Press "Enter" to skip to content

“L’ottava meraviglia del mondo” distrutta da un’eruzione vulcanica nel 1886, le foto d’epoca ritrovate

Negli ultimi decenni, si è molto discusso su una possibile nomina di un’ipotetica “ottava meraviglia del mondo”. Ebbene, forse non tutti sanno che, in realtà, prima che in film fantasiosi o in facili post su Facebook, questa definizione fu introdotta per descrivere una meraviglia reale e di origine naturale, purtroppo andata disttutta:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Parliamo della terrazza rosa , o Te Otukapuarangi (“La fontana del cielo nebuloso”) nota in Nuova Zelanda dai Maori anche con il nome di terrazza bianca e Te Tarata (“la roccia tatuata”), meraviglie naturali della Nuova Zelanda. [1] Secondo quanto riferito, erano i più grandi depositi di sinterizzazione di silice sulla terra. [2] Fino a poco tempo fa, furono persi e pensati distrutti nell’eruzione del Monte Tarawera del 1886.  Le terrazze rosa e bianche erano formate da sorgenti geotermiche che contenevano un cocktail di acqua clorata a pH neutro, quasi neutra e silicea. [3] [2] Queste due sorgenti di fama mondiale facevano parte di un gruppo di sorgenti termali e geyser, principalmente lungo una cresta orientale denominata Pinnacle Ridge (o Steaming Ranges di Mundy). [4] Le principali attrazioni turistiche includevano Ngahapu, Ruakiwi, Te Tekapo, Waikanapanapa, Whatapoho, Ngawana, Koingo e Whakaehu.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le sorgenti della Pink and the White Terrace erano distanti circa 1.200 metri (3.900 piedi). [4] La terrazza bianca si trovava all’estremità nord-orientale del lago Rotomahana e si affacciava da ovest a nord ovest all’ingresso del Canale di Kaiwaka. Te Tarata scese sul bordo del lago circa 25 metri (82 piedi) di seguito. [2] La terrazza rosa si estendeva per quattro quinti lungo il lago sulla sponda occidentale, rivolta da est a sud-est. L’aspetto rosa sopra i bacini medi e superiori (vicino al colore di una trota iridea ) era dovuto all’antimonio e ai solfuri di arsenico, sebbene il Pink Terrace contenesse anche oro in concentrazioni di minerali. [5] Si pensa che le Terrazze rosa e bianche avessero circa 1.000 anni. Il sistema idrotermico che le alimentava avrebbe un’origine di circa 7000 anni. [4] Le precipitazioni di silice hanno formato nel tempo molte pozze e gradini. Le precipitazioni si sono verificate con due metodi. La fondazione ascendente nel tempo ha formato un labbro che intrappolava il flusso discendente e tornava di livello. Questo processo ha formato luoghi di nuoto attraenti, sia per la forma che per l’acqua calda. Quando gli strati termici si inclinano nella direzione opposta al geyser, sulla superficie si formano dei gradini di silice. Entrambi i tipi di formazione sono cresciuti quando l’acqua carica di silice è precipitata su di loro e l’acqua ha anche migliorato lo spettacolo. Il Geologo Ferdinand von Hochstetterscrisse dopo la sua visita nel 1859 constatò che “senza dubbio furono necessari migliaia di anni” per la loro formazione. [3] La White Terrace era la formazione più grande, coprendo circa 8 ettari (20 acri) e scendendo su circa 50 strati con un dislivello di circa 25 metri (82 piedi) e oltre circa 240 metri (790 piedi). La terrazza rosa è scesa di circa 22 metri (72 piedi) per circa 100 metri (330 piedi). La terrazza rosa iniziò nella parte superiore di 75-100 metri (246-328 piedi) di larghezza e gli strati inferiori erano di circa 27 metri (89 piedi) di larghezza. I turisti hanno preferito fare il bagno nelle piscine della Pink Terrace superiore per la loro chiarezza e la gamma di temperature e profondità. [6]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Uno dei primi europei a visitare Rotomahana fu Ernst Dieffenbach . Ha visitato brevemente il lago e le terrazze durante un sondaggio per la New Zealand Company [7] all’inizio di giugno 1841. La descrizione della sua visita nel suo libro Travels in New Zealand [8] ha ispirato l’interesse per le terrazze rosa e bianche mondo esterno. Le terrazze sono diventate l’attrazione turistica più famosa della Nuova Zelanda, a volte indicata come l’ ottava meraviglia del mondo . La Nuova Zelanda era ancora relativamente inaccessibile agli europei e il passaggio impiegò diversi mesi in nave. Il viaggio da Auckland era in genere in piroscafo a Tauranga , la pista di freno a Ohinemutu sul Lago Rotorua , in pullman per Te Wairoa (la casa del missionario Reverendo Seymour Mills Spencer ), [9] in canoa attraverso il Lago Tarawera , e poi su a piedi o in canoa su e / o giù per il Canale di Kaiwaka; sopra la collina fino alle rive paludose del lago Rotomahana e le terrazze. [1]

