di terra conosciuta per la bioluminosità, la Quantula striata, originaria dei tropici del sud-est asiatico. Pochi organismi possono brillare in più di un colore. Il cosiddetto verme della ferrovia (in realtà la larva di uno scarabeo) può essere il più familiare. La testa del verme della ferrovia si illumina di rosso, mentre il suo corpo si illumina di verde. Luciferasi diverse causano l’espressione diversa della bioluminescenza.

Alcuni organismi emettono luce continuamente. Alcune specie di funghi presenti nel legno in decomposizione, ad esempio, emettono un bagliore abbastanza consistente, chiamato fuoco di volpe. La maggior parte degli organismi, tuttavia, usa i propri organi luminosi per lampeggiare per periodi da meno di un secondo a circa 10 secondi. Questi lampi possono verificarsi in punti specifici, come i punti su un calamaro. Altri lampi possono illuminare l’intero corpo dell’organismo. Insomma questo fenomeno è davvero spettacolare e vale la pena ricordarlo nel periodo in cui si è verificato in Italia. Ecco gli splendidi scatti delle coste del Salento:

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -
error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.