Press "Enter" to skip to content

Mangiare molto sale è risaputo, non è una buona abitudine. Ma quale sale è migliore degli altri? Scopriamolo insieme.

Sai già che mangiare con molto sale non è una buona abitudine di alimentare. Questo perché 2.500 mg contengono 1.000 mg di sodio e esiste una relazione diretta tra il suo consumo e lo sviluppo dell’ipertensione. Questa malattia si verifica quando un adulto di età superiore ai 18 anni raggiunge una pressione sanguigna di 140/90 mmHg o più, sostenuta nel tempo. È causa di problemi cardiaci e ictus e ne soffre un terzo degli abitanti del mondo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il sale comunque è un componente elementare del fluido linfatico, del liquido extracellulare, del liquido amniotico e del plasma sanguigno. Colpisce la regolazione della pressione sanguigna, i livelli di zucchero nel sangue, fa parte dei cristalli minerali delle ossa ed è necessario affinché il tratto intestinale assorba bene i nutrienti. Ma quale sale è salutare e quale no? Scopriamo le differenze:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il sale dell’ Himalaya o sale marino non raffinato contiene l’ 84% di cloruro di sodio e il 16% di minerali naturali come magnesio, iodio, potassio e fosforo. Essendo nella giusta proporzione, questi minerali promuovono l’equilibrio naturale del corpo. Al contrario, il sale da cucina comune raffinato ha il 97% di cloruro di sodio, con la percentuale rimanente aggiunta di sostanze chimiche. Il processo di raffinazione è quello che rimuove il resto dei minerali, rendendolo contenere molto più sodio rispetto al sale naturale. Questo è il motivo per cui aumenta il rischio di contrarre malattie cardiache o altri problemi, come la ritenzione di liquidi, per citare alcuni esempi. Inoltre, l’idrossido di alluminio viene solitamente aggiunto all’interno degli aggregati chimici, il che aiuta a prevenire l’adesione del sale, ma è piuttosto tossico e potrebbe influenzare il sistema nervoso.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per quanto riguarda il sale iodato , ci sono specialisti che lo raccomandano, ma altri no, poiché è esso stesso un sale raffinato a cui viene aggiunto lo iodio, che avrebbe naturalmente ma che andrebbe perso durante la lavorazione. Qui condividiamo una tabella esplicativa come sintesi:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Vos que tipo de sal consumis? Te leemos…. Nosotros sal marina y sal rosada del himalaya…. #salmarina #saldelhimalaya #tiendanatural #dietetica #saludable

Un post condiviso da almazenlarralde2293 (@almazenlarralde) in data:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Infine, ricorda che oltre al sale che aggiungi ai piatti e alle preparazioni, il sale viene ingerito attraverso altri alimenti confezionati che acquistiamo. In genere è solitamente molto elevato, anche nelle bevande analcoliche. Ecco perché è così importante acquistare e leggere consapevolmente le etichette, soprattutto se abbiamo un problema di pressione sanguigna. Un video molto interessante che ci spiega molto semplicemente dove trovare il sale in alte quantità e come evitarlo.

Fonte: bioguia.com

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.