Press "Enter" to skip to content

USA, puma insegue sportivo per sei minuti “voleva difendere i suoi cuccioli” – ecco come è andata a finire – video

Sta facendo molto discutere il contenuto di un filmato girato da un giovane runner che, in una zona naturale degli Stati Uniti, è stato sorpreso da un esemplare adulto di puma che lo ha inseguito per circa sei minuti prima di lasciarlo andare. L’incontro ravvicinato ha visto una serie di tentativi di allontanamento, ricchi di ringhi e salti del felino americano:
 Secondo la ricostruzione rilasciata dal giovane, sembrerebbe che l’essere umano abbia trovato causalmente quelli che, apparentemente, sembravano dei cuccioli di lince. L’uomo si è poi avvicinato incuriosito ma è stato sorpreso dalla presenza della madre, constatando che si trattava in realtà di esemplari di puma, ben più pericolosi per l’uomo. L’esemplare adulto, evidentemente nel tentativo di difendere la sua cucciolata, ha così cominciato ad inseguire il corridore, soffiando, ringhiando e saltando mostrando i suoi artigli. L’uomo ha tentato in tutti i modi di allontanare il felino, prima urlando e poi fischiando. Alla fine, l’uomo si è chinato per raccogliere un masso riuscendo ad intimorire mamma puma che a quel punto ha preferito fuggire. Nessuno dei due è rimasto ferito. Un incontro ravvicinato finito nel bene se si tiene conto che questi felini possono predare anche gli esseri umani, soprattutto quando necessitano di alimentazione supplementare per la loro prole. Tuttavia, nel filmato il puma sembrava più interessato a scacciare l’intruso piuttosto che a ferirlo mortalmente. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Opportuno risulta ricordare che sono noti inoltre diversi attacchi predatori da questa specie (per approfondimenti, trovate una lista indicativa qui: https://en.wikipedia.org/…/List_of_fatal_cougar_attacks_in_…), con persino consumo della carne persone uccise. Questo vuol dire che un puma, se vuole, può uccidere un essere umano e nutrirsi della sua carne. In alcuni casi, ma non tutti, si è visto che gli individui autori di questi attacchi erano animali giovani e orfani, debilitati, che quindi rivolgevano le loro attenzioni a prede facili (es. https://www.insider.com/colorado-jogger-may-killed-baby-mou…).
In un caso ormai famoso e drammatico, un jogger si è salvato uccidento l’animale (https://in.reuters.com/article/instant-article/idINKCN1Q402Q), ma non sempre le persone si sono salvate. In conclusione, si tratta pur sempre di animali selvatici predatori che seguono il loro istinto e che quindi non vanno disturbati. Vallo lasciati in pace nel loro habitat naturale. Il Puma, pur essendo un animale di grande taglia, nell’ambito dei felidi è filogeneticamente più vicino al gatto domestico che non ad altri felini di dimensioni simili come i leopardi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.