Press "Enter" to skip to content

Il polpo più grande al mondo nel guinnes dei primati – foto e video

Il polpo gigante del Pacifico ( Enteroctopus dofleini , precedentemente anche Octopus apollyon ), noto anche come il polpo gigante del Pacifico settentrionale , è un grande cefalopode marino appartenente al genere Enteroctopus . La sua distribuzione spaziale comprende la costa del Pacifico settentrionale , lungo California, Oregon, Washington, Columbia Britannica, Alaska, Russia, Giappone e penisola coreana. Può essere trovato dalla zona intertidale fino a 2.000 m (6.600 piedi) ed è più adatto ad acque fredde e ricche di ossigeno. È il polpo più grandespecie, sulla base di un record scientifico di un individuo di 71 kg (156 libbre) pesato vivo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

E. dofleini si distingue dalle altre specie per le sue grandi dimensioni. Gli adulti di solito pesano circa 15 kg (33 libbre), con un’apertura del braccio fino a 4,3 m (14 piedi). [3] Gli individui più grandi sono stati misurati a 50 kg (110 lb) e hanno una luce radiale di 6 m (20 piedi) [1] Lo zoologo americano GH Parker ha scoperto che i più grandi polloni su un polpo gigante del Pacifico sono di circa 6,4 cm ( 2,5 pollici) e può supportare 16 kg (35 libbre) ciascuno. [1] Il contendente alternativo per la specie più grande di polpo è il polpo a sette braccia ( Haliphron atlanticus ) basato su una carcassa incompleta di 61 kg (134 lb) che si stima abbia una massa viva di 75 kg (165 lb). [4] [5]Tuttavia, un numero di record di dimensioni discutibili suggerirebbe che E. dofleini è la più grande di tutte le specie di polpi con un margine considerevole, [6] incluso un rapporto di uno fino a 272 kg (600 libbre) di peso con un 9 m (30 -ft) apertura del braccio. [7] Guinness World Records elenca il più grande esemplare di 136 kg (300 libbre) con un’apertura del braccio di 9,8 m (32 piedi). [1] [8] Un catalogo delle Nazioni Unite di polpi dimensioni E. dofleini a 180 kg (396 lb) con una lunghezza del braccio di 3 m (9,8 ft): [9]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il dottor Roland Anderson, uno specialista di polpi, ha trovato alte concentrazioni di metalli pesanti e PCB nei tessuti e nelle ghiandole digestive. Egli suggerisce che queste alte concentrazioni siano state ottenute dalla loro preda preferita, il granchio rosso ( Cancer productus ) . [35] Questi granchi si seppelliscono nei sedimenti contaminati e mangiano le prede che vivono nelle vicinanze. [1] Quali effetti queste tossine hanno sui polpi non sono noti, ma è noto che altri animali esposti mostrano danni al fegato, cambiamenti nel sistema immunitario e morte. Il Monterey Bay Aquarium ha diffuso sul web un video molto interessante:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 polpi giganti del Pacifico non sono attualmente protetti dalla Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione o valutati nella Lista Rossa IUCN . [25] Il polpo gigante del Pacifico non è stato valutato dal Monterey Bay Aquarium Seafood Watch , sebbene siano elencate altre specie di polpi. [26] In combinazione con la mancanza di valutazione e l’etichettatura errata, è quasi impossibile monitorare l’abbondanza delle specie. Gli scienziati hanno fatto affidamento sui numeri delle catture per stimare l’abbondanza degli stock, ma gli animali sono solitari e difficili da trovare. [16]Le tecniche del DNA hanno aiutato nell’analisi genetica e filogenetica del passato evolutivo della specie. Dopo l’analisi del DNA, il polpo gigante del Pacifico potrebbe effettivamente essere tre sottospecie (una in Giappone, un’altra in Alaska e una terza a Puget Sound). A Puget Sound, la Washington Fish and Wildlife Commission ha adottato regole per proteggere il raccolto di polpi giganti del Pacifico in sette siti, dopo che un raccolto legale ha causato una protesta pubblica. [27] Le popolazioni di Puget Sound non sono considerate minacciate. Indipendentemente da queste lacune di dati nelle stime sull’abbondanza, i futuri scenari di cambiamento climatico possono influenzare questi organismi in modi diversi. Il cambiamento climatico è complesso, con prevedibili cambiamenti biotici e abiotici a molteplici processi tra cui limitazione dell’ossigeno, acidificazione dell’oceano riproduttivo, tossine, effetti su altri livelli trofici e modifica dell’RNA. Un video diffuso da Discovery Channel:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

