Press "Enter" to skip to content

Sotto la pressione del bracconaggio, gli elefanti si stanno evolvendo molti più esemplari nati senza zanne:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli elefanti più anziani che vagano nel Gorongosa National Park del Mozambico portano i segni indelebili della guerra civile che ha attanagliato il paese per 15 anni: molti sono senza zanne. Sono i soli sopravvissuti di un conflitto che ha ucciso circa il 90 percento di questi animali assediati, macellati per l’avorio per finanziare armi e per la carne per nutrire i combattenti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La caccia ha dato agli elefanti che non avevano le zanne un vantaggio biologico a Gorongosa. Dati recenti suggeriscono che circa un terzo delle femmine più giovani – la generazione nata dopo la fine della guerra nel 1992 – non ha mai sviluppato zanne. Normalmente, l’assenza di zanne si verifica solo nel 2-4 percento delle femmine di elefante africano .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Decenni fa, circa 4.000 elefanti vivevano a Gorongosa, afferma Joyce Poole, esperta di comportamento degli elefanti e National Geographic Explorer che studia i pachidermi del parco. Ma quei numeri si ridussero a triple cifre dopo la guerra civile. Una nuova ricerca, non ancora pubblicata, indica che delle 200 femmine adulte conosciute, il 51 percento di quelle sopravvissute alla guerra – animali di 25 anni o più – sono senza zanne. E il 32 percento delle elefanti nate dopo la guerra sono senza zanne.

Le zanne di un elefante maschio sono più grandi e più pesanti di quelle di una femmina della stessa età, afferma Poole, che ricopre il ruolo di direttore scientifico di una non profit chiamata ElephantVoices. “Ma una volta che c’è stata una forte pressione di bracconaggio su una popolazione, i bracconieri iniziano a concentrarsi anche sulle femmine più anziane“, spiega. “Nel corso del tempo, con la popolazione più anziana, inizi a ottenere questa proporzione molto più alta di femmine senza zanne.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questa tendenza senza zanne non si limita nemmeno al Mozambico. Anche altri paesi con una storia di bracconaggio avorio di notevole entità vedono cambiamenti simili tra le donne sopravvissute e le loro figlie. In Sudafrica, l’effetto è stato particolarmente estremo: secondo quanto riferito, il 98 percento delle 174 femmine del Parco nazionale degli Addo Elephant erano senza zanne nei primi anni 2000.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.