Press "Enter" to skip to content

Risultava spesso essere ubriaco a causa del suo stesso intestino. I medici lo hanno curato con un “trapianto di cacca.”

Dopo aver subito un ciclo di antibiotici, un uomo di 47 anni ha notato che si sentiva ubriaco a intervalli apparentemente casuali durante il giorno, anche senza consumare alcol. Questa rara condizione, nota come sindrome dell’autoproduzione di birra, si verifica quando il corpo produce alcol nell’intestino. I medici hanno cercato di trattare l’uomo con una dieta a basso contenuto di carboidrati e farmaci antifungini, in genere efficaci per questa condizione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ma non ha aiutato. Il paziente soffriva ancora di ubriachezza periodica e accidentale, in un caso così grave che ha perso la patente di guida dopo un controllo casuale della polizia. Quello che alla fine ha funzionato è stato un “trapianto di cacca”, secondo un caso di studio pubblicato il 18 agosto su Annals of Internal Medicine. I medici sono stati in grado di trasferire il microbiota fecale, i batteri presenti nella cacca, nell’intestino tenue del paziente. 34 mesi dopo, continua ad essere privo di sintomi, secondo lo studio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il trapianto è stato prelevato dalla figlia di 22 anni del paziente. La sindrome del dell’autoproduzione di birra fa sì che la crescita eccessiva del lievito produca alcol all’interno del corpo. I ricercatori hanno teorizzato che la crescita eccessiva di funghi , in particolare alcuni tipi di lievito, è alla base del fenomeno insolito. Quei funghi si nutrono dei carboidrati che una persona consuma e producono alcol, proprio come il lievito può nutrirsi dei cereali per produrre birra al di fuori del corpo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In questi casi, i pazienti spesso diventano molto intossicati dall’alcol nel loro sistema digerente, anche se non hanno bevuto. In un esempio estremo, si è scoperto che un uomo aveva quattro volte il limite legale di alcol nel sangue a causa della fermentazione intestinale.

Poiché i livelli di zucchero nel sangue alimentano la produzione di alcolici provocata dal lievito, i diabetici e le persone con cirrosi possono essere particolarmente suscettibili alla sindrome dell’autoproduzione di birra. Lo stesso vale per le persone che hanno subito un intervento chirurgico al tratto digestivo o che hanno recentemente completato un ciclo di antibiotici, poiché entrambi possono disturbare i microbi intestinali naturali e creare uno squilibrio. Questo era cosi per questo nuovo caso di studio. Il paziente, oltre ad aver assunto recentemente degli antibiotici, anni prima aveva anche subito un intervento di bypass gastrico.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In genere, una dieta a basso contenuto di carboidrati può aiutare a trattare questa sindrome, poiché meno carboidrati nel sistema significa meno zucchero per il lievito da convertire in alcol. Un farmaco antifungino può anche aiutare a domare il lievito troppo cresciuto. In questo caso di studio, tuttavia, quasi due mesi di consumo a basso contenuto di carboidrati e quattro settimane di farmaci apparentemente non hanno avuto successo. Gli autori dello studio raccomandano che i trapianti fecali siano considerati in casi simili di sindrome dell’autoproduzione di birra. Man mano che la ricerca sui trapianti migliora, potrebbero un giorno diventare una pratica standard per curare questa malattia.

Fonte: insider.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.