Press "Enter" to skip to content

Una stupenda zattera di roccia vulcanica ha attraversato l’oceano fino all’Australia, potrebbe salvare la barriera corallina

Una gigantesca flotta di rocce galleggianti, provenienti da un vulcano sottomarino nell’Oceano Pacifico, ha fluttuato tra le onde per migliaia di miglia. Alla fine, è arrivato fino in Australia, quindi ha iniziato un nuovo progetto: rivitalizzare il sistema di barriera corallina più grande (e molto minacciato) del mondo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questa improbabile catena di eventi può sembrare alquanto incredibile, ma è una storia del tutto vera – una storia che si è svolta in modo drammatico nell’ultimo anno , evidenziando i modi sorprendenti e in gran parte invisibili in cui i sistemi ambientali naturali della Terra si intersecano tra loro . Ancora più strano, non è la prima volta che succede. Un’eruzione nel 2001 dalla stessa montagna sottomarina, un vulcano senza nome, Vulcano semplicemente ribattezzato F o 0403-091 , che si trova nei pressi delle isole Vava’u a Tonga ha prodotto una simile produzione roccioso, che ha viaggiato anche sulle correnti in Australia nel giro di un anno.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quando si verifica questo fenomeno, crea quella che viene chiamata una zattera di pomice, una piattaforma galleggiante composta da innumerevoli pezzi di roccia vulcanica galleggiante e altamente porosa. Ognuna di queste piccole rocce attrae organismi marini, tra cui alghe, cirripedi, coralli e altro ancora. Questi piccoli viaggiatori finiscono per attraversare l’oceano in autostop e possono aiutare a seminare e ricostituire i sistemi di coralli in via di estinzione nella loro destinazione finale: per molti, la Grande Barriera Corallina.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ogni pezzo di pomice ha la sua piccola comunità che è stata trasportata attraverso gli oceani del mondo e abbiamo avuto trilioni di pezzi di questa pomice che fluttuavano là fuori dopo l’eruzione“, afferma il geologo Scott Bryan della Queensland University of Technology in Australia.Ogni pezzo di pomice è una casa e un veicolo per un organismo, ed è semplicemente straordinario. Il numero enorme di individui e questa diversità di specie vengono trasportati per migliaia di chilometri in pochi mesi è davvero fenomenale“.

Bryan sa una o due cose su queste migrazioni di pomice. Ha studiato le zattere vulcaniche per 20 anni, indagando sull’eruzione del 2001 , sul suo successore del 2019 (che ha iniziato a piovere sulle coste australiane ad aprile) e anche su altre eruzioni sottomarine. Il suo studio più recente, pubblicato il mese scorso, ha esaminato l’eruzione del 2012 dell’Havre Seamount, anche nel Pacifico meridionale, stimata come la più grande eruzione vulcanica sottomarina mai registrata, sostanzialmente equivalente alla più potente eruzione vulcanica sulla terra nel XX secolo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quell’evento produsse una gigantesca zattera di pietra pomice che finì per disperdersi su un’area grande il doppio della Nuova Zelanda, oltre a sporcare il fondo marino con pezzi giganti di pomice delle dimensioni di furgoni. “Non capiamo perché alcuni pezzi di pomice affondano durante l’eruzione nel luogo e altre possono galleggiare per molti mesi e anni sugli oceani del mondo” , dice Bryan , ma ulteriori analisi potrebbero colmare le lacune.

Questo ci aiuterà a capire i meccanismi e le dinamiche di queste eruzioni esplosive e a capire meglio perché queste eruzioni producono zattere di pomice potenzialmente pericolose“. Potenzialmente pericoloso è giusto. L’eruzione dell’anno scorso dal vulcano F ha prodotto alcuni video straordinari di come ci si sente a navigare in queste zattere gigantesche, che assomigliano a macchie di petrolio giganti, fatte solo di rocce ondulate che sembrano andare avanti per sempre.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Queste formazioni surreali e galleggianti non sono intrinsecamente pericolose di per sé, ma potrebbero avere il potenziale di danneggiare le barche e possono soffocare le coste in alcune circostanze, come attesta un altro video di quest’anno . Per ora, tuttavia, i ricercatori sperano che l’ultima consegna di Vulcano F possa fare qualcosa di buono per la Grande Barriera Corallina al largo della costa australiana, che è assediata dallo sbiancamento dei coralli mentre gli oceani del mondo si surriscaldano a causa dei cambiamenti climatici .

Mentre gli organismi trasportati sulla flottiglia di roccia possono aiutare a ricostituire gli ecosistemi della barriera corallina, gli scienziati sono ansiosi di sottolineare che non sono un proiettile d’argento.Le zattere di pomice da sole non aiuteranno a mitigare direttamente gli effetti del cambiamento climatico sulla Grande Barriera Corallina“, dice Bryan .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Si tratta di un aumento di nuove reclute, di nuovi coralli e altri organismi che costruiscono la barriera corallina, che avviene ogni cinque anni circa. È quasi come un’iniezione di vitamina per la Grande Barriera Corallina“. E forse anche molto più lontano. La zattera di pomice del 2019 – che un anno fa misurava circa 20.000 campi da calcio – può ora essere trovata lungo tutta la costa orientale australiana da Townsville nel nord del Queensland al nord del New South Wales: si estende su oltre 1.300 chilometri di costa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

È una dispersione massiccia, derivante da un singolo evento ben oltre l’orizzonte, e che serve a ricordarci i legami tra quelli che forse sembrano solo ecosistemi marini disparati.Questo dimostra che la Grande Barriera Corallina ha collegamenti con le barriere coralline che sono migliaia di chilometri più a est“, dice Bryan .

In termini di salute della Grande Barriera Corallina, è anche importante che queste distanti scogliere siano curate“. Per quanto riguarda il vulcano F, negli ultimi anni sta aumentando il suo profilo e in più di un modo. Le eruzioni in corso non stanno solo attirando l’attenzione degli scienziati, ma stanno anche cambiando e costruendo il paesaggio sottomarino intorno al vulcano.

Bryan faceva parte di una squadra di spedizione che ha esaminato il sito quest’anno, raccogliendo campioni e osservando come appare il vulcano sotto le onde. “È un vulcano che si sta avvicinando alla rottura della superficie e diventerà un’isola negli anni a venire”, dice Bryan. Abbiamo visto che aspetto può avere in altre parti del mondo , ed è uno spettacolo davvero sorprendente: invece di gigantesche zattere vulcaniche, intere isole pop-up emergono dall’oceano.

Fonte: sciencealert.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.