Press "Enter" to skip to content

Gli astronomi hanno catturato rare immagini di un buco nero che distrugge una stella in fili simili a spaghetti e la divora

Gli astronomi hanno catturato un evento raramente visto: un bagliore di luce causato da un buco nero che divora una stella vicina come fossero spaghetti. Osservata nella costellazione dell’Eridano, a circa 215 milioni di anni luce dalla Terra, la distruzione della stella è l’evento più vicino che gli astronomi abbiano mai osservato. “Quando una stella sfortunata si avvicina troppo a un buco nero supermassiccio al centro di una galassia, l’estrema attrazione gravitazionale del buco nero distrugge la stella in sottili flussi di materiale“, l’autore dello studio Thomas Wevers, un collega dell’European Southern Observatory a Santiago, Cile, ha detto in un comunicato stampa sulla scoperta.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo processo è chiamato un evento di interruzione della marea – o, più colloquialmente, “spaghettificazione”, un cenno ai fili lunghi e sottili che una stella diventa quando la gravità del buco nero la allunga sempre più sottile. Quando questi filamenti vengono risucchiati nel buco nero, rilasciano un potente bagliore di energia che gli astronomi possono rilevare, anche da centinaia di milioni di anni luce di distanza. Esaminando la spaghettificazione in ‘dettagli senza precedenti’. Il team di ricerca ha scoperto la stella subito dopo che ha iniziato a essere squarciata e l’ha osservata attraverso lunghezze d’onda ultraviolette, ottiche, raggi X e radio. La combinazione della vicinanza e del tempo della stella ha permesso agli astronomi di studiarla con “dettagli senza precedenti”, secondo il comunicato stampa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Anche se una stella spaghettificante rilascia un bagliore di energia brillante, i ricercatori hanno spesso avuto problemi in passato a esaminare tali bagliori perché polvere e detriti li oscurano. Ora sanno che i detriti provengono dal processo di spaghettificazione stesso. “Abbiamo scoperto che, quando un buco nero divora una stella, può lanciare una potente esplosione di materiale verso l’esterno che ostruisce la nostra vista”, ha detto nel comunicato stampa Samantha Oates, astronomo dell’Università di Birmingham e coautore dello studio. In altre parole, quando il buco nero inghiotte la stella, rilascia energia che lancia verso l’esterno pezzi di detriti stellari. Il team ha anche stimato la dimensione della stella morente: era circa la massa del nostro Sole, che è 2 × 10 30 kg, o circa 330.000 Terre. Alla fine del periodo di studio, “ne ha perso circa la metà a causa del mostruoso buco nero, che è oltre un milione di volte più massiccio”, Matt Nicholl, ricercatore della Royal Astronomical Society presso l’Università di Birmingham e autore principale del studio, ha detto nel comunicato stampa. Andando avanti, gli astronomi sperano che le loro osservazioni dettagliate di questa stella spaghettificante possano aiutare i futuri ricercatori a demistificare eventi simili e, così facendo, aiutarci a saperne di più su come interagiscono i buchi neri e la materia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: businessinsider.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.