Fonti:

  1.  Cosgrove, James (2009). Super Suckers, il polpo gigante del Pacifico. BC: Harbour Publishing. ISBN 978-1-55017-466-3.
  2. ^ Cosgrove, JA 1987. Aspetti della storia naturale del polpo dofleini , il polpo gigante del Pacifico. M.Sc. Tesi. Dipartimento di Biologia, Università di Victoria (Canada), 101 pp.
  3. ^ Smithsonian National Zoological Park: Giant Pacific Octopus Archiviato il 23 febbraio 2014 in Internet Archive
  4. ^ O’Shea, S. (2004). “Il polpo gigante Haliphron atlanticus (Mollusca: Octopoda) nelle acque della Nuova Zelanda”. Giornale di zoologia della Nuova Zelanda . 31 (1): 7–13. doi : 10.1080 / 03014223.2004.9518353 .
  5. ^ O’Shea, S. (2002). ” Haliphron atlanticus  – un gigantesco polpo gelatinoso” (PDF) . Aggiornamento sulla biodiversità . 5 : 1.
  6. Salta a:b Norman, M. 2000.Cephalopods: A World Guide. Hackenheim, ConchBooks, p. 214.ISBN978-3-925919-32-9 
  7. ^ High, WL (1976). “The Giant Pacific Octopus”. US National Marine Fisheries Service, Marine Fisheries Review . 38 (9): 17-22.
  8. ^ McClain, Craig R .; Balk, Meghan A .; Benfield, Mark C .; Branch, Trevor A .; Chen, Catherine; Cosgrove, James; Dove, Alistair DM; Gaskins, Lindsay C .; Helm, Rebecca R. (13 gennaio 2015). “Dimensionamento dei giganti oceanici: modelli di variazione delle dimensioni intraspecifiche nella megafauna marina” . PeerJ . 3 : e715. doi : 10.7717 / peerj.715 . ISSN  2167-8359 . PMC  4304853 . PMID  25649000 .
  9. ^ Jereb, Patrizia; Roper, Clyde; Norman, Mark; Finn, Julian (2016). Cephalopods of the World: un catalogo illustrato e annotato di specie di cefalopodi conosciute fino ad oggi (PDF) . Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite. p. 124. ISBN 978-92-5-107989-8. Estratto 23 febbraio il 2017 .
  10. “Giant Pacific Octopus” . Polpo gigante del Pacifico – Oceana .
  11. “Fatti del polpo gigante del Pacifico” . www.animalspot.net .
  12. “Il polpo mangia lo squalo” . Google Video . Estratto 13 novembre 2012 .
  13. ^ Walla Walla University Marine Invertebrates Key: Giant Pacific Octopus Archiviato il 14 gennaio 2009 in Internet Archive
  14. ^ McCulloch, S. (3 maggio 2012). “La donna BC guadagna fama per le foto di polpi che mangiano gabbiani” . Poste nazionali .
  15. ^ Sigler, MF; LB Hulbert; CR Lunsford; NH Thompson; K. Burek; G. O’Corry-Crowe; AC Hirons (24 luglio 2006). “Dieta dello squalo dormiente del Pacifico, un potenziale predatore di leoni marini di Steller, nell’Oceano Pacifico nord-orientale” (PDF) . Journal of Fish Biology . 69 (2): 392–405. CiteSeerX  10.1.1.330.8593 . doi : 10.1111 / j.1095-8649.2006.01096.x . Archiviata dall’originale (PDF) il 29 maggio 2010.
  16. Salta a:k Coraggio, Katherine Harmon (2013). Polpo! . USA: The Penguin Group. ISBN 978-1-59184-527-0.
  17. ^ Furuya, Hidetaka; Tsuneki, Kazuhiko (2003). “Biologia dei Dicyemid Mesozoans”. Scienza zoologica . 20 (5): 519–532. doi : 10.2108 / zsj.20.519 . PMID  12777824 .
  18. ^ Scheel, David. “Giant Octopus: Fact Sheet” . Alaska Pacific University. Archiviata dall’originale il 15 novembre 2012 . Estratto 13 novembre 2012 .
  19. “Giant Pacific Octopus (Octopus dofleini)” . NPCA. Archiviata dall’originale il 21 novembre 2008 . Estratto 13 novembre 2012 .
