Press "Enter" to skip to content

Strane nuove specie scoperte nell’abisso nella parte inferiore dell’Oceano Pacifico

Gli scienziati hanno scoperto quattro nuove specie e due nuovi generi che abitano il profondo paesaggio abissale che costeggia il fondo dell’Oceano Pacifico. La Clarion-Clipperton Zone (CCZ), una vasta zona di frattura incassata che copre circa 4,5 milioni di chilometri quadrati (1,7 milioni di miglia quadrate) del Pacifico centrale, è considerata una sorta di premio nel settore minerario per la sua abbondanza di metalli preziosi e minerali delle terre rare depositati in noduli polimetallici lungo il fondo del mare.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Eppure i minerali antichi non sono le uniche cose di meraviglia quaggiù. In un nuovo studio, i ricercatori riportano l’identificazione di un numero di creature di acque profonde sconosciute alla scienza prima d’ora, che vivono a profondità superiori a 5 chilometri (3,1 miglia) sotto la superficie dell’oceano. Gli esemplari in questione sono noti come xenofitiofi , un clade di protozoi giganti monocellulari appartenenti alla classe dei foraminiferi 

- Prosegue dopo la pubblicità -

I xenofiofori sono uno dei tipi più comuni di grandi forme di vita che si trovano lungo le pianure abissali della CCZ e mentre sono stati descritti dalla fine del 19 ° secolo, non c’è molto che sappiamo di loro, in gran parte a causa delle profondità estreme in che risiedono.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Queste quattro nuove specie e due nuovi generi hanno aumentato il numero di xenofiofori descritti nell’abisso CCZ a 17 (il 22% del totale globale per questo gruppo), con molti più noti ma ancora non descritti“, afferma l’ecologo marino Andrew Gooday dal National Oceanography Centre nel Regno Unito.Questa parte dell’Oceano Pacifico è chiaramente un punto focale della diversità degli xenofiti.”

Tra le nuove scoperte c’è il nuovo genere Abyssalia , che prende il nome dall’abisso in cui si annida. In una spedizione del 2018 a bordo del camper Kilo Moana nel 2018 nella CCZ occidentale, i ricercatori hanno trovato due specie di Abissalia : A. foliformis e A. sphaerica . Questi xenofiofori hanno gusci chiamati test, costituiti da minuscole particelle incollate insieme.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel caso di Abyssalia , i gusci sono realizzati con una maglia omogenea di spugne di spugna, senza uno strato superficiale distinto. A. sphaerica assume una forma sferica – simile a un dente di leone un po ‘opaco – mentre A. foliformis incarna una forma più piatta, simile a una foglia. L’altro nuovo genere identificato, Moanammina , prese il nome da Moana , che significa “oceano” in hawaiano, maori e altre lingue polinesiane.

La Moanammina semicircularis ha un test a forma di ventaglio a forma di ventaglio, mentre un’altra nuova specie, la Psammina tenuis , appartenente al genere Psammina , ha un test delicato, sottile, simile a una piastra. I ricercatori hanno anche scoperto che ciò che suggeriscono potrebbe essere un nuovo xenofioforo a forma sferica di “palla di fango”, ma sfortunatamente la sua composizione simile a una palla di fango si è disintegrata prima che un esame dettagliato potesse confermare la sua identità.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come vanno le immagini, non è una cattiva metafora del delicato e poco compreso ecosistema in cui questi xenofiti si trovano nei recessi profondi della CCZ. “Li vediamo ovunque sul fondo del mare in molte forme e dimensioni diverse. Sono chiaramente membri molto importanti delle ricche comunità biologiche che vivono nella CCZ“, afferma l’oceanografo Craig Smith dell’Università di Hawai’i Mānoa, il principale scienziato del Crociera RV Kilo Moana .

Tra le altre cose forniscono microhabitat e potenziali fonti alimentari per altri organismi. Dobbiamo imparare molto di più sull’ecologia [di] questi strani protozoi se vogliamo comprendere appieno come l’estrazione del fondo marino potrebbe avere un impatto su queste comunità di fondali marini.” I risultati sono riportati nell’European Journal of Protistology .

Fonte: sciencealert.com

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.