Coloro che hanno fatto il viaggio verso le terrazze erano più spesso benestanti, giovani turisti stranieri maschi o ufficiali delle forze britanniche in Nuova Zelanda. [10] L’elenco di importanti turisti includeva Sir George Gray nel 1849, Alfred Duke of Edinburgh nel 1869 e il romanziere vittoriano Anthony Trollope nel 1874. [11] L’aspetto delle terrazze è stato registrato per i posteri da un certo numero di fotografi, ma com’era prima che fosse inventata la fotografia a colori, le loro immagini mancavano del colore allettante per cui le formazioni erano note. Diversi artisti disegnarono e dipinsero le terrazze prima della loro perdita nel 1886, in particolare Charles Blomfield che visitò in più di un’occasione. Le loro vedute d’atmosfera sono il record principale dell’ottava meraviglia del mondo. La chimica dei colori della Pink Terrace può essere vista oggi a Waiotapu , dove la Champagne Pool è fiancheggiata da questi stessi solfuri colloidali . [5] Sophia Hinerangi , a volte conosciuta come Te Paea, prese il posto della guida principale della vecchia Kate Middlemass nei primi anni del 1880. È diventata riconosciuta come la principale guida turistica delle Terrazze Rosa e Bianche. Hinerangi ha osservato i disturbi ai livelli dell’acqua del lago Tarawera nei giorni precedenti l’eruzione. [12] Nel 1885, Alfred Warbrick iniziò a studiare il sito, anche se non era di Te Tuhourangi . [13]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Alcune persone hanno mappato e commentato la regione prima della perdita delle terrazze. Non sono note mappe Maori. La prima mappa coloniale di schizzo del lago fu di Percy Smith nel 1858. [14] Ferdinand Hochstetter eseguì il primo rilievo topografico e geologico dell’area del Lago Rotomahana nel 1859, producendo quattro mappe del lago mentre era accampato sulla sua riva; culmina nella sua definizione del “Metodo dei quadrati” (o griglia) mappa del lago del 30/4/1859. [15] [16]  Una ricostruzione:

La sua ricerca sul lago è stata successivamente pubblicata nel suo studio Geografico e geologico in cui è stata anche esaminata la formazione delle terrazze. [6]Una mappa commissionata da August Petermann è stata inclusa in quell’opera e questa è stata considerata valida fino al 2011 quando Sascha Nolden ha scoperto le mappe originali di Hochstetter in Svizzera e le ha rimpatriate in Nuova Zelanda in forma digitale. [17] Nel 2017 le mappe Hochstetter e Petermann sono state confrontate e la mappa di Petermann è stata trovata difettosa. [18] La mappa del 30/4/1859 di Hochstetter è ora considerata la mappa più accurata del Lago Rotomahana. [19] Nel 1873, Percy Smith scalò il monte. Tarawera ha dato l’impressione che la cima della montagna fosse ruvida ma non mostrasse alcun segno di sfoghi vulcanici. Nel marzo del 1881, G. Seelhorst scalò la cupola di Wahanga e l’estremità settentrionale della cupola di Ruawahia in cerca di una presunta “stella cadente” a seguito di notizie di incandescenza e fumo da un’area dietro Wahanga. citazione necessaria ] Nel 1884, un geometra di nome Charles Clayton descrisse la cima della cupola di Wahanga come vulcanica con diverse depressioni, una delle quali era di circa 61 metri (200 piedi). Il 10 giugno 1886 scoppiò il monte Tarawera. L’eruzione si diffuse da ovest della cupola di Wahanga, 5 chilometri (3,1 miglia) a nord, fino al lago Rotomahana. [20] Il vulcano eruttò fango caldo, massi roventi e immense nuvole di cenere nera da una spaccatura di 17 chilometri (11 miglia) che attraversò la montagna, attraversò il lago e si estese oltre nella valle di Waimangu . Dopo l’eruzione, un cratere di oltre 100 metri (330 piedi) di profondità comprendeva l’ex sito delle terrazze. [20] Dopo alcuni anni questo si riempì di acqua per formare un nuovo lago Rotomahana, 30–40 metri (98-131 piedi) più in alto, dieci volte più grande e più profondo del vecchio lago. [21] [22] Alfred Patchet Warbrick , costruttore di barche a Te Wairoa, fu testimone dell’eruzione del monte Tarawera da Maunga Makatiti a nord del lago Tarawera. Presto Warbrick fece fare delle balene sul lago Tarawera per indagare sul nuovo paesaggio; col tempo divenne la guida principale delle attrazioni post-eruzione. Warbrick non ha mai accettato che le terrazze rosa e bianche fossero state distrutte. [23]

Una gita sull’ottava meraviglia del mondo

Si pensava che le terrazze fossero state distrutte nell’eruzione del 1886. Tuttavia, nel febbraio 2011, un gruppo di ricercatori della GNS Science , Woods Hole Oceanographic Institution , Lamont-Doherty Earth Observatory e Waikato University stavano mappando il fondale del lago quando riferirono di aver scoperto parte delle Terrazze Rosa. I due livelli più bassi delle terrazze sono stati trovati trovati a 60 metri (200 piedi) di profondità. [24] [25] Una parte delle terrazze bianche è stata riportata come riscoperta nel giugno 2011. [26] [27] L’annuncio della riscoperta delle terrazze bianche è coinciso con il 125 ° anniversario dell’eruzione del Monte. Tarawera nel 1886. Le affermazioni di riscoperta del GNS del 2011 sono state contestate da Bill Keir , il quale ha calcolato che le strutture “riscoperte” non erano dove erano state le terrazze prima dell’eruzione. In particolare, le strutture allora scoperte di recente erano 50-60 metri (160-200 piedi) sotto la superficie del lago, ma si prevedeva che le terrazze storiche fossero a meno di 10 metri (33 piedi) e “non potevano essere più di 40 metri (130 piedi) sotto la superficie “. Keir ipotizzò che le strutture scoperte dal team GNS fossero terrazze preistoriche, mai viste prima dagli umani; o forse oggetti a forma di gradino creati dall’eruzione. [28] [29] Il team GNS è tornato nel 2012, e ancora nel febbraio 2014, per fotografare i resti. Quando il loro lavoro è stato pubblicato nel 2016 sul Journal of Volcanology and Geothermal Research , si sono ritirati da precedenti affermazioni e hanno riferito che le terrazze erano probabilmente distrutte. [30] [2] Nel 2017 un articolo di Bill Keir sul Journal of Royal Society of New Zealand affermava che le terrazze non avrebbero potuto sopravvivere intatte. [31]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel 2010, Sascha Nolden ha scoperto l’archivio di Hochstetter a Basilea, in Svizzera, e ha iniziato a catalogarlo e pubblicarlo progressivamente. [32] [33] [34] L’archivio include i diari di campo di Hochstetter che contengono i dati grezzi del suo studio sulla bussola del Lago Rotomahana e delle Terrazze rosa e bianche. Questi diari includono cuscinetti che, quando retroingegnerizzati, fornivano le coordinate geografiche delle posizioni Pink e White Terrace. [34] [35] I diari di Hochstetter sono stati pubblicati in due articoli di ricerca di Bunn e Nolden. [35] [36]Questa ricerca ha portato Bunn e Nolden a riferire che, contrariamente alla credenza prevalente, le Terrazze Rosa e Bianche non erano sommerse sotto il Lago Rotomahana: sono invece sepolte da 10 a 15 metri di profondità lungo il litorale, sulla base di coordinate in un articolo pubblicato sul Journal of the Royal Society of New Zealand , e potrebbe essere potenzialmente scavato e riportato al pubblico. [36] [37] Qualunque scavo di questo tipo, tuttavia, avrebbe bisogno del permesso della tribù Maori che possiede la terra. [38] Bunn ha pubblicato una sintesi e una galleria di immagini di supporto delle nuove scoperte del 2018. [39] In seguito, ha spiegato il rilascio delle nuove scoperte. [40] [41] A marzo 2018 , il presidente dell’Autorità tribale di Tuhourangi Alan Skipworth non era ancora convinto delle affermazioni di Bunn e Nolden, definendo i resoconti della stampa che le Terrazze rosa e bianche erano state riscoperte “premature”. [41] [42] Un articolo scritto da Bunn, Davies e Stewart, pubblicato nel 2018, utilizza un nuovo approccio “campo visivo” per navigare verso le posizioni della terrazza rosa e bianca. Questo si basa sulla fotografia inedita della spedizione del 1859 di Hochstetter e sui suoi dati di diario. [43] Nel 2018 è stato pubblicato un articolo di revisione di de Ronde, Caratori Tontini e Keam sulla posizione delle terrazze rosa e bianche. L’articolo ha concluso “… varie linee di prove geologiche e geofisiche non supportano la posizione delle terrazze rosa e bianche in quanto suggerito da Bunn & Nolden (2016) . ” e “… possibili livelli di Pink Terrace segnalati per la prima volta da de Ronde, Fornari et al. (2016) si trovano esattamente dove crediamo che dovrebbero trovarsi dopo aver inserito la mappa di contorno pre-eruzione di Keam (2016) del Lago Rotomahana sul nostro batimetrico ad alta risoluzione carta geografica.” L’articolo afferma inoltre che l’analisi dei dati conferma che le terrazze bianche sarebbero state distrutte. [44]  Ma oltre alle suggestive ricostruzioni artistiche, ci sono anche foto d’erpoca dell’ottava meraviglia del mondo andata distrutta? La risposta è si, eccone alcune:

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’eruzione:

Nuove ricerche dimostrano comunque l’esistenza di caratteristiche idrotermali formatesi a sud-ovest, vale a dire la Waimangu Volcanic Rift Valley:

Un breve reportage:

Fonti:

http://juliansrockandiceblog.blogspot.com/2011/06/white-terraces-reappear-after-125-years.html

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

  1.  “Terrazze rosa e bianche”Museo RotoruaArchiviatodall’originale il 13 gennaio 2015. Estratto il 30 luglio 2012.
  2. Vai a:d de Ronde, CEJ; Fornari, DJ; Ferrini, VL; Walker, SL; Davy, BW; LeBlanc, C .; Caratori Tontini, F .; Kukulya, AL; Littlefield, RH (15 marzo 2016). “Le terrazze bianche e rosa del lago Rotomahana: quale fu il loro destino dopo l’eruzione di Tarawera Rift del 1886?”. Journal of Volcanology and Geothermal Research. Il sistema geotermico del lago Rotomahana e gli effetti del 1886 Mt. Eruzione di Tarawera. 314: 126–141. Bibcode:2016JVGR..314..126Ddoi:10.1016 / j.jvolgeores.2016.02.003.
  3. Vai a:b Ferdinand von Hochstetter(1867). Nuova Zelanda: geografia fisica, geologia e storia naturale . Stoccarda: JG Cotta.
  4. Vai a:c Keam, Ronald F. (15 marzo 2016). “L’eruzione di Tarawera, il lago Rotomahana e l’origine delle terrazze rosa e bianche”. Journal of Volcanology and Geothermal Research. Il sistema geotermico del lago Rotomahana e gli effetti del 1886 Mt. Eruzione di Tarawera. 314: 10–38. Bibcode:2016JVGR..314 … 10Kdoi:10.1016 / j.jvolgeores.2015.11.009.
  5. Vai a:b Hutching, Hamish Campbell & Gerard (2011). Alla ricerca dell’antica Nuova Zelanda. North Shore, Nuova Zelanda: Penguin. ISBN 978-0143206170.
  6. Vai a:b Ferdinand von Hochstetter; August Heinrich Petermann (1864). La geologia della Nuova Zelanda: nella spiegazione dell’Atlante geografico e topografico della Nuova Zelanda, dalle pubblicazioni scientifiche della spedizione di Novara . Auckland: T. Delattre. p. 69.
  7. ^ Denis McLean (luglio 2015) [Pubblicato per la prima volta nel 1990]. ”  Dieffenbach, Johann Karl Ernst’, Dizionario della Nuova Zelanda Biografia” . Te Ara – l’Enciclopedia della Nuova Zelanda . Estratto il 13 agosto 2018 .
  8. ^ Dieffenbach, Ernest (1843). “Parte II. – Isola del Nord – Distretti del Nord – Capitolo XXV”Viaggi in Nuova Zelanda [Vol. I] . John Murray. pagg. 382–383.
  9. ^ Philip, Andrews (1995). Rotorua Tarawera e The Terraces (2a edizione). Rotorua: Bibliophil e The Buried Village. ISBN 0-473-03177-9OCLC  847993967 .
  10. ^ Lydia Wevers (2002). Paese di scrittura: viaggi di scrittura e Nuova Zelanda, 1809-1900 . Auckland University Press. ISBN 978-1-86940-271-6.
  11. ^ Bag, Terry (17 agosto 2007). “Strange Days on Lake Rotomahana: The End of the Pink and White Terraces” . Fungo bianco (7). Archiviato dall’originale il 13 giugno 2011 . Estratto il 5 aprile 2017 .
  12. ^ Jenifer Curnow (luglio 2015) [Pubblicato per la prima volta nel 1993]. ”  Hinerangi, Sophia’, Dizionario della Nuova Zelanda Biografia” . Te Ara – l’Enciclopedia della Nuova Zelanda . Estratto il 13 agosto 2018 .
  13. ^ Warbrick, A. (1934). Avventure in Geyserland: vita nelle regioni termali della Nuova Zelanda, tra cui la storia dell’eruzione di Tarawera e la distruzione delle famose terrazze di Rotomahana . Prefazione di James Cowan. Dunedin, Nuova Zelanda: Reed. OCLC  16004580 .
  14. ^ Smith, SP (1858) `Diario del viaggio verso Taupo Rotorua Rangitikei da Taranaki, 1858 ‘MS-2015-102, Biblioteca Nazionale, Wellington, Mappa.