  20. ^ Anderson, RC; Legno, JB; Byrne, RA (2002). “Octopus Senescence: The Beginning of the End”. Journal of Applied Animal Welfare Science . 5 (4): 275–283. CiteSeerX  10.1.1.567.3108 . doi : 10.1207 / S15327604JAWS0504_02 . PMID  16221078 .
  21. ^ Anderson, RC (2005). “Quanto sono intelligenti i polpi?”. Coral Magazine . 2 : 44–48.
  22. ^ Anderson, RC; Mather, JA; Monette, MQ; Zimsen, SRM (2010). “I polpi (Enteroctopus dofleini) riconoscono i singoli esseri umani” . Journal of Applied Animal Welfare Science . 13 (3): 261–272. doi : 10.1080 / 10888705.2010.483892 . PMID  20563906 .
  23. ^ Zar, Jennifer. “Attraverso l’occhio di un polpo” . Scoprire.
  24. ^ Mather, JA; Kuba, MJ (2013). “Le specialità dei cefalopodi: sistema nervoso complesso, apprendimento e cognizione”. Giornale canadese di zoologia . 91 (6): 431–449. doi : 10.1139 / cjz-2013-0009 .
  25. “Lista rossa IUCN delle specie minacciate. Versione 2013.2” . Archiviata dall’originale il 27 giugno 2014 . Estratto 12 maggio il 2014 .
  26. “Monterey Bay Seafood Watch” . Archiviata dall’originale il 13 maggio 2014.
  27. “Processo di governo del polpo gigante del Pacifico” . Estratto 12 maggio il 2014 .
  28. ^ Mather, JA; Resler, S .; Cosgrove, JA (1985). “Schemi di attività e movimento di Octopus dofleini”. Journal of Marine Behavior and Physiology . 11 (4): 301–14. doi : 10.1080 / 10236248509387055 .
  29. ^ Mather, JA (2010). Octopus: l’Invertebrato Intelligente dell’Oceano . Portland. Londra: JB Timber Press. ISBN 978-1-60469-067-5.
  30. Salta a:b Andre, J; Haddon, M .; Pecl, GT (2010). “Modellazione delle soglie non lineari indotte dai cambiamenti climatici nelle dinamiche della popolazione dei cefalopodi”. Biologia del cambiamento globale16(10): 2866-2875. Bibcode:2010GCBio..16.2866Adoi:10.1111 / j.1365-2486.2010.02223.x.
  31. ^ Forsythe, JW; Hanlon, RT (1988). “Effetto della temperatura sulla crescita in laboratorio, la riproduzione e la durata della vita di Octopus bimaculoides”. Biologia marina . 98 (3): 369–379. doi10.1007 / bf00391113 .
  32. ^ Repolho, Tiago (2014). “Sfide evolutive e fisiologiche del polpo (Octopus vulgaris) nelle prime fasi di vita sotto il riscaldamento dell’oceano”. Journal of Comparative Physiology B . 184 (1): 55-64. doi : 10.1007 / s00360-013-0783-y . PMID  24100467 .
  33. ^ Guinotte, JM; Fabry, VJ (2008). “Acidificazione degli oceani e suoi potenziali effetti sugli ecosistemi marini”. Annali dell’Accademia delle scienze di New York . 1134 (1): 320–342. Bibcode : 2008NYASA1134..320G . CiteSeerX  10.1.1.316.7909 . doi : 10.1196 / annals.1439.013 . PMID  18566099 .
  34. ^ Gazeau, F .; Quiblier, C .; Jansen, JM; Gattuso, JP; Middelburg, JJ; Heip, CH (2007). “Impatto della CO2 elevata sulla calcificazione dei molluschi” . Lettere di ricerca geofisica . 34 (7): L07603. Bibcode : 2007GeoRL..34.7603G . doi : 10.1029 / 2006gl028554 . hdl : 20.500.11755 / a8941c6a-6d0b-43d5-ba0d-157a7aa05668 .
  35. ^ Scheel, D .; Anderson, R. (2012). “Variabilità nella specializzazione alimentare di Enteroctopus dofleini (Cephalopoda: Octopodidae) nel Pacifico orientale esaminata dal contenuto di melma”. Bollettino malacologico americano . 30 (2): 267–279. doi : 10.4003 / 006.030.0206 .
error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.