Press "Enter" to skip to content

Il folle che prende in mano il pesce più velenoso al mondo – video

L’animale mimetizzato nel fondale marino

Ha ricevuto quasi 100mila visualizzazioni il video postato su TikTok da un ragazzo che lo mostra mentre raccoglie un animale marino pericolosissimo per gli esseri umani:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Un esemplare di pesce pietra – photo embed (credits: Wikipedia.org)

nelle immagini – rilanciate da alcune testate giornalistiche telematiche – è infatti possibile notare come l’uomo abbia raccolto un esemplare di pesce pietra dalle acque di una spiaggia dell’Australia. Nelle immagini, è inoltre possibile ascoltare l’autore del filmato che illustra nei dettagli il funzionamento della tecnica difensiva del pesce. Il veleno del Synanceia verrucosa, infatti è uno dei più potenti al mondo. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il pesce pietra del reef è il pesce più velenoso del mondo. La sua area dorsale è rivestita da 13 spine, ciascuna delle quali ha due sacche di veleno. Le spine sono affilate e rigide ed è noto che perforano le suole degli stivali. Il veleno del pesce pietra può essere fatale a una dose di soli 18 mg, che il pesce è in grado di rilasciare con solo sei delle sue tredici spine. La composizione proteica differisce tra le tre specie di pesce pietra, ma nel pesce pietra di barriera la proteina fatale è la proteina verrucotossina:

photo embed – otlibrary.com

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli effetti del veleno includono dolore intenso, shock , paralisi e morte dei tessuti. Una dose elevata può essere mortale per gli esseri umani, generalmente i bambini piccoli, gli anziani e quelli con un sistema immunitario indebolito. Il trattamento medico include l’antidoto. Un anestetico locale può ridurre il dolore. Il primo soccorso include l’immersione dell’arto colpito in acqua calda; si pensa che questo aiuti a denaturare le proteine ​​nel veleno. L’immobilizzazione del veleno nel sito di penetrazione utilizzando un laccio emostatico o un bendaggio costrittivo solido non è più raccomandata. Le vittime sopravvissute possono avere danni ai nervi, che possono portare ad atrofia muscolare locale. Il veleno è costituito da una miscela di proteine, tra cui la stonustoxina emolitica , la verrucotossina proteica e la cardioleputina cardiotossica.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

 

- Prosegue dopo la pubblicità -
error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.