  15. ^ Johnston, M. e Nolden, S. (2011) Viaggi di Hochstetter e Haast in Nuova Zelanda 1858–1860 , Nikau Press, Nelson, 336pp.
  16. ^ Hochstetter, F. (2013) mappa di indagine manoscritta del Lago Rotomahana. Da Sascha Nolden e Sandy B. Nolden, Hochstetter Collection Basel: Parte 3 – Mappe e schizzi della Nuova Zelanda, Mente Corde Manu, Auckland.
  17. ^ Nolden, S. e Nolden, S. (2013) Hochstetter Collection Basel , 3.5.10), 78.
  18. ^ Bunn, AR (2019) “Hochstetter’s Survey of the Pink and White Terraces: The Final Iteration” Surveying + Spatial, 99, 30-35.
  19. ^ Commento di Bunn R (2020): Individuazione dei siti di terrazze di sinterizzazione di relitti sul Lago Rotomahana, in Nuova Zelanda, con la cartografia legacy di Ferdinand von Hochstetter, mappe storiche e LIDAR. Davanti. Scienze della terra. 8:68. doi: 10.3389 / feart.2020.00068
  20. Vai a:b McSaveney, E .; Stewart, C .; Leonard, G. (12 giugno 2006). “Attività vulcanica storica: Tarawera”Te Ara – L’Enciclopedia della Nuova Zelanda. Ministero della cultura e del patrimonio di Manatū Taonga. Estratto il 18 febbraio 2015.
  21. “Eruzione del monte Tarawera” . Biblioteche della città di Christchurch . Archiviatodall’originale il 19 febbraio 2015 . Estratto il 17 febbraio 2015 .
  22. “La ricerca delle terrazze rosa e bianche” . The New Zealand Herald . Archiviato dall’originale il 26 ottobre 2012 . Estratto il 3 novembre 2011 .
  23. ^ Keam, RF (1993). “Warbrick, Alfred Patchett” . Te Ara – l’Enciclopedia della Nuova Zelanda . Ministero della cultura e del patrimonio di Manatū Taonga . Estratto il 3 agosto2012 .
  24. ^ Donnell, Hayden (2 febbraio 2011). “Resti di terrazze rosa scoperti” . The New Zealand Herald . Archiviato dall’originale il 4 marzo 2016 . Estratto il 3 novembre 2011 .
  25. “Gli scienziati trovano parte delle terrazze rosa e bianche sotto il lago Rotomahana” . GNS Science . 2 febbraio 2011. Archiviato dall’originale il 5 febbraio 2011.
  26. “Scoperta della terrazza ancora più sorprendente” . Una notizia . 10 giugno 2011. Archiviato dall’originale l’11 giugno 2011 . Estratto il 3 novembre 2011 – tramite TVNZ .
  27. ^ Vincitore Cherie (9 maggio 2012). “Alla ricerca delle terrazze rosa e bianche” . Rivista Oceanus . Vol. 49 n. 2. Istituzione oceanografica di Woods Hole. ISSN  1559-1263 . Archiviato dall’originale il 22 agosto 2014 . Estratto il 13 giugno 2017 .
  28. ^ de Ronde, Cornel EJ (22 settembre 2012). “Errore riscontrato nello scetticismo delle terrazze” . Opinione. Rotorua Daily Post . Estratto il 12 agosto 2018 – via nzherald.co.nz. Pubblicato presto il 22 settembre, 6:57.
    Keir, Bill (22 settembre 2012). “Bill Keir: l’immaginazione necessaria per vedere le terrazze” . Opinione. Rotorua Daily Post . Estratto il 12 agosto 2018 – via nzherald.co.nz. Pubblicato più tardi il 22 settembre, alle 16:07.
  29. ^ Keir, Bill (2014). “Le terrazze rosa e bianche: ancora perdute?”. Scettico della Nuova Zelanda . 110 : 7–12.
  30. ^ Wylie, Robin (28 aprile 2016). “Una meraviglia naturale persa per un vulcano è stata riscoperta” . BBC . Archiviato dall’originale il 28 aprile 2016 . Estratto il 30 aprile 2016 .
  31. ^ Keir, Bill (2017) [Pubblicato online: 3 dic 2017]. “La posizione delle terrazze rosa e bianche del lago Rotomahana, Nuova Zelanda”. Diario della Royal Society of New Zealand . 49 : 16–35. doi : 10.1080 / 03036758.2017.1404479 .
  32. ^ Nolden, Sascha; Nolden Sandy B. (2011). Collezione Hochstetter Basel . Parte 1, NZ Dipinti e Disegni. Mente Corde Manu.
  33. ^ Nolden, Sascha; Nolden Sandy B. (2012). Collezione Hochstetter Basel . Parte 2, Fotografie e stampe della Nuova Zelanda. Mente Corde Manu.
  34. Vai a:b Nolden, Sascha; Nolden Sandy B. (2013). Collezione Hochstetter Basel. Parte 3, Mappe e schizzi NZ. Mente Corde Manu.
  35. Vai a:b Bunn, Rex; Nolden, Sascha (dicembre 2016). “Te Tarata e Te Otukapuarangi: Reverse engineering del Lago Rotomahana Survey di Hochstetter per mappare le posizioni della terrazza rosa e bianca”. Journal of New Zealand Studies23: 37–53. doi: 10.26686 / jnzs.v0i23.3988 . ISSN 2324-3740.
  36. Vai a:b Bunn, Rex; Nolden, Sascha (2018) [Pubblicato online: 7 giu 2017]. “Cartografia forense con l’indagine di Hochstetter sulle terrazze rosa e bianche del 1859: Te Otukapuarangi e Te Tarata”. Diario della Royal Society of New Zealand48(1): 39–56. doi:10.1080 / 03036758.2017.1329748ISSN 0303-6758.
  37. “Terrazze rosa e bianche – non seppellite più?” Newshub . 10 giugno 2017. Archiviato dall’originale il 10 giugno 2017 . Estratto l’ 11 giugno 2017 .
  38. ^ Kelsey Kennedy (6 settembre 2017). “La ricerca per riscoprire le perdute terrazze rosa e bianche della Nuova Zelanda” . Atlas Obscura . Archiviato dall’originale il 6 settembre 2017 . Estratto il 30 marzo 2018 .
  39. “Posizione scoperta  Terrazze rosa e bianche “ . Radio Nuova Zelanda . 20 marzo 2018. Archiviato dall’originale il 30 marzo 2018 . Estratto il 4 maggio 2018 .
  40. ^ Benn Bathgate (28 marzo 2018). “La consultazione Iwi afferma che” risibile “afferma il ricercatore di Terrazze rosa e bianche” . Roba . Archiviato dall’originale il 4 maggio 2018 . Estratto il 4 maggio 2018 .
  41. Vai a:b “Iwi parla dell’annuncio” prematuro “delle Terrazze rosa e bianche”NZ Herald. 29 marzo 2018.ISSN 1170-0777Archiviatodall’originale il 29 marzo 2018. Estratto il4 maggio 2018.
  42. “L’annuncio della scoperta di Terrazze rosa e bianche premature, dice iwi” . Roba . 28 marzo 2018. Archiviato dall’originale il 7 luglio 2018 . Estratto il 30 marzo 2018 .
  43. “Articolo – Sondaggio perduto del dott. Hochstetter” . NZIS . New Zealand Institute of Surveyors. 27 giugno 2018. Archiviato dall’originale il 29 giugno 2018 . Estratto il 29 giugno 2018 .
    Bunn, Rex; Davies, Nick; Stewart, David (giugno 2018). “L’indagine persa del dott. Hochstetter – Le terrazze rosa e bianche sul lago Rotomahana” . Rilievo + spaziale (94): 5–13. Archiviato dall’originale il 12 agosto 2018 . Estratto il 12 agosto 2018 .
  44. ^ de Ronde, Cornel EJ; Caratori Tontini, Fabio; Keam, Ronald F. (2018) [Pubblicato online: 31 lug 2018]. “Dove sono le terrazze rosa e bianche del lago Rotomahana?”. Diario della Royal Society of New Zealand . 49 : 36–59. doi : 10.1080 / 03036758.2018.1474479 .

Link esterni